Le nostre attività in Egitto

Contribuiamo dal 1954 alla crescita di questo Paese dalla storia millenaria, nel quale oggi operiamo nei settori Exploration & Production, Gas & Power e Refining & Marketing e Chimica.

cover-egitto2.jpg

Le attività esplorative più recenti

Le attività di esplorazione e produzione in Egitto sono regolate da contratti di Production Sharing Agreement (PSA). Le principali attività produttive sono condotte nel blocco Shorouk (Eni 50%), nell’offshore del Mediterraneo, con il giacimento giant a gas di Zohr​ nella concessione Sinai, principalmente nei giacimenti Belayim Marine-Land ed Abu Rudeis (Eni 100%)​, nel Deserto Occidentale, nelle concessioni Melehia (Eni 76%,) e South West Meleiha  (Eni 100%,) la cui produzione è stata avviata nel 2019, Ras Qattara (Eni 75%) e West Abu Gharadig (Eni 45%) e nelle concessioni di Ashrafi (Eni 50%), Baltim (Eni 50%), Nile Delta (Eni 75%), North Port Said (Eni 100%), North Razzak (Eni 100%) e Temsah (Eni 50%). Inoltre​, partecipiamo nelle concessioni in produzione di Ras el Barr (Eni 50%) e South Ghara (Eni 25%). ​

Ad ​agosto 2018​ le​ Autorità egiziane ​hanno approvato l’estensione di ulteriori dieci anni, a partire dal 2021, della concessione Nile Delta contenente la concessione Abu Madi West con il giacimento di Nooros​, ​dell’attività esplorativa nel permesso di El Qar’a (Eni 75%), all’interno della prolifica area produttiva denominata Grand Nooros Area​,  di un ulteriore periodo di cinque anni della concessione di Ras Qattara nel Western Desert e della concessione di sviluppo di Faramid (Eni 100%). A febbraio 2019 ci sono stati assegnati due nuovi blocchi esplorativi nell’onshore del Paese. Si tratta di South East Siwa (Eni 100%), nel deserto occidentale, e West Sherbean (Eni 50%, operatore), nell’onshore del Delta del Nilo, in prossimità del giacimento in produzione di Nooros (Eni 75%). Nel 2019 abbiamo effettuato una scoperta a gas nel prospetto esplorativo Nour (da noi operato con il 40%) oltre ad altre scoperte near field nel deserto occidentale nei prospetti di Basma e Shemy, nel Delta del Nilo nel prospetto onshore di El Qara North East 1 e nel Golfo di Suez nel prospetto Sidri South. Abbiamo già allacciato alcuni pozzi di scoperta alle facility produttive dell’area. Inoltre l’attività esplorativa ha avuto esito positivo anche grazie al pozzo Faramid-S1X nella concessione East Obayed (Eni 100%), alle scoperte a olio A-2X e B1-X e alla recente scoperta a gas e condensati A-1X nel permesso South West Meleiha.


Le attività di sviluppo hanno riguardato l’aumento della capacità potenziale di trattamento delle facilites relative al giacimento di Zohr che nel 2019 ha visto il completamento e l’avvio di altre tre unità di trattamento onshore del gas e di ulteriori tre pozzi produttori, per un totale di 13. Inoltre, abbiamo avviato il progetto Baltim South West (Eni 50%, operatore) nell’offshore del Paese con l’installazione di una nuova piattaforma e di una pipeline di 44 km​. Nel giacimento Nooros (Eni 75%, operatore) abbiamo realizzato con quattro mesi in anticipo sul piano una nuova pipeline di 128 km per il trasporto del gas e abbiamo proseguito le attività di infilling e ottimizzazione della produzione nelle concessioni Sinai (Eni 100%, operatore), Meleiha (Eni 76%) e Ras Qattara (Eni 75%). Infine, nell’area del Sinai abbiamo completato il progetto di water reinjection che ha consentito di raggiungere lo zero water discharge.

Creiamo Energia

In Egitto siamo impegnati nello sviluppo offshore e onshore dei progetti Zohr, Nooros, Baltim W e Meleiha per la produzione di idrocarburi, ma con le nostre iniziative puntiamo anche ad avere un impatto positivo sulle comunità.

Zohr, una scoperta che non smette di stupirci

Ad agosto 2019 la capacità di trattamento del giacimento più grande mai scoperto nel Mediterraneo ha raggiunto oltre 2,7 miliardi di piedi cubi di gas al giorno (bcfd) circa cinque mesi in anticipo rispetto al Piano di Sviluppo ed entro la fine del 2019 raggiungerà i 3,2 miliardi di piedi cubi di gas al giorno (bcfd). Zohr a meno di due anni e mezzo dalla sua scoperta ha contribuito a rendere l’Egitto autosufficiente nel settore del gas e ha segnato l’inizio di una nuova fase di attività di esplorazione offshore.

