Badamsha 1 e 2, i nostri progetti eolici in Kazakistan

Due persone camminano nell’impianto eolico sulla neve

Grazie ai due parchi eolici di Badamsha produciamo energia elettrica, rinnovabile e a zero emissioni di CO₂, che immettiamo nella rete locale del Kazakistan. L’impianto Badamsha 1 è situato nella regione nord-occidentale di Aktobe e rappresenta per noi il primo investimento nel settore eolico su larga scala. Badamsha 2 è il secondo progetto eolico nella stessa regione e raddoppia la capacità installata nella prima struttura.

 

Da oltre tre decenni, la nostra presenza in Kazakistan è contraddistinta da un impegno costante per il progresso del Paese. I nostri parchi eolici hanno un impatto positivo sull’economia locale, creando opportunità di lavoro per la comunità. Attraverso collaborazioni con le università locali, contribuiamo alla formazione di lavoratori altamente specializzati, mentre i nostri progetti per la salvaguardia dell’ambiente pongono le basi per uno sviluppo sostenibile nel territorio kazako.

Caratteristiche del progetto

Data inizio attività: 2020 - in corso

Kazakistan

 

 

Energie da fonti rinnovabili
Energie da fonti rinnovabili

Arm Wind (Plenitude 100%)

Ministero dell’Energia della Repubblica del Kazakistan
GE Renewable Energy

Sviluppo e operatività del progetto

Energia rinnovabile dal vento del Kazakistan

La produzione annuale di energia si stima possa arrivare fino a 198GWh, equivalenti al consumo di circa 37 mila famiglie e con un risparmio complessivo di CO2 pari a 172 mila tonnellate.
Gli impianti, Badamsha 1 e 2, sono entrati in servizio nel 2020 e nel 2022 ognuno di essi ha una capacità installata di 48 MW, per un totale di 96 MW. A oggi le turbine eoliche di Badamsha 2 sono le più grandi del Paese per dimensioni, il diametro del motore arriva a 158 metri ed è collocato a un’altezza di oltre 100 metri. I due parchi eolici rientrano nella strategia di Eni nel settore delle rinnovabili che ha l’obiettivo di raggiungere un portafoglio equilibrato e diversificato.



Back to top
Back to top