604041486

Coral South: il giacimento di gas al largo del Mozambico

Coral South è il primo progetto avviato nell’offshore del Paese che sviluppa e produce importanti risorse di idrocarburi.

Lo sviluppo grazie a un impianto galleggiante

Coral South è il primo progetto approvato dai partner di Area 4 per lo sviluppo delle risorse di gas scoperte nel bacino di Rovuma, al largo del Paese. Il progetto prevede la produzione e la vendita del gas contenuto nella parte meridionale del giacimento di Coral mediante un impianto galleggiante di liquefazione di gas naturale con una capacità di 3,4 milioni di tonnellate di GNL, alimentato da 6 pozzi sottomarini. Nel 2016 abbiamo firmato un accordo per la vendita del 100% della produzione di GNL a British Petroleum (BP) e il 1 giugno 2017 abbiamo lanciato la fase realizzativa del progetto, un risultato conseguito a soli tre anni dalla perforazione dell'ultimo pozzo esplorativo. Il gas liquefatto sarà venduto da noi e dagli altri concessionari di Area 4 (tra i quali CNPC, Galp, Kogas, la società di Stato Mozambicana ENH, Exxon Mobil attraverso l’operatore Mozambique Rovuma Venture SpA) alla BP sulla base di un contratto long-term della durata di venti anni con opzione di altri dieci anni.

Nel 2020 le attività di sviluppo di Area 4 (Eni 25%) nell’offshore riguardano Coral South e le scoperte a gas del Mamba Complex dove siamo operatori della fase Upstream ed ExxonMobil della fase midstream (liquefazione). 

I rilevanti progressi di Eni nella riduzione del time-to-market delle riserve sono testimoniati dall’avanzamento del nostro progetto “flagship” Coral South, approvato nel 2017 a soli trentasei mesi dalla finalizzazione della campagna esplorativa e prossimo ormai al completamento con il varo dell’unità FLNG (Floating Liquefied Natural Gas), il primo impianto GNL galleggiante, la cui costruzione avviata nel 2018 ha rispettato i budget tempi/costi, nonostante la pandemia. Nel 2021 la FLNG ha raggiunto il bacino di Rovuma, al largo del Mozambico, dove sarà allacciata ai pozzi produttivi sottomarini nella seconda metà del 2022 per il first gas. Il progetto genererà introiti significativi per il Paese, e creerà più di 800 nuovi posti di lavoro durante il periodo operativo.

Coral-Sul FLNG pronta a salpare per il Mozambico: la photogallery e il video

A novembre 2021 si è tenuta in Corea del Sud la cerimonia di battesimo della Coral-Sul FLNG, l’impianto galleggiante di liquefazione di gas naturale che sarà rimorchiato e ancorato nel bacino di Rovuma, al largo del Mozambico. Quando la FLNG arriverà nelle acque del Paese, verrà avviata la campagna di installazione, che prevede le operazioni di ormeggio e allacciamento a una profondità d'acqua di circa duemila metri tramite 20 linee di ormeggio per un peso complessivo di 9 mila tonnellate.

Il varo dello scafo della FNLG: la photogallery

A gennaio 2020 abbiamo varato con i partner di Area 4 in Corea del Sud lo scafo dell'impianto di trattamento e liquefazione Coral Sul Floating Liquefied Natural Gas (FLNG) che metterà in produzione 450 miliardi di metri cubi di gas del giacimento. Lo scafo, lungo 432 metri e largo 66 metri, pesa circa 140 mila tonnellate. Il modulo abitativo di otto piani, che ospiterà fino a 350 persone, è stato installato. Tutte le principali apparecchiature sono pronte per l'integrazione e lo stacking del primo ponte è stato eseguito. L’impianto sarà il primo FLNG mai realizzato per operare in acque profonde e il primo appositamente costruito per l’Africa. Le attività di perforazione e completamento dei sei pozzi sottomarini, iniziate nel 2019 e che alimenteranno l'unità di liquefazione, sono in corso. I pozzi avranno una profondità media di circa tremila metri e saranno perforati in circa duemila metri di profondità d’acqua.

Il completamento del lifting: la photogallery

A novembre 2020 abbiamo inoltre completato il lifting e l'installazione dell'ultimo dei 13 moduli topside della Coral Sul FLNG. Questa installazione segna la fine della campagna di fabbricazione dei moduli onshore che formano l'intero impianto di trattamento e liquefazione del gas. L’installazione avviene nei tempi previsti per la partenza della Coral Sul FLNG per il Mozambico prevista nel 2021. L’avanzamento del progetto, a oggi, supera il 77% di completamento ed è in linea con l'avvio della produzione entro il 2022.

Coral South

La sicurezza prima di tutto

Consideriamo la sicurezza sul lavoro un valore imprescindibile che condividiamo con i dipendenti, i contrattisti e le comunità locali. Per questa ragione mettiamo in atto tutte le azioni necessarie per evitare gli incidenti, tra cui modelli organizzativi per la valutazione e gestione dei rischi, piani di formazione, sviluppo di competenze e promozione della cultura della sicurezza. 

