Enibioch4in

Centrale di biometano

La crescita del biometano in Italia

Con l’acquisizione nel 2021 di 22 impianti in Italia, di cui 21 per la generazione di energia elettrica da biogas e un impianto per il trattamento della FORSU, la frazione organica dei rifiuti solidi urbani, Enibioch4in - società di Enilive - ha posto le basi per una forte crescita nel settore del biometano, puntando a riconvertire le strutture alla produzione di biometano per immettere in rete, a regime, oltre 50 milioni di metri cubi all’anno.

L’operazione rientra nell’ambito della più ampia strategia di decarbonizzazione di Eni, che prevede l’obiettivo del totale abbattimento delle emissioni di processi industriali e prodotti al 2050, e rappresenta una delle leve per una rapida crescita delle produzioni rinnovabili, al fine di mettere a disposizione dei clienti una quota crescente di prodotti green e bio (biocarburanti liquidi e bio-metano), integrandosi con l’aumento delle stazioni di servizio Eni che erogheranno CNG (Compressed Natural Gas) e LNG (Liquefied Natural Gas) sulla rete italiana.

I numeri del biometano

I dati più rappresentativi della produzione.

50mln
smc/anno

dalla riconversione completa degli attuali siti EBC


21
impianti

biogas


1
impianto

biometano


50mln
smc/anno

dalla riconversione completa degli attuali siti EBC

21
impianti

biogas

1
impianto

biometano

Espandi

Economia circolare e biometano

La produzione di biometano si pone nel quadro dell’economia circolare, consentendo la valorizzazione degli scarti agricoli, agroindustriali, reflui zootecnici e rifiuti organici, favorendo così la costituzione di un legame tra mondo agricolo e dell’energia in un’ottica di sostenibilità di lungo termine.

A valle del decreto del Ministero della Transizione Ecologica (ora Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica) del 15 settembre 2022, n. 340, recante disposizioni per l’incentivazione del biometano immesso nella rete del gas naturale e prodotto, nel rispetto dei requisiti di sostenibilità di cui alla direttiva 2018/2001/UE dell’11 dicembre 2018, da impianti di nuova realizzazione, agricoli e non, e da impianti di produzione di elettricità alimentati da biogas agricolo oggetto di riconversione; con i primi  bandi pubblici per la partecipazione alle procedure competitive per l'accesso agli incentivi per il biometano emessi dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici), si stimano oltre 1,7 miliardi di euro a disposizione per promuovere la produzione di 2 miliardi di metri cubi annuali entro l’anno 2026: 10 volte la produzione attuale. 

La produzione di biometano

Eni intende promuovere l’intera catena del biometano con accordi di collaborazione con varie organizzazioni professionali, dialogando con le aziende produttrici di biogas per la produzione di biometano derivante da digestione anaerobica di biomasse, effluenti zootecnici e FORSU.

Febbraio 2023. Prima immissione nella rete AcegasApsAmga

L’impianto di Enibioch4in “Quadruvium” a Codroipo ha avviato l’immissione di biometano nella rete di distribuzione di AcegasApsAmga (Gruppo Hera).

Benefici e vantaggi

È un esempio concreto

di economia circolare

È un’opportunità per la valorizzazione

dei rifiuti organici e dei sottoprodotti agricoli

Crea opportunità di sviluppo sostenibile

per l’economia locale

È fonte di energia

rinnovabile, flessibile e pulita

Emette livelli quasi nulli di polveri

riducendo ulteriormente le emissioni di CO₂ rispetto ai carburanti tradizionali

Enibioch4in S.p.A.

Via Felice Maritano, 26

20097 San Donato Milanese

enibioch4in@pec.eni.com



Back to top
Back to top