Eni è partner di Cubisti Cubismo un’importante mostra su Picasso, Braque, Léger e il linguaggio internazionale del cubismo, dall’8 Marzo al 23 Giugno 2013, presso il Complesso del Vittoriano a Roma.

La mostra intende esplorare il cubismo in quanto linguaggio internazionale rivoluzionario, creato in Francia tra il 1907 e il 1914 da Pablo Picasso e George Braque e ripreso subito dopo da Fernand Léger e Juan Gris. Diffusosi a macchia d’olio nell’arco di tre anni, il cubismo conquistò artisti in Spagna, Olanda, Inghilterra, Svizzera, Cecoslovacchia, Russia, Messico, Italia e Stati Uniti, restando sinonimo di modernità fino alla fine della prima guerra mondiale e ancora oltre.

Non solo cubisti: il cubismo, oltre ad essere moderno stile artistico è anche nuovo paradigma di un mondo in mutamento, sconvolto da rapidi cambiamenti politici e sociali. In quanto linguaggio rivoluzionario è capace di trasformare non solo la pittura, ma anche l'architettura, la letteratura, il teatro, la musica, il cinema, il design, l'arredamento, la moda. In mostra, dunque, oltre ai capolavori di artisti cubisti noti e meno noti, anche l'espressione del cubismo nelle sue varie sfaccettature.

Organizzata con la  collaborazione del Ministero per i Beni Culturali, della Regione Lazio e del Comune di Roma, sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica, l’esposizione vanta la collaborazione e il supporto di numerosi musei di grande prestigio, tra i quali la Tate, il Victoria and Albert Museum e la Courtauld Gallery di Londra, lo State Pushkin Museum of Fine Arts di Mosca, The State Hermitage Museum di San Pietroburgo, la National Gallery of Art di Washington e la Solomon R. Guggenheim Museum and Foundation di New York, il Philadelphia Museum of Art di Philadelphia, la Fundacio'n Coleccio'n Thyssen-Bornemisza di Madrid.

Back to top