Arte e digitale

Videocittà Inverno 2020: creatori di nuove opportunità

Si è conclusa il 26 dicembre la kermesse dedicata alle evoluzioni dell’audiovisivo in modalità interamente online.

Videocittà: un ponte tra creativi

Eni è stata Main Partner di Videocittà 2020 Inverno, una versione completamente online del Festival della visione dedicato all’audiovisivo e alle contaminazioni tra le arti. La manifestazione ha voluto coinvolgere un pubblico sempre più ampio, creando un vero e proprio network internazionale tra le diverse generazioni di creativi, in modo da trasformare l’intrattenimento online in un’attività costruttiva, creatrice di nuove opportunità.

L’evento, che da due anni rappresenta una piattaforma inclusiva, capace di integrare le diverse forme artistiche e discipline creative con la tecnologia, ha visto svolgersi così, dopo le attività dello scorso ottobre, la seconda tappa della terza edizione. 

La versione invernale di Videocittà è stata dedicata alla lotta contro ogni forma di violenza e a favore della parità di genere, valori da sempre alla base dell’agire di Eni, con un particolare focus sull’importanza dell’alfabetizzazione digitale, perché le nuove tecnologie possano essere strumento di condivisione, crescita oltre che veicolo di messaggi positivi e non violenti.

Un solo festival in tre formati differenti

Il festival 2020 si è svolto adottando tre format:

  • Agorà: una piazza virtuale di incontro e crescita professionale, con il contributo di Regione Lazio, Camera di commercio di Roma e Unioncamere Lazio, pensata per l’internazionalizzazione dell’industria creativa del territorio. Un modo per esplorare e approfondire i principali settori della cultura e dell’intrattenimento nel panorama internazionale. Dal 14 al 19 dicembre si sono accesi i riflettori sulla creatività dei principali settori dell’industria dell’audiovisivo contemporaneo, dal documentario fino alla Digital immersive experience, con Masterclass tenute da professionisti di aziende leader del mercato internazionale. Una vera e propria occasione di dialogo tra giovani creativi e Talent scout, con la possibilità di creare connessioni tra talenti e industria.
  • Creators – Creatori di talento 2: il 19 e 20 dicembre alle ore 21.00, si sono svolti in esclusiva su YouTube, sponsor dell’evento, i panel con protagonisti proprio i Creators che animano i palinsesti della piattaforma. I due panel sono stati condotti da Liliana Fiorelli, creator esterna all’universo YouTube, ma attenta alle dinamiche della comunicazione contemporanea. Il primo appuntamento ha visto Loretta Grace e Guglielmo Scilla dialogare con Vincenzo Spadafora, il Ministro per le Politiche giovanili e Sport, già Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alle Pari Opportunità. Il secondo ha avuto come protagonisti Matteo Bruno - Cane Secco e Carlotta Perego di Cucina Botanica, in un confronto con Gian Paolo Manzella, Sottosegretario alla Sviluppo Economico, da sempre attento al tema delle industrie creative e alla tecnologia.
  • Videocittà Creator: il 19, 20 e 26 dicembre Videocittà si è presentata anche nella nuova veste di Content Creator in esclusiva per la piattaforma di streaming internazionale DICE.FM: il web è stato animato dalle esibizioni online di artisti italiani e internazionali come Quiet Ensemble, Sevdaliza, Margherita Vicario, Asian Fake show case (Coma Cose, Frenetik&Orange, Venerus), Tre Allegri ragazzi Morti e l’esibizione in collaborazione con il Conservatorio di Santa Cecilia dedicata al Maestro Ennio Morricone. Un’occasione per far rivivere online le performance e le installazioni di video & sound design proposte durante la prima tappa di Videocittà2020, al monumentale Giardino delle Cascate dell’Eur. Un evento che Videocittà ha voluto regalare a tutti in un periodo complesso come quello che stiamo vivendo oggi. Un monito di speranza.

