Le nostre attività in Indonesia

Le nostre attività in Indonesia iniziarono nel 1968 con la firma del primo accordo. Dal 2001 siamo tornati sul territorio dove operiamo nei settori Exploration & Production e Gas & Power.

636714416

Allo stato attuale deteniamo partecipazioni in dodici contratti di partecipazione alla produzione (PSC), in nove dei quali siamo responsabili delle operazioni in acque profonde attraverso programmi attivi di esplorazione e sviluppo. I suddetti contratti riguardano aree che si estendono dalla parte occidentale del territorio indonesiano (Krueng Mane, Aceh) a quella orientale (Arguni I, Papua Occidentale), nonché dai confini settentrionali (Ambalat, Kalimantan Settentrionale) a quelli meridionali (Timor Ovest, Offshore I nel mare di Timor, Nusa Tenggara Orientale). Gli avamposti Eni tra le aree che compongono il portafoglio esplorativo indonesiano sono il riflesso della filosofia dell'azienda, la quale mira a coniugare le operazioni nelle aree di attività chiave a quelle nelle aree di frontiera, in un’ottica di gestione del rischio ottimizzata e del conseguimento dei massimi risultati in termini esplorativi.

Esplorazione e produzione

L’attività in Indonesia ha avuto inizio con l’aggiudicazione della gara d’appalto internazionale indetta dal Governo del Myanmar e in seguito alla sottoscrizione di due contratti di partecipazione alla produzione (PSC) per l’esplorazione dei blocchi onshore RSF-5 e PSC-K. La joint venture vede una partecipazione del 90% della compagnia, rappresentata dal nostro operatore Eni Myanmar B.V. e dalla Myanmar Production and Exploration Company Ltd, che gode invece di una partecipazione del 10%. Il primo blocco ha un'estensione di 1.292 km2 ed è situato nel vasto bacino di Salin, a circa 500 km a nord di Rangoon, mentre il secondo si estende per 6.558 km2 e sorge nel bacino inesplorato di Pegu Yoma-Sittaung, nella zona centrale del Paese. Il periodo di esplorazione, suddiviso in tre fasi, terminerà nel 2020. Nel 2016, si sono aggiunti altri due PSC (anch’essi ottenuti partecipando a gare d’appalto internazionali) riguardanti i blocchi offshore in acque profonde MD-02 e MD-04. 

La joint venture per la gestione del blocco MD-04 è strutturata come una partecipazione al 50% tra Eni Myanmar B.V., in qualità di operatore, e Total E&P Myanmar. Il blocco MD-2 è stato invece ceduto nel gennaio 2020. All'inizio del 2020 Eni Myanmar ha perforato il suo primo pozzo esplorativo, Shwe Nan Htike-1, all’interno del blocco onshore RSF-5, il primo in Indonesia.

 

