Come contribuiamo alla sicurezza degli approvvigionamenti

Operaio a bordo della nave guarda l'orizzonte

Contribuiamo a garantire l’approvvigionamento energetico grazie alla diversificazione geografica delle fonti

In un contesto socio-economico globale in costante mutamento, lavoriamo per assicurare la fornitura di energia in modo continuativo alle famiglie e alle aziende, mantenendo gli impegni di riduzione delle emissioni GHG, grazie a una rete di alleanze che abbiamo stretto con i Paesi produttori e accordi di collaborazione con partner internazionali.

 

Il nostro portafoglio globale di progetti ha un obiettivo preciso: la diversificazione geografica delle fonti. È una strategia che ci aiuta a garantire approvvigionamenti continuativi e sicuri di energia all’Italia e all’Europa e a soddisfare un altro obiettivo importante: la decarbonizzazione del mix energetico. 

 

Valorizzando il gas naturale come fonte energetica ponte a sostegno della transizione, al tempo stesso, è possibile esplorare le opportunità offerte dalle rinnovabili: dal solare (fotovoltaico e termico) all’eolico, dalle energie marine ai biocarburanti, fino al biogas e biometano.

Più fonti energetiche e più tecnologie, per il nostro mix di energia

Dal gas naturale alle rinnovabili, dalle bioenergie all’idrogeno: la diversificazione energetica è fondamentale per raggiungere l’obiettivo Net Zero.

I quattro porti italiani del gas naturale

I rigassificatori, gli impianti che ricevono il gas naturale liquefatto (GNL) trasportato dalle navi e lo trasformano in gas da immettere in rete, sono fondamentali per permettere la diversificazione geografica delle fonti e, di conseguenza, garantire la sicurezza degli approvvigionamenti. Per quanto riguarda il territorio italiano, i carichi via mare di GNL fanno rotta verso quattro distinti impianti di rigassificazione:

  • il Terminale GNL Adriatico al largo di Porto Viro, in provincia di Rovigo, una vera e propria isola artificiale (GBS, Gravity Based Structure), attiva dal 2009
  • l’impianto Offshore LNG Toscana (OLT) un’unità galleggiante di stoccaggio e rigassificazione (Floating Storage and Regasification Unit, FSRU) posizionata al largo delle coste tra Livorno e Pisa, attiva dal 2013
  • l'impianto GNL di Golar Tundra, FSRU attraccata al porto di Piombino e operativo da metà 2023
  • l’impianto onshore sulla costa ligure a Panigaglia in provincia di La Spezia, la prima struttura di questo tipo mai realizzata in Italia, attiva dall’inizio degli anni Settanta.

 

Gli accordi internazionali per gli approvvigionamenti di gas naturale

Per contribuire ad assicurare l’approvvigionamento di energia in un complesso contesto internazionale, abbiamo ampliato il nostro portafoglio di progetti di gas naturale.



Back to top
Back to top