Africa

È il continente in cui abbiamo mosso i primi passi fuori dall’Italia nel 1954 e dove trovano spazio i capisaldi del nostro modello di business.

cover-africa-1280.jpg

Il passato, il presente e il futuro dell'azienda

Le nostre sfide

La storia del cane a sei zampe non può prescindere dal suo rapporto con l’Africa: passato presente, futuro per Eni, l’Africa è il continente in cui abbiamo mosso i primi passi fuori dall’Italia a partire dal 1954. Il continente più antico dove ha avuto origine la vita dell’uomo, oggi, con il 70% della popolazione sotto i trent’anni, sta assumendo sempre più un nuovo ruolo strategico che sfida gli stereotipi tradizionali. Mentre il Nord Africa affronta la sfida dell’industrializzazione per crescere lungo tutta la catena del valore industriale, in Africa Subsahariana centinaia di milioni di persone non hanno ancora accesso all’energia elettrica, che è una delle basi fondamentali per migliorare la qualità della vita delle comunità e favorire lo sviluppo.  L’Africa fornisce oltre la metà della produzione totale di greggio e gas naturale di Eni, che è primo produttore internazionale nel continente. E intendiamo continuare a crescere, portando avanti iniziative di sviluppo che coinvolgano sempre più attori per una crescita durevole e continua.

La strategia

Accesso all’energia e lotta al cambiamento climatico sono le principali sfide di una compagnia del settore energetico come la nostra: lavoriamo insieme ogni giorno per creare sviluppo e stabilità. Una crescita durevole, continua, che si basa su valori condivisi: fin dal principio abbiamo investito sul capitale locale per far fiorire il suo potenziale. In linea con la strategia di trasformazione fondata sull’efficienza, l’integrazione e l’impiego di nuove tecnologie messe in atto a partire dal 2014, anche in Africa vogliamo rafforzare e diversificare ulteriormente il nostro portafoglio. Continuiamo a perseguire nuove opportunità nel settore Upstream e a crescere nelle rinnovabili, integrando le nostre attività di business con l’innovazione tecnologica e i progetti di sviluppo locale, sempre più in stretta collaborazione con le comunità locali. Anche qui contribuiamo al raggiungimento di uno dei nostri obiettivi principali, la decarbonizzazione, grazie a un progetto di conservazione delle foreste associato alla crescita sostenibile del settore agricolo che interesserà in particolare l’Africa subsahariana.

84544784
4/4

Investimenti per lo sviluppo locale in Africa nel 2019

nella manutenzione di infrastrutture e nella realizzazione di infrastrutture per la formazione.
48,6mln €
investiti nell’area Sub-Sahariana
a favore delle comunità
20,8mln €
investiti in Africa in sviluppo infrastrutturale
53,3 mln € spesi in Africa per lo sviluppo locale nel 2019
a supporto dello sviluppo socio-economico del Ghana
3,9mln $
investiti nel progetto Livelihood Restoration Plan
contribuisce a favorire l’accesso all’energia nel Paese
484 MWpotenza
installata nella centrale elettrica CEC in Congo

Investimenti tecnici in Africa nel settore E&P nel 2019

sul totale di 6.996 € milioni investiti nel mondo
71mln di €
esplorazione in Nordafrica (senza Egitto)
sul totale di 6.996 € milioni investiti nel mondo
86mln di €
esplorazione in Egitto
sul totale di 6.996 € milioni investiti nel mondo
128mln di €
esplorazione in Africa sub-sahariana
3.844 mln di € investimenti totali
proved e unproved sul totale di 6.996 € milioni investiti nel mondo
136mln di €
totale acquisto di riserve
sul totale di 6.996 € milioni investiti nel mondo
536mln di €
sviluppo in Nordafrica (senza Egitto)
sul totale di 6.996 € milioni investiti nel mondo
1.481mln di €
sviluppo in Egitto
sul totale di 6.996 € milioni investiti nel mondo
1.406mln di €
sviluppo in Africa sub-sahariana

Totale superficie netta sviluppata e non sviluppata in Africa nel 2019

al 31 dicembre 2019
5.572km²
superficie totale netta in Algeria
al 31 dicembre 2019
10.755km²
superficie totale netta in Marocco
al 31 dicembre 2019
3.744km²
superficie totale netta in Angola
163.625 km² superficie totale netta
al 31 dicembre 2019
13.294km²
superficie totale netta in Libia
al 31 dicembre 2019
1.471km²
superficie totale netta in Repubblica del Congo
al 31 dicembre 2019
579km²
superficie totale netta in Ghana
al 31 dicembre 2019
4.349km²
superficie totale netta in Mozambico