Scopri Zohr
Scopri Zohr

Nooros, il Delta del Nilo e il suo gas

Abbiamo scoperto il giacimento (di cui siamo operatori con il 75%) a luglio del 2015 e lo abbiamo messo in produzione in un tempo record a settembre dello stesso anno. A marzo 2018 il campo a gas ha raggiunto 32 milioni di metri cubi di gas al giorno. Nel 2018 abbiamo completato lo start-up di due ulteriori pozzi di sviluppo e abbiamo realizzato una pipeline per il trasporto del gas all’impianto di trattamento di El Gamil.

Scopri Nooros
Scopri Nooros
collection-egitto-new-ok.jpg
FOCUS

Esploriamo l'Egitto

La storia di questo Paese è intimamente legata al Nilo e alla fertilità delle sue terre.

Anche oggi molta della sua ricchezza è legata all’acqua, con il gas presente nel Delta del Nilo e nel giacimento di Zohr.

Le attività esplorative più recenti

Le attività di esplorazione e produzione in Egitto sono regolate da contratti di Production Sharing Agreement (PSA). Le principali attività produttive sono condotte nel blocco Shorouk (Eni 50%), nell’offshore del Mediterraneo, con il giacimento giant a gas di Zohr​ nella concessione Sinai, principalmente nei giacimenti Belayim Marine-Land ed Abu Rudeis (Eni 100%)​, nel Deserto Occidentale, nelle concessioni Melehia (Eni 76%,) e South West Meleiha  (Eni 100%,) la cui produzione è stata avviata nel 2019, Ras Qattara (Eni 75%) e West Abu Gharadig (Eni 45%) e nelle concessioni di Ashrafi (Eni 50%), Baltim (Eni 50%), Nile Delta (Eni 75%), North Port Said (Eni 100%), North Razzak (Eni 100%) e Temsah (Eni 50%). Inoltre​, partecipiamo nelle concessioni in produzione di Ras el Barr (Eni 50%) e South Ghara (Eni 25%). ​

Ad ​agosto 2018​ le​ Autorità egiziane ​hanno approvato l’estensione di ulteriori dieci anni, a partire dal 2021, della concessione Nile Delta contenente la concessione Abu Madi West con il giacimento di Nooros​, ​dell’attività esplorativa nel permesso di El Qar’a (Eni 75%), all’interno della prolifica area produttiva denominata Grand Nooros Area​,  di un ulteriore periodo di cinque anni della concessione di Ras Qattara nel Western Desert e della concessione di sviluppo di Faramid (Eni 100%). A febbraio 2019 ci sono stati assegnati due nuovi blocchi esplorativi nell’onshore del Paese. Si tratta di South East Siwa (Eni 100%), nel deserto occidentale, e West Sherbean (Eni 50%, operatore), nell’onshore del Delta del Nilo, in prossimità del giacimento in produzione di Nooros (Eni 75%). Nel 2019 abbiamo effettuato una scoperta a gas nel prospetto esplorativo Nour (da noi operato con il 40%) oltre ad altre scoperte near field nel deserto occidentale nei prospetti di Basma e Shemy, nel Delta del Nilo nel prospetto onshore di El Qara North East 1 e nel Golfo di Suez nel prospetto Sidri South. Abbiamo già allacciato alcuni pozzi di scoperta alle facility produttive dell’area. Inoltre l’attività esplorativa ha avuto esito positivo anche grazie al pozzo Faramid-S1X nella concessione East Obayed (Eni 100%), alle scoperte a olio A-2X e B1-X e alla recente scoperta a gas e condensati A-1X nel permesso South West Meleiha.


Le attività di sviluppo hanno riguardato l’aumento della capacità potenziale di trattamento delle facilites relative al giacimento di Zohr che nel 2019 ha visto il completamento e l’avvio di altre tre unità di trattamento onshore del gas e di ulteriori tre pozzi produttori, per un totale di 13. Inoltre, abbiamo avviato il progetto Baltim South West (Eni 50%, operatore) nell’offshore del Paese con l’installazione di una nuova piattaforma e di una pipeline di 44 km​. Nel giacimento Nooros (Eni 75%, operatore) abbiamo realizzato con quattro mesi in anticipo sul piano una nuova pipeline di 128 km per il trasporto del gas e abbiamo proseguito le attività di infilling e ottimizzazione della produzione nelle concessioni Sinai (Eni 100%, operatore), Meleiha (Eni 76%) e Ras Qattara (Eni 75%). Infine, nell’area del Sinai abbiamo completato il progetto di water reinjection che ha consentito di raggiungere lo zero water discharge.