Le nostre attività in Norvegia

Siamo presenti nel Paese dal 1965 nel settore Exploration & Production nel Mare di Norvegia, nel Mare del Nord norvegese e nel Mare di Barents.

1062878646

Un portafoglio minerario diversificato

Le nostre attività di esplorazione e produzione nel Paese sono regolate da Production License (PL) che ci autorizzano a effettuare rilievi sismografici, attività di perforazione e produzione fino alla scadenza contrattuale e con possibilità di rinnovo. Nel dicembre 2018 abbiamo completato la fusione tra le società Point Resources AS e Eni Norge AS, controllate al 100% rispettivamente da HitecVision e da Eni, con la costituzione di Vår Energi AS che ci consentirà di rafforzare la nostra struttura operativa nel Paese e di estendere e differenziare il portafoglio minerario. A settembre del 2019, la società ha acquisito gli asset Upstream di ExxonMobil presenti in oltre 20 giacimenti produttivi. A seguito di questa acquisizione, Vår Energi AS avrà riserve e risorse per oltre 1,9 miliardi di barili equivalenti di petrolio, con una produzione di circa 300 mila barili equivalenti al giorno nel 2019 e di oltre 350 mila nel 2023, grazie all’investimento di circa 7 miliardi di USD che l’azienda ha previsto di stanziare nel periodo 2020-2023 per lo sviluppo di progetti come Johan Castberg, Balder X e Grand. 

Nel 2019 Vår Energi si è aggiudicata 13 licenze esplorative: 2 in qualità di operatore nel Mare del Nord e 2 nel Mare di Barents, mentre come partner ha ottenuto 5 licenze nel Mare del Nord e 4 nel Mare di Norvegia. L’attività esplorativa ha avuto esito positivo con il pozzo di delineazione della scoperta a gas e olio di Cape Vulture nelle licenze PL 128/128D (Eni 8%), situato in prossimità degli impianti in produzione del giacimento Norne (Eni 4,8%). Abbiamo effettuato una nuova scoperta a olio nella licenza PL 532 (Eni 20,88%), in prossimità del progetto Johan Castberg. Infine abbiamo perforato il pozzo Goliat West mineralizzato a olio nella licenza PL 229 (Eni 45,24%), incrementando le riserve stimate del giacimento in produzione Goliat, e il pozzo a olio e gas nella licenza PL 869 partecipata da Vår Energi con una quota del 20%. Le attività di sviluppo hanno riguardato il progetto Trestakk (Eni 5,5%), con start-up nel 2019 e il progetto di sviluppo Johan Castberg con start-up della produzione atteso nel 2022.

Nel 2020, attraverso Vår Energi, ci sono state assegnate 7 licenze come Operatori (OP) e 10 licenze in qualità di partner, come risultato del processo di gara definito Awards in Predefined Areas 2019 (APA) gestito dal Ministero norvegese del Petrolio ed Energia (MPE). Le licenze sono distribuite su tutte e tre le principali province petrolifere della piattaforma continentale norvegese (NCS):

North Sea: PL 1043 (OP), PL 1042, PL 1035, PL 987 B, PL 984 BS, PL 917 B, PL 055 E

Norwegian Sea: PL 1070, PL 1065 (OP), PL 947 B

Barents Sea: PL 1080, PL 1079 (OP), PL 1078, PL 1075 (OP), PL 1074 (OP), PL 1073 (OP), PL 1072 (OP)

In seguito al recente completamento dell'acquisizione degli asset Upstream di ExxonMobil nel Paese, i risultati dell'APA 2019 rafforzano la posizione di Vår Energi come una delle principali società E&P in Norvegia. Le nuove licenze esplorative si trovano sia in aree intorno ai centri produttivi già operati sia in altre aree, confermando così la strategia di Vår Energi e l’impegno nell’esplorazione dell’area.

Creiamo energia

In Norvegia abbiamo avviato tre importanti attività di sviluppo, grazie ai progetti per la produzione di idrocarburi Goliat, Balder X e Johan Castberg.

Il gigante Goliat

L’enorme piattaforma cilindrica che ospita Goliat è unica al mondo per la sua tecnologia avanzata. È stata progettata per fronteggiare le condizioni artiche del Mare di Barents, integrando una serie di rivoluzionarie innovazioni nel design che garantiscono operazioni sicure e stabili.

Scopri Goliat
Scopri Goliat
532104411
FOCUS

Esploriamo l'Eurasia

L’Europa può avere un ruolo da protagonista anche energetico, soprattutto come comunità economica e sociale.

Il nuovo centro geo economico in Eurasia, rappresenta oggi un nuovo polo di sviluppo alternativo al centro euro-atlantico.