Eni Italian Tech Week

Eni all'Italian Tech Week 2021

Il 23 e 24 settembre siamo stati a Torino per la tech conference che punta a riunire idee e conoscenze del panorama tecnologico internazionale.

Italian Tech Week è la tech conference che si è tenuta il 23 e 24 settembre presso le OGR - Officine Grandi Riparazioni a Torino, con l’obiettivo di riunire idee, esperienze e storie del panorama tecnologico internazionale, un incontro tra alcuni dei più famosi ed influenti imprenditori, investitori e C-levels che stanno forgiando il futuro della tecnologia applicata a vari ambiti dell’attività umana.

Tra i relatori anche l'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, che, nell’ambito dell’intervento dal titolo A Zero-carbon Future, ha presentato al pubblico aspetti cruciali relativi alla ricerca e all'innovazione che ci consentiranno il raggiungimento della neutralità carbonica al 2050, con la consapevolezza che una corretta transizione energetica è legata a doppio filo ai cambiamenti tecnologici dei prossimi anni.

Siamo stati inoltre presenti con uno spazio espositivo in cui abbiamo mostrato in videoloop la nostra evoluzione con una selezione di progetti e tecnologie proprietarie.

Lancio eventi Italian Tech Week

L’agenda degli eventi

Due giorni dedicati a startupper, investitori ed aziende innovative per ispirarsi, conoscersi e fare rete.

Vai al sito

La transizione energetica è anche una transizione tecnologica

Innovazione tecnologica ed economia circolare, insieme alle nostre competenze, sono le leve strategiche per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione che Eni si è data: il raggiungimento della neutralità carbonica di tutti i suoi prodotti e processi al 2050. Dalla continua condivisione fra la ricerca e sviluppo e le diverse aree aziendali emerge, ancora una volta, il ruolo fondamentale che le tecnologie hanno in questa strategia e come la loro applicazione risulti cruciale nel raggiungimento dei suoi obiettivi. Per offrire ai nostri clienti un mix completo di soluzioni a zero emissioni, infatti, sviluppiamo processi sempre più efficienti assieme a nuove fonti e nuovi vettori energetici.

Investimenti, risorse e partnership per un futuro low-carbon

Anche noi, come altre aziende energetiche globali, siamo chiamati ad affrontare una sfida ambiziosa: produrre energia al più basso impatto carbonico. Per vincerla, negli ultimi 6 anni, Eni ha investito circa 5 miliardi di euro in ricerca e sviluppo e nell’implementazione di tecnologie per la decarbonizzazione, un ambito in cui attualmente lavorano 1500 persone di Eni, che nel corso degli anni hanno prodotto quasi 7500 brevetti tutt’ora in corso di validità, operano 50 impianti pilota e sono in corso collaborazioni con 70 Università e Centri Ricerche.

Il nostro impegno nella decarbonizzazione e nella transizione energetica si concretizza anche nelle partnership con eccellenze nel mondo della R&D, nazionali e internazionali, in particolare, sul fronte delle tecnologie dirompenti o breakthrough, come la fusione a confinamento magnetico, una fonte di energia sicura, sostenibile, praticamente inesauribile e senza alcuna emissione di inquinanti né scarti di lungo termine. Per lo studio e lo sviluppo relativo a quest'ultima tecnologia collaboriamo a stretto contatto con il Commonwealth Fusion Systems (CFS) e il Massachusetts Institute of Technology (MIT).

In Italia, insieme all’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) stiamo sviluppando un grande polo scientifico-tecnologico sulla fusione DTT (Divertor Tokamak Test).

Al tempo stesso, continuiamo a investire in iniziative di venture capital e di sviluppo e deployment di tecnologie disruptive con un focus su economia circolaredecarbonizzazione ed energie rinnovabili.

Le tecnologie che ci aiutano a cambiare

A seguire una selezione di video relativi ai nostri progetti e le soluzioni innovative per un futuro low-carbon, che punti ad abbattere le emissioni. Dalla potenza di calcolo di HPC5, l’infrastruttura di calcolo capace di 70 milioni di miliardi di operazioni matematiche svolte in un secondo, un grande alleato per la ricerca di energie alternative; passando per il Waste to Fuel, la tecnologia proprietaria per la gestione sostenibile della frazione umida dei rifiuti solidi urbani trasformati in preziosa risorsa. Anche la luce può fare la propria parte nel percorso di transizione verso energie pulite e sicure. I Concentratori Solari Luminescenti o Luminescent Solar Concentrators (LSC), sono pannelli di materiale plastico colorato con la capacità di riuscire a catturare la luce solare e a concentrarla ai bordi, dove viene intercettata da sottili celle fotovoltaiche e convertita in elettricità.