cover-gela-new.jpg

Gela: investimenti in economia circolare e rinnovabili

Anche a Gela siamo impegnati nella salvaguardia del territorio puntando sulla ricerca e sullo sviluppo sostenibile.

Lo sviluppo delle energie rinnovabili

A Gela, nel 2012, Eni Rewind ha realizzato un progetto circolare pionieristico con la trasformazione in un parco fotovoltaico da 5 MW dell’ex discarica ISAF (Industria Siciliana Acido Fosforico), sulla quale era stata precedentemente realizzata una messa in sicurezza permanente. Prevista l’installazione di due impianti fotovoltaici con pannelli tradizionali presso due aree non più utilizzate della raffineria di Gela, per una capacità complessiva di 3,5 MW, beneficiando delle sinergie delle facilities e utilities della Raffineria di Gela (RaGe). Il primo impianto da 1 MW è entrato in esercizio a luglio 2018. È inoltre in fase di sviluppo un ulteriore progetto fotovoltaico da circa 5 MW presso un’area esterna e contigua al Nuovo Centro Oli.

 

Progetto pilota solare a concentrazione (CSP)

È stato installato nel 2019, presso il Nuovo Centro Oli di Gela, un sistema di specchi a concentrazione solare di nuova concezione della capacità di 100 kW termici di energia, che evita l’immissione di 45 tonnellate all’anno di CO2. Il progetto è in collaborazione con MIT e Politecnico di Milano.

 

Impianto Pilota Waste To Fuel

Eni con Eni Rewind ha avviato la realizzazione un impianto pilota per sperimentare la tecnologia proprietaria Waste to Fuel che trasforma la frazione organica dei rifiuti solidi urbani (FORSU) in bio olio. I rifiuti urbani provengono dalla raccolta differenziata effettuata nel territorio. L’impianto pilota è stato avviato a dicembre 2018 con produzione del primo bio olio a gennaio 2019.

 

Risanamento ambientale

Eni Rewind sperimenta sul campo tecnologie innovative per la bonifica e il monitoraggio di suoli e falda, nate nei nostri laboratori di ricerca. Dal 2016 la società ambientale di Eni, al fine di ottimizzare e velocizzare il risanamento delle acque sotterranee, adotta a Gela un dispositivo denominato e-hyrec® in grado di emungere selettivamente il prodotto organico galleggiante in falda. I vantaggi a livello ambientale sono un notevole risparmio di risorsa idrica in smaltimento  e tempi di bonifica più brevi.

LNG/CNG

È stato completato lo studio di fattibilità per la valutazione di una base logistica a Gela per la distribuzione di LNG/CNG. Successivamente è stato sottoscritto l'accordo tra MiSE, Regione Sicilia, Amministrazione Comunale di Gela ed Eni per dare seguito a una fase di approfondimento su temi di natura tecnica e commerciale, per verificare la sussistenza delle condizioni per sviluppare una iniziativa LNG a livello industriale.

 

Blue Sea Technologies

Gela è stata identificata come hub per la gestione delle apparecchiature e sistemi di monitoraggio brevettati da Eni, ovvero il Clean Sea, sistema di monitoraggio ambientale sottomarino da utilizzarsi nell’area del Mediterraneo, il Rapid Cube e il Dual ROV killing system,apparecchiature utilizzabili in tutto il mondo per garantire la gestione in sicurezza di pozzi offshore.

Il Rapporto locale di sostenibilità di Eni a Gela 2020

Ogni anno, pubblichiamo un rapporto completo sulle attività svolte dalle realtà Eni presenti nel sito di Gela e, in particolare, sul loro contributo al raggiungimento degli obiettivi di neutralità carbonica al 2050. Il documento illustra il percorso nell’affrontare le sfide della transizione energetica, ancora più marcate a seguito dell’emergenza sanitaria iniziata nel 2020, con un’attenzione speciale alla sicurezza delle persone e al rispetto dell’ambiente. L’edizione 2020 del Rapporto Locale di Sostenibilità rappresenta la sintesi delle attività avviate sul territorio, con la collaborazione attiva e virtuosa con gli stakeholder locali, nell’ottica di raggiungere insieme un obiettivo condiviso di sostenibilità nel lungo periodo. 

Il documento fa parte della reportistica di sostenibilità di Eni, che include la Dichiarazione Consolidata di Carattere Non Finanziario 2020 (DNF), redatta in conformità con le richieste del D.Lgs. 254/2016, e il report di sostenibilità Eni for 2020, cui si rimanda per ulteriori approfondimenti.

PDF 4.01 MB