Dall’esplorazione alla produzione

Concentriamo le nostre attività nell’area a largo della provincia del Kalimantan Orientale, nell’offshore dell’isola di Sumatra e nell’onshore/offshore di Timor Ovest e della provincia di Papua Occidentale, su un totale di 12 blocchi. Le attività di esplorazione e produzione sono regolate da Production Sharing Agreement (PSA). Nel dicembre 2019 Eni East Sepinggan Limited ha ceduto a Neptune Energy East Sepinggan B.V. una partecipazione del 20% nel blocco di East Sepinggan, mantenendo una partecipazione del 65% nella conduzione delle operazioni. La produzione deriva principalmente dal blocco esplorativo di Muara Bakau, operato da Eni con una partecipazione del 55%, dove è situato il giacimento a gas di Jangkrik. La produzione è garantita da dieci pozzi sottomarini collegati all’Unità Galleggiante di Produzione (FPU). Il gas prodotto è venduto in osservanza di una serie di contratti a lungo termine, sia alla compagnia di Stato indonesiana Pertamina, sia alla stessa Eni, che lo commercializza all’interno del mercato asiatico. Le attività di sviluppo hanno riguardato il progetto offshore a gas di Merakes nel blocco di East Sepinggan, operato da Eni con una partecipazione dell’85%. Nel dicembre 2018 è stato approvato il piano di sviluppo da parte delle Autorità del paese, che prevede la perforazione di cinque pozzi sottomarini collegati all’unità galleggiante di produzione, stoccaggio e scarico del giacimento in produzione di Jangkrik. Trattato a bordo dell’unità galleggiante, il gas viene in seguito trasferito per mezzo di condotte per l’esportazione che si estendono per 79 km, raggiungendo prima l’Impianto di ricezione onshore (ORF), da noi costruito, attraverso le condotte del sistema di traporto del Kalimatan Orientale (EKS), per poi giungere alla raffineria GNL di Badak ed essere finalmente immesso sul mercato interno a Bontang. L’avviamento di tale progetto è previsto per il 2021. L’attività esplorativa ha avuto esito positivo, con la scoperta di Merakes East nel blocco di East Sepinggan operato da Eni e situato in prossimità delle future infrastrutture di Merakes. Nel maggio 2018 ci siamo aggiudicati una partecipazione del 100% nel blocco esplorativo di East Ganal, situato nelle acque profonde del bacino di Kutei, in prossimità del blocco di Muara Bakau. Nel 2019 ci siamo aggiudicati l’assegnazione del blocco esplorativo di West Ganal (del quale siamo attualmente operatori con una partecipazione del 70%) situato nello stesso bacino Kutei. Il blocco include la scoperta di Maha e altre potenziali prospettive in termini di ricerca esplorativa, le cui attività di sviluppo saranno supportate dall’azione sinergica delle infrastrutture esistenti.

Creiamo energia

Integriamo sempre le nostre attività di business con la sostenibilità sociale e ambientale, al fine di creare valore condiviso e a lungo termine. In Indonesia, per esempio, abbiamo lanciato i progetti Jangkrik e Merakes nel settore Exploration & Production e ci impegniamo inoltre a migliorare i servizi locali attraverso i nostri progetti di sviluppo, che vertono, tra le altre cose, su temi centrali quali l'introduzione di energie rinnovabili, la conservazione delle zone costiere e il supporto per la creazione di una comunità autosufficiente sull'isola del Borneo.

Jangkrik

Il progetto, sviluppato e messo in produzione velocemente, si trova nell’offshore del Kalimantan, all’interno del blocco di Muara Bakau (Eni 55%, operatore), nel bacino offshore in acque profonde del Kutei, a circa 400 metri di profondità e a 70 km dalla costa della regione del Kalimantan orientale. La produzione dei due giacimenti di gas di Jangkrik Complex è stata avviata a maggio 2017 con un time to market di soli tre anni e mezzo dalla nostra decisione di investire sul progetto.

SCOPRI JANGKRIK
SCOPRI JANGKRIK

Merakes

Il progetto di sviluppo di Merakes, situato nel Bacino del Kutei nelle acque dell’East Kalimantan, prevede la perforazione di pozzi sottomarini e la realizzazione di un sistema di trasporto dedicato, in una profondità d’acqua di circa 1500 metri. Il progetto rappresenta un risultato della strategia di esplorazione near field che ci permette sia di ottimizzare le sinergie con infrastrutture esistenti per Jangkrik sia di ridurre i costi e le tempistiche di realizzazione e di avvio della produzione.

SCOPRI MERAKES
SCOPRI MERAKES

La gestione dei rifiuti a Samboja

Nel 2018 abbiamo avviato il progetto “Clean, Green and Healthy Samboja” che ha coinvolto la comunità locale di Samboja nelle attività di riciclo e di riduzione dei rifiuti domestici. Grazie alla partecipazione di un gruppo di esperti in materia ambientale le famiglie sono state sensibilizzate alla cura dell’ambiente domestico e all'utilizzo dei terreni incolti per la coltivazione di frutta e verdura.

Scopri il progetto
Scopri il progetto
Print

Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo

Joglo Tani Kolong Langit

JTKL è un centro di formazione avviato recentemente nell’area di Samboja e dedicato agli agricoltori che, all’interno del campus, possono condividere conoscenze e competenze specifiche relative alla produzione integrata, alla coltivazione delle fonti proteiche e all’utilizzo degli orti per soddisfare le esigenze di consumo delle famiglie.

Scopri il progetto
Scopri il progetto
SDG-icon-IT-RGB-02.jpg

Porre fine alla fame, garantire la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un'agricoltura sostenibile