I programmi per migliorare l’accesso all’energia in Africa nel 2019

1mld m³
gas prodotto in Ghana per il mercato locale
Energia in Africa parte integrante del modello di business di Eni
incremento della capacità di generazione elettrica, le attività sono state completate
1CEC
centrale elettrica in Congo
incremento della capacità di generazione elettrica, le attività sono state completate
1Okpai
centrale elettrica in Nigeria

Gira il tuo smartphone per scoprire di più

I principali progetti sviluppati nel continente africano

Sviluppiamo le attività di business sul territorio, favorendo la crescita socio-economica locale.

3/3
cover-zohr.JPG

Zohr

Il giacimento è considerato la più grande scoperta di gas mai realizzata in Egitto e nel Mar Mediterraneo.

Nel 2019 il giacimento ha raggiunto il livello produttivo pari a 145 mila barili equivalenti al giorno in quota Eni pari al 41% della produzione nel Paese.

Scopri Zohr
hinda-congo.jpg

Progetto Integrato Hinda

Contribuiamo a promuovere lo sviluppo socio-economico dei villaggi del distretto di Hinda in Congo grazie all’accesso all’acqua potabile, al miglioramento dei servizi sanitari e alla promozione della formazione primaria.

Grazie al centro di formazione professionale per agricoltori CATREP favoriamo lo sviluppo delle attività agricole sul territorio.

Scopri Hinda
cover-rovuma-lng.jpg

Rovuma

Il progetto avviato in Mozambico è dedicato alla produzione e liquefazione di gas dall’Area 4 situata nell’area settentrionale del Paese.

Lo sviluppo di Rovuma include la costruzione degli impianti onshore e delle facilities grazie a cui potremo trattare il gas naturale proveniente dall’Area 4.

scopri Rovuma

L’impegno per la conservazione delle foreste

L’Africa ha un grandissimo patrimonio boschivo che vogliamo preservare. Ci impegniamo a ridurre il livello di CO₂ nell’atmosfera, infatti, non solo diversificando le attività di business, ma anche puntando sui progetti di forestry che porteranno impatti positivi sulle comunità, in termini di sviluppo economico e sociale. Le foreste consentono di sviluppare nuove attività e di aumentare l’occupazione. La nostra strategia prevede lo sviluppo di progetti di “Riduzione delle Emissioni causate dalla Deforestazione e dal Degrado forestale" (REDD+), la partecipazione a iniziative internazionali e le partnership di valore. Abbiamo già stretto i primi accordi tramite la sottoscrizione di Memorandum of Understanding (MoU) per lo sviluppo di progetti forestali in partnership con sviluppatori internazionali.

 

cover-foreste-divorano-CO2.jpeg
FOCUS

La tutela delle foreste in Africa

La conservazione del patrimonio boschivo del continente è parte integrante della nostra strategia low-carbon.

Abbiamo avviato progetti di forestry in molti Paesi, tra cui Zambia, Ghana, Angola e siamo membri della governance di REDD+.

La nostra presenza

La prima impronta sul territorio il cane a sei zampe l’ha lasciata nel deserto egiziano a dicembre del 1954 e oggi l’Africa fornisce oltre la metà della nostra produzione totale di greggio e gas naturale.

Lo sguardo rivolto al 2050

Gli ultimi studi, le tendenze, le ipotesi degli esperti sui possibili scenari futuri nell'ambito della scienza, della sostenibilità e dell'economia mondiale.

foto_Welsien.jpg
Storie

Colmare il deficit e finanziare le reti idriche

In molti paesi della regione sub-sahariana la capacità di finanziamento di privati e governi è esigua rispetto all’entità delle risorse necessaria alle popolazioni rurali per l’accesso all’acqua.

diKristoffer Welsien
18 giugno 2020
14 min di lettura
60064180
Storie

Lago Ciad, i progetti virtuosi

Nel nord-est della Nigeria, le comunità faticano ad avere accesso all’acqua e l’Organizzazione ONU per l’Alimentazione e l’Agricoltura sostiene da anni la costruzione di impianti idrici.

diAl hassan Cisse
19 giugno 2020
8 min di lettura