Upstream

Eni avvia la produzione dal progetto di sviluppo West Hub, nell'offshore profondo dell'Angola

08 dicembre 2014 4:20 PM CET

Luanda, 8 dicembre 2014 – Eni ha avviato la produzione dal progetto West Hub Development nel Blocco 15/06, situato nelle acque profonde dell’Angola, a circa 350 chilometri a nord ovest dalla capitale Luanda e 130 chilometri a est dalla città di Soyo.
La produzione, ottenuta attraverso il mezzo navale FPSO N’Goma, è attualmente di 45.000 barili di olio al giorno. L’incremento del livello produttivo (production ramp-up) sarà completato nel corso dei prossimi mesi raggiungendo fino a 100.000 barili di olio al giorno. Il Blocco 15/06 comprende anche l’East Hub Development, di cui si prevede l’avvio nel 2017, che permetterà alla produzione dal Blocco 15/06 di raggiungere il livello complessivo di 200.000 barili di olio al giorno.

Il progetto nasce da un grande successo esplorativo nel blocco 15/06 , assegnato nel 2006 a seguito di una gara internazionale, dove Eni ha perforato 24 pozzi esplorativi e di delineamento, scoprendo oltre 3 miliardi di barili di olio in posto e 850 milioni di barili di riserve. A questo primo risultato è seguito uno sviluppo efficace: la produzione del primo olio avviene a soli 44 mesi dalla dichiarazione di scoperta commerciale, un risultato al top dell’industria in termini di rapidità del time to market, riconducibile ad un nuovo modello di sviluppo semplificato e modulare.

Il progetto West Hub Development prevede infatti la connessione alla FPSO dei giacimenti di Sangos, Cinguvu e Mpungi, Mpungi North Area, Vandumbu e Ochigufu.

Eni proseguirà inoltre il programma esplorativo nel blocco: eventuali scoperte potranno essere connesse alla FPSO con tempi e costi contenuti, aumentando e estendendo la produzione del Hub. Un recente esempio in tal senso è rappresentato dalla scoperta di Ochigufu, che ha aggiunto 300 milioni di barili di olio in posto e che sarà connesso alla FPSO N’Goma nei prossimi due anni.

L’Amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha commentato: “L’avvio della produzione del West Hub rappresenta una pietra miliare per le attività upstream di Eni. Partendo da una straordinaria scoperta esplorativa, abbiamo messo in produzione il primo giacimento solo  4 anni dopo la dichiarazione di commercialità, un risultato al top dell’industria. Questo risultato riflette un nuovo modello di sviluppo modulare che permette di massimizzare la valorizzazione dei nostri successi esplorativi. Lo start up del West Hub è significativo anche per la presenza di Eni in Angola, dove torniamo a essere Operatore di un grande progetto in produzione‘.

L’importante risultato viene celebrato oggi a Luanda nell’ambito di una cerimonia alla quale prendono parte il Ministro del Petrolio angolano, José Maria Botelho De Vasconcelos, l’Amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, il Presidente di Sonanagol, Francisco de Lemos José Maria, rappresentanti del settore oil&gas angolano e manager Eni.

Eni è operatore del blocco 15/06 con la quota del 35% mentre Sonangol EP è la concessionaria del Blocco. Gli altri partner della joint venture sono Sonangol Pesquisa e Produção (35%), SSI Fifteen Limited (25%) and Falcon Oil Holding Angola SA(5%).

L’ Angola è un paese chiave nella strategia di crescita organica di Eni che,  presente nel paese dal 1980, ha raggiunto nel 2013 una produzione equity di 87 mila barili di olio equivalente al giorno.

Scarica il pdf del comunicato

Invalid Path of Attachment