Lo sviluppo locale, una priorità per Eni

Dottoressa africana guarda attraverso il microscopio

Il nostro approccio allo sviluppo locale

Promuoviamo Programmi per lo Sviluppo e iniziative di accesso all’energia a favore delle comunità nei territori che ospitano le nostre attività. Garantire l’accesso all’energia significa rispondere ai bisogni primari delle comunità, dalla salute all’istruzione, passando per il sostegno alle imprese locali e la creazione di opportunità di lavoro.

Il nostro approccio distintivo, definito “Dual Flag”, si basa sul rispetto dell’individuo e sulla disponibilità a impegnarci nei territori in cui siamo presenti per favorire lo sviluppo. Le Alleanze per lo sviluppo si fondano su un profondo rispetto delle persone, sulla conoscenza delle istanze locali e su partnership con enti nazionali e internazionali sviluppate e consolidate negli anni. Ispirate anche dagli Accordi di Parigi e ai Principi Guida su Imprese e Diritti Umani, queste collaborazioni moltiplicano gli impatti delle iniziative avviate nei Paesi, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030. Sosteniamo iniziative a favore delle comunità locali per prevenire la violenza di genere, per la creazione di opportunità di reddito, di accesso alle attività educative e produttive supportando l’indipendenza economica delle donne.

Le iniziative di prevenzione e contrasto alla violenza di genere

Dal 2020 aderiamo alla campagna delle Nazioni Unite contro la violenza nei confronti di donne e ragazze "16 Days of Activism against Gender-Based Violence". In linea con il tema “Investing in Prevention”, portiamo avanti iniziative a favore delle comunità locali per la prevenzione della violenza contro le donne.

Investiamo nel coinvolgimento delle donne nei propri progetti volti a creare opportunità di reddito, a partire dall’agricoltura e dalla pesca, in quanto la dipendenza economica è strettamente associata alla violenza di genere. Il Green River Project in Nigeria, ad esempio, attraverso la diversificazione delle colture, l’introduzione di nuovi input e tecnologie e la formazione di donne e giovani, ha aumentato la produttività agricola, le opportunità di lavoro in nuove cooperative ed il reddito pro capite.  

Promuoviamo l’accesso all’istruzione focalizzandoci sulle barriere che limitano la partecipazione di bambine e ragazze. Questi sforzi sono essenziali ai fini della prevenzione alla violenza di genere, in quanto:

  • è dimostrato che il mancato accesso all’istruzione per bambine e ragazze è, in base ai contesti, causa e/o conseguenza di una precoce esposizione a forme di violenza di genere, tra cui i matrimoni forzati e le gravidanze precoci
  • l’istruzione è uno strumento fondamentale per raggiungere l’indipendenza economica. Ad esempio in Egitto, il progetto ‘"Applied Technology School in Port Said" ha portato, in un settore educativo prevalentemente maschile come quello delle scuole professionali, un'importante partecipazione femminile, garantendo alle ragazze strumenti di tutela come la presenza di un grievance mechanism
  • la scuola rappresenta un luogo privilegiato dove sensibilizzare bambine e bambini in merito alla violenza di genere e superare norme socio-culturali che limitano l’emancipazione femminile.

Focalizzandoci sull’accesso all’igiene mestruale, non solo si prevengono forme di violenza di genere che si diffondono a causa dell’inaccessibilità (anche economica) di prodotti igienico-sanitari, ma si agisce anche su una barriera critica per la frequenza scolastica. Ad esempio, il progetto di accesso all’educazione in Ghana, oltre alla ristrutturazione degli ambienti scolastici e dei servizi igienici e la formazione del personale docente, ha previsto attività di sensibilizzazione sulla violenza di genere e la distribuzione di prodotti per l’igiene mestruale, arrivando a raggiungere un tasso di frequenza del 100%.