Sul sito di Videocittà  è presente il programma completo dell'edizione appena conclusa.

PDF 1.85 MB

Il festival della visione al Giardino delle cascate

Da venerdì 2 a domenica 4 ottobre 2020 si è svolta la versione autunnale di Videocittà, il festival della visione organizzato a Roma. La location è stata il monumentale Giardino delle cascate, un’oasi verde all’interno del quartiere EUR  appena restaurata e riaperta integralmente.

L’edizione autunnale del festival è stata dedicata alle espressioni audiovisive contemporanee e ha offerto tre giorni di contaminazione con arti performative e digitali, installazioni monumentali ed eventi tematici di approfondimento, per conoscere le realtà multiformi delle immagini in movimento. Eni riconosce da sempre il valore delle immagini come linguaggio per raccontare la propria identità, anche attraverso la produzione di video di qualità, come ad esempio il videomapping che abbiamo realizzato sul Palazzo Eni all’EUR per Videocittà 2019.

Sede Eni Roma, piazza Enrico Mattei

Paradoxa: videomapping sul palazzo Eni

I nostri tre cortometraggi a Videocittà 2020

Durante l'edizione di ottobre di Videocittà abbiamo presentato tre cortometraggi simbolo di questa attenzione al mondo dell'audiovisivo. Ognuno di essi utilizzava un proprio registro linguistico, ma tutti erano legati dalla presenza dei temi e dei valori per Eni più importanti, come la trasformazione e la circolarità, il coraggio di cambiare e la passione per l’innovazione.

You art: un contest sull’arte contemporanea

Sette squadre di studenti tra i 14 e i 19 anni da Italia, Cipro, Ghana ed Emirati Arabi Uniti hanno partecipato a una sfida sull’arte contemporanea strutturata sul format “debate”, dove cioè i partecipanti si confrontano su tesi contrapposte. Il regista Gianluca Santoni ha raccontato il progetto You art, promosso da Eni nell’attesa della Quadriennale di Roma 2020. Il documentario segue le ragazze e i ragazzi portando sullo schermo i loro sogni, le loro paure e le loro speranze, dalle fasi di preparazione fino al contest finale.

Contest "You Art", Quadriennale d'arte 2020

You art

Oltre i giganti: Don Chisciotte visto dai ragazzi

Una rilettura della celebre lotta di Don Chisciotte contro i mulini a vento in chiave intergenerazionale, da cui emerge la necessità di ripensare il mondo attraverso nuovi paradigmi, con un accento sull’importanza delle rinnovabili e del riciclo dei materiali. Per realizzare il film Giffoni Innovation Hub ha coinvolto 400 ragazzi dai 12 ai 18 anni con domande sui temi dell'energia e della circolarità da cui è emerso forte l'elemento della trasformazione come filo conduttore della narrazione. Da queste risposte Marco Renda ha sviluppato e diretto il corto che è stato presentato in anteprima fuori concorso al Giffoni Film Festival 2020.

Oltre i giganti: Don Chisciotte visto dai ragazzi

Oltre i giganti

FM 29.010: le soluzioni nascono dalla collaborazione

Un villaggio nel cuore delle Dolomiti rimane isolato a causa di una tempesta. Due vicini di casa, che più diversi non potrebbero essere, dovranno mettere da parte i dissapori e unire le forze per un obiettivo comune: ridare energia al paese e metterlo di nuovo in comunicazione col mondo. Diretto dal giovanissimo Lorenzo Cassol, originario di Belluno, il corto è frutto della Short Movie Challenge “Passaggio a Nord Est”, un contest per registi e videomaker delle regioni Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, organizzato con il supporto di Cortinametraggio. La giuria composta da esperti di Eni gas e luce ha scelto il soggetto di Lorenzo Cassol fra decine di candidature ricevute. Il film è stato presentato alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia 2020.

FM 29.010

FM 29.010