PRICE SENSITIVE
Finanza, Risultati e Piano Strategico

Eni avvia il collocamento accelerato di azioni detenute in Galp Energia e l'emissione di bond convertibili in azioni ordinarie della compagnia portoghese

26 novembre 2012 - 5:55 PM CET
 

Eni S.p.A. ("Eni") ha avviato l’offerta di un quantitativo pari a 49.755.038 di azioni di Galp Energia SGPS S.A. ("Galp Energia")

 

San Donato Milanese (MI), 26 novembre 2012 – Eni S.p.A. (“Eni‘) ha avviato l’offerta di un quantitativo pari a 49.755.038 di azioni di Galp Energia SGPS S.A. (“Galp Energia‘) attraverso una procedura di accelerated bookbuilding (“offerta equity‘). L’offerta equity, come stabilito negli accordi siglati tra Eni, Amorim Energia BV (“Amorim Energia‘) e Caixa Geral de Depositos S.A. (“CGD‘) il 29 marzo scorso (gli “accordi‘), include il diritto per CGD, in relazione alla sua partecipazione dell’1%, di vendere la propria quota contestualmente alla vendita effettuata da Eni (tag along right).
Il numero complessivo delle azioni cedute nell’ambito dell’offerta equity sarà determinato al momento del pricing.

L’accelerated bookbuilding prevede il collocamento accelerato delle azioni di Galp Energia presso investitori istituzionali internazionali attraverso transazioni in linea con la Regulation S del U.S. Securities Act 1933 come modificato (“Securities Act‘) e presso acquirenti istituzionali qualificati in linea con la Rule 144a del Securities Act.

In concomitanza con l’offerta equity, Eni intende avviare un’offerta di bond senior unsecured (i “Bond‘) convertibili in azioni ordinarie di Galp Energia (“offerta bond‘) per un ammontare complessivo di circa 1.100 milioni di euro. L’offerta bond sarà effettuata in linea con la Regulation S del Securities Act.
In merito alle caratteristiche dei Bond, Eni prevede una scadenza a 3 anni con una cedola tra 0 e 0,25% all’anno, pagabile annualmente in via posticipata. Il premio di conversione sarà determinato al momento del pricing ed è atteso tra il 30% e il 35% superiore al prezzo di collocamento dell’offerta equity.
L’offerta bond è stata approvata oggi dal Consiglio di Amministrazione di Eni.

 

Eni si impegna a non collocare sul mercato ulteriori azioni di Galp Energia per un periodo a partire da oggi e fino a 90 giorni dalla conclusione delle transazioni annunciate.

Secondo gli accordi, Amorim Energia ha una call option che gli conferisce il diritto di acquistare fino al 5% del capitale sociale di Galp Energia. Amorim Energia detiene poi un diritto di prelazione in base al quale può scegliere di acquistare fino al 5,34% del capitale della società portoghese, nel caso in cui la call option menzionata venga esercitata, o fino al 10,34% nel caso la call option non venga esercitata.

Eni darà comunicazione nella giornata di domani, in base alla chiusura del bookbuilding, dei termini finali delle operazioni annunciate. La società intende richiedere l’ammissione alla quotazione dei Bond entro 90 giorni dal completamento dell’operazione di offerta.

I proventi derivanti dalle transazioni saranno utilizzati per finalità di gestione operativa generale. Deustche Bank, Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A., Morgan Stanley e UBS Investment Bank sono i Joint Bookrunners delle operazioni.

 

Stabilisation FSA

Le informazioni contenute nel presente comunicato hanno soltanto finalità informative e non vanno intese come complete o esaustive e sono inoltre soggette a modifica. Non potrà pertanto farsi affidamento su tali informazioni o sulla loro completezza o accuratezza. Il presente comunicato non può essere distribuito direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti (inclusi i relativi territori e possedimenti, i relativi stati ed il Distretto della Columbia). Il presente comunicato non costituisce una offerta o sollecitazione ad acquistare o sottoscrivere titoli negli Stati Uniti. Non è possibile offrire titoli negli Stati Uniti in assenza di registrazione presso la United States Securities and Exchange Commission o in assenza di una esenzione secondo le previsioni del Securities Act. Né Eni né CGD intendono registrare alcuna parte della transazione descritta nel presente comunicato negli Stati Uniti, ovvero svolgere una offerta pubblica di titoli negli Stati Uniti.

Il presente comunicato è diretto esclusivamente a (i) soggetti con esperienza professionale in materia di investimenti secondo le previsioni dell'art 19(5) del Financial Services and Markets Act 2000 (Financial Promotion) Order 2005, come modificato (l'"Order"), e investitori qualificati secondo le previsioni dell'art. 49(2) da (a) a (d) dell'Order, ed (ii) a coloro ai quali il presente comunicato potrebbe comunque essere distribuito nel rispetto della legge (tutti tali soggetti vengono qui definiti come "persone rilevanti"). Il presente comunicato non deve essere utilizzato e su di esso non devono fare affidamento soggetti che non siano persone rilevanti. Qualsiasi investimento o attività di investimento a cui il presente comunicato fa riferimento è da intendersi nell'esclusivo interesse delle persone rilevanti e potrà essere intrapreso esclusivamente con le persone rilevanti.

L'offerta equity e l'offerta bond non sono o saranno registrate presso la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB) secondo le applicabili disposizioni legislative e regolamentari. Pertanto le azioni e/o i bonds e qualsiasi documento ad essi relativo non potranno essere offerti, venduti o distribuiti al pubblico nella Repubblica Italiana eccetto che ad investitori qualificati, come definiti all'art. 100 del D.Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998 ("Testo Unico Finanza") ed all'art. 34-ter del Regolamento CONSOB n. 11971 del 14 May 1999 (il “Regolamento Emittenti‘), in ogni caso come di volta in volta modificati, o nelle altre circostanze previste dall'art. 100 del Testo Unico Finanza o dal Regolamento Emittenti, in ogni caso nel rispetto di ogni disposizione normativa e regolamentare o requisito imposto dalla CONSOB o altra autorità italiana.

L'offerta equity e l'offerta bond non sono o saranno registrate presso la Comissão do Mercado de Valores Mobiliários (CMVM) secondo le applicabili disposizioni legislative e regolamentari. Pertanto le azioni e/o i bonds non potranno essere offerti, venduti o distribuiti al pubblico nella Repubblica del Portogallo eccetto che ad investitori qualificati, come definiti all'art. 30 del Decreto Legge  n. 486/99 del 13 novembre, come modificato (il "Portuguese Securities Code"), o altrimenti essere offerti, venduti o distribuiti secondo modalità tali da configurare la relativa offerta come una offerta al pubblico secondo le previsioni del Portuguese Securities Code