Attraverso i progetti di accesso all’acqua e al clean cooking, contribuiamo alla prevenzione della violenza nei confronti delle donne, in quanto è ampiamente documentato che la raccolta di acqua e legna - attività nella maggior parte dei casi demandate alle donne - espongono ad un maggiore rischio di subire violenza di genere, in quanto avviene in aree non sempre in prossimità delle comunità. Inoltre, questi progetti liberano tempo che le donne possono impiegare per attività produttive e/o formative, supportando quindi l’indipendenza economica.

La nostra presenza globale: progetti e iniziative

I nostri interventi favoriscono l’accesso ai diritti essenziali. Contribuiamo alla promozione del diritto all’energia, all’acqua, all’alimentazione, all’educazione, alla salute, alla tutela dell’ambiente e allo sviluppo economico.

Programmi di Sviluppo Locale in collaborazione con i Paesi

Definiamo con i Governi Programmi per lo Sviluppo Locale in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e coi Piani Nazionali di Sviluppo (Nationally Determined Contributions – NDC) basati su cinque linee di azione.

La sostenibilità integrata nel business

Adottiamo strumenti in linea con i principali standard internazionali (definiti da IPIECA, WBCSD, UN, World Bank) in coerenza con gli SDGs. A guidarci sono i seguenti principi:

La conoscenza dei contesti socioeconomico, ambientale e culturale del Paese attraverso l’applicazione di strumenti riconosciuti a livello internazionale, applicati anche a livello subnazionale, come l’Indice Globale di Povertà Multidimensionale (Global MPI - Multidimensional Poverty Index), i Country profiles sui Sustainable development goals (definiti da SDSN) o le analisi di impatto sociale ed ambientale (ESHIA). Ci impegniamo ad assicurare che le nostre attività non impattino negativamente sulla vita delle persone interessate dalle attività, attraverso un modello risk-based che classifica i progetti di business e la realizzazione di valutazioni di impatto ambientale sociale e sulla salute, realizzate secondo standard internazionali integrando, se necessario, gli standard locali.

La relazione continua e biunivoca, con chi è coinvolto direttamente o indirettamente, permette l’analisi delle loro richieste (e/o eventuali reclami), la comprensione dei bisogni locali e il consolidamento della reciproca fiducia.

 

Il monitoraggio delle attività per identificare criticità, opportunità e rischi dal punto di vista socioeconomico e ambientale, incluso il rispetto e la promozione dei diritti umani, attraverso l’applicazione di strumenti di impact assessment (ESHIA) standard per tutti i contesti di presenza e conformi alle normative internazionali, integrando, se necessario, gli standard locali.

 

L’analisi dei bisogni locali, la definizione e l’implementazione di programmi di sviluppo locale (LDP) coerenti con i Piani Sviluppo Paese, l’Agenda 2030 e i Nationally Determined Contributions (NDCs).

 

Gestiamo la valutazione e la misurazione dello sviluppo locale attraverso l’uso di strumenti e metodologie:

  • proprie e sviluppate in collaborazione con istituti accademici come l’Eni Local Content Evaluation (ELCE)
  • condivise a livello internazionale e adottate da Eni, come il Logical Framework Approach (LFA), il results-based management approach e la gestione del ciclo del progetto. 

Le numerose collaborazioni con istituzioniagenzie di cooperazione e stakeholder locali consentono un approccio utile a individuare gli interventi fondamentali da attuare sul territorio.

La Formula Mattei, lo sviluppo parte dalla cooperazione

La strategia sviluppata da Enrico Mattei promuove la collaborazione con i territori in cui operiamo per favorire lo sviluppo sostenibile e soddisfare i bisogni delle comunità.

Energia accessibile

Nel nostro percorso di decarbonizzazione, sosteniamo una transizione che consenta a tutti l'accesso economico a un'energia affidabile e sostenibile, attraverso approvvigionamenti sicuri.

Donna che guarda l'orizzonte con la luce del sole tra le mani

Le collaborazioni per lo sviluppo sostenibile

Avviamo progetti insieme a organizzazioni della società civile, agenzie, fondi e programmi delle Nazioni Unite, organizzazioni nazionali e regionali di cooperazione, istituzioni finanziarie ed esponenti del settore privato.

Tutti i dati sulle nostre performance di sostenibilità



Back to top
Back to top