Le nostre attività in Kenya 

Donna africana tiene in mano semi di ricino

Operiamo in Kenya nel settore esplorativo e nel settore agro-industriale. Il Paese fa da apripista in Africa alla produzione di olio vegetale per le bioraffinerie Eni di Gela e Venezia, attraverso un modello di economia circolare che promuove lo sviluppo delle comunità locali e assicura quantità crescenti di materia prima sostenibile al mercato energetico globale. Il Kenya gode di un altro primato: nel 2023 la compagnia di bandiera utilizza per la prima volta carburante sostenibile per l’aviazione (SAF) prodotto da Enilive per la tratta Nairobi-Amsterdam.

Il continente africano ha un ruolo sempre più strategico nell’economia e nella geopolitica internazionali. Per sostenere una costante crescita demografica e il rapido sviluppo economico sono necessari importanti volumi di risorse da impiegare in vaste aree, come la regione subsahariana, dove milioni di persone sono ancora escluse dall’accesso all’energia. In questo contesto, la transizione energetica rappresenta una sfida complessa e un’opportunità: soddisfare i crescenti consumi locali in modo efficiente attraverso la modernizzazione del mix energetico.

Profilo Paese

Data inizio attività: 1960 - in corso

Bioenergie
Bioenergie
Oil & Gas
Oil & Gas
Diversificazione economica
Diversificazione economica
Accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari
Accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari

Eni Kenya

Qatar Petroleum

Come operiamo in Kenya

Da Agip Kenya all’esplorazione

Agip Kenya è stata la prima società Eni a operare nel campo dell’importazione e della distribuzione di prodotti e sottoprodotti petroliferi, concimi azotati e gomma sintetica a partire dagli anni ‘60. Oggi, come Eni Kenya, siamo impegnati anche in attività esplorative nell’offshore, in sei blocchi situati nelle acque profonde del Bacino di Lamu, antistante Mombasa.

Dal Kenya il primo cargo di bio-olio verso l’Italia

Il Kenya è il primo Paese africano in cui abbiamo realizzato un impianto di spremitura di semi oleaginosi per l’estrazione di olio vegetale destinato alla produzione di biocarburanti Situato a Wote, nella contea di Makueni, il centro, definito anche agri-hub, ha una capacità di 15mila tonnellate all’anno e, dal 2022, alimenta la bioraffineria Eni di Gela. 

Si tratta di un nuovo modello nel settore dell’agribusiness che consente al Kenya di inserirsi nella catena industriale della produzione di carburanti sostenibili a livello globale, attraverso la produzione di agri-feedstock, ovvero di materie prime coltivate su terreni degradati, semi-aridi o abbandonati non in competizione con la filiera agroalimentare.

Al primo impianto, ne seguirà un secondo. Il piano di sviluppo degli agri-hub genera opportunità di reddito e accesso al mercato per decine di migliaia di agricoltori. Pprevede che funzionino anche come poli di formazione e supporto tecnico per i lavoratori locali con lo scopo di contribuire al miglioramento delle produzioni agricole e alla rigenerazione dei suoli, anche attraverso l’adozione di buone pratiche e alla promozione della sicurezza alimentare nei territori. 

La raccolta degli olii esausti e altre iniziative

Nell’ambito dei progetti di economia circolare avviati nel Paese anche la raccolta dell’olio di cucina esausto (UCO) che coinvolge catene di fast food, ristoranti e alberghi e uno studio per la conversione della raffineria di Mombasa in bioraffineria.  A partire dal 2018, siamo il finanziatore privato di un programma di accelerazione d’impresa, frutto della collaborazione tra diversi partner, tra cui la Fondazione E4Impact, il Centro Studi di Politica Internazionale (CeSPI), l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) e l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.  Infine, nella Contea di Lamu, abbiamo costruito un impianto di dissalazione a energia solare per la produzione di acqua pulita e potabile, circa 20.00 litri al giorno, di cui beneficiano 2.000 abitanti, dato che, nei periodi di siccità può salire fino a 6.500 persone. 

Numeri in evidenza

Di seguito una selezione di dati che riguardano le nostre attività nel Paese.

200
mila ton/a

produzione agri-feedstock al 2026


25
mila

famiglie coinvolte in progetti agri-feedstock


400
fornitori

coinvolti nella raccolta e nell’export degli oli usati nel 2022


50.677
km²

superficie lorda non sviluppata vs 41.892 km² totale superficie netta


200
mila ton/a

produzione agri-feedstock al 2026

25
mila

famiglie coinvolte in progetti agri-feedstock

400
fornitori

coinvolti nella raccolta e nell’export degli oli usati nel 2022

50.677
km²

superficie lorda non sviluppata vs 41.892 km² totale superficie netta

Espandi

La nostra storia in Kenya

Dai prodotti petroliferi ai biocarburanti, condividiamo il cammino del Paese verso la transizione energetica.

Maggio

2023

Dicembre

2022

Ottobre

2022

Luglio

2022

Dicembre

2021

Luglio

2021

Luglio

2021

2013

1960

Il primo volo dall’Africa con SAF di Enilive

Copre la tratta Nairobi-Amsterdam il volo della Kenya Airways alimentato con il carburante sostenibile per l’aviazione prodotto da Enilive.

Parte il programma SEMAKENYA II

In collaborazione con AICS, l’iniziativa è volta alla sperimentazione di tecnologie e pratiche agronomiche sostenibili resilienti al clima nella Contea di Makueni.

Avviato l’export di olio vegetale

Il primo cargo di olio vegetale per la bioraffinazione prodotto da Eni in Kenya parte dal porto di Mombasa, diretto alla bioraffineria di Gela.

In funzione il primo agri-hub

A Makueni è attivo lo stabilimento per la raccolta e spremitura di semi oleaginosi (agri-hub) con l'avvio della produzione di olio vegetale per le bioraffinerie.

Comincia la produzione di agri-feedstock

Circa 25 mila famiglie di agricoltori locali sono coinvolte nella produzione di agri-feedstock per la filiera della bioraffinazione.

Memorandum d’Intesa con AICS

L’accordo di collaborazione riguarda settori chiave per lo sviluppo del Paese, come agricoltura e ambiente, salute e formazione, innovazione e accesso all’energia.

Memorandum d’Intesa con il Governo del Kenya

L'accordo prevede la promozione del processo di decarbonizzazione attraverso l'integrazione dell’economia circolare lungo l’intera filiera. 

Nasce Eni Kenya

Riprendono le attività nel settore dell’esplorazione e produzione delle risorse naturali. 

Nasce Agip Kenya

La società avvia le attività di produzione e distribuzione di prodotti e sottoprodotti petroliferi, concimi azotati e gomma sintetica.

Eni Kenya

Kenya Branch

Eaton Place

5th Floor

Gigiri, United Nations Crescent

Off Limuru Road

P.O. Box 2913-00621

Nairobi, Kenya

Ultimo aggiornamento: 22 giugno 2023


Back to top
Back to top