 

Asset

Vero gioiello della tecnologia, l'unità galleggiante di liquefazione ed esportazione del gas Coral Sul FLNG sarà la prima del continente africano e la terza nel mondo. Lunga 432 metri e larga 66, Coral Sul FLNG avrà un peso totale di circa 220 mila tonnellate e il modulo alloggi di otto piani potrà ospitare fino a 350 persone. Sarà ancorata a circa duemila metri di profondità, con l’ausilio di 20 linee di ormeggio dal peso complessivo di 9 mila tonnellate. Le attività di costruzione dei suoi principali componenti sono iniziate nel 2018. A oggi sono attivi sette centri operativi dislocati in tutto il mondo.

 

L’impatto sull’ambiente

Nell'ambito del Piano di Sostenibilità del progetto Coral South, a maggio 2022 abbiamo firmato un accordo per avviare delle iniziative volte alla protezione e al ripistino delle mangrovie presenti sul territorio di Capo Delgado, con l’obiettivo di contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici. Parallelamente, daremo vita a un programma di agricoltura sostenibile e allo sviluppo delle procedure di accesso all'acqua e ai servizi igienico-sanitari nel distretto di Mecufi. Il progetto di tutela delle mangrovie e della biodiversità locale consisterà nel reimpianto delle piante in un'area di circa 10 ettari lungo la costa e sarà affiancato da attività di diversificazione economica come apicoltura e acquacoltura, quali fonti di reddito alternative per le comunità. L'accordo prevede la promozione di campagne educative e di sensibilizzazione sulla tutela ambientale, che saranno realizzate nelle scuole. Il programma di agricoltura sostenibile coprirà un'area di 40 ettari e andrà a beneficio di circa 500 piccoli agricoltori, mentre per quanto riguarda l’accesso all’acqua saranno costruiti 6 pozzi d'acqua e ne saranno rimessi in funzione due nei villaggi di Muária, Sambene e Natuco.

Non abbiamo mai svolto attività di esplorazione e sviluppo di idrocarburi all’interno dei confini dei Siti Naturali inclusi nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO e a maggio 2019 ci siamo impegnati formalmente, dando riconoscimento ufficiale alla policy Biodiversità e dei Servizi Ecosistemici (BES) che già seguiamo nelle operazioni e che si inserisce nel nostro cammino di trasformazione. Ci impegniamo in investimenti a lungo termine, andando oltre le priorità di profitto a breve termine dal punto di vista operativo e sociale, così come riconosciuto dalla nuova mission aziendale, ispirata agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.

L'impatto sulla comunità

Il progetto Coral South ci vede attivi anche nella promozione di uno sviluppo locale di più largo respiro non legato solo al settore Oil & Gas. Abbiamo previsto infatti attività di formazione specialistica per più di 800 risorse mozambicane da impiegare durante la fase operativa del progetto. Siamo inoltre impegnati in un vasto programma di attività a favore delle comunità locali per migliorare il loro accesso ai servizi di base (educazione, accesso all’acqua, salute) e per supportare uno sviluppo socio-economico diversificato e sostenibile nel lungo periodo. 

In particolare, a giugno 2021 undici giovani ingegneri mozambicani sono partiti per la Corea del Sud per seguire un programma di formazione professionale di sei mesi, parte della formazione intensiva realizzata nell’ambito del progetto Coral South. Le attività didattiche coprono un ampio ventaglio di tematiche Oil & Gas e sono state sviluppate per rispondere al bisogno di professionisti qualificati in Mozambico. Un secondo gruppo di quattordici mozambicani inizierà a fine mese il proprio percorso di formazione presso uno stabilimento a gas in Tunisia, ed è già pianificata la partenza di altri gruppi nei prossimi mesi. I tirocinanti, laureati di recente a Maputo e Pemba, fanno parte del Programma 200 avviato da Eni nel 2014 per facilitare e incrementare la partecipazione di risorse nazionali ai propri progetti. Le attività di formazione sono state modificate per rispettare le misure di sicurezza contro il Covid-19 pur assicurando qualità e continuità dell’insegnamento. I tirocinanti sono diretti a Geoje, dove è in corso la costruzione della Coral-Sul FLNG, e dove avverranno le attività di formazione sul campo e di familiarizzare con l’impianto di liquefazione galleggiante. Durante la permanenza all’estero, i tirocinanti saranno coinvolti nelle attività operative, in modo da essere pronti a unirsi al progetto quando inizieranno le operazioni di Coral South in Mozambico nel 2022. Questa iniziativa mira a incrementare il contenuto locale e lo sviluppo delle competenze nel Paese.

Nel 2021 sono state avviate diverse iniziative, anche attraverso il coinvolgimento dei fornitori, con l’obiettivo di ampliare la forza lavoro e delle piccole e medie imprese locali.

Grievance mechanism and stakeholder engagement plan per le fasi esecutive del progetto

Il progetto Coral South ha adottato un meccanismo di reclamo e un piano specifico di coinvolgimento degli stakeholder per la fase di esecuzione. Il Grievance Mechanism (GM) che è stato predisposto garantisce un approccio proattivo e strutturato, che permette al progetto di ricevere, riconoscere, indagare, rispondere e risolvere in modo tempestivo reclami e lamentele da parte di individui/gruppi di individui e organizzazioni. Uno specifico Stakeholder Engagement Plan (SEP) è stato implementato per assicurare che tutte le parti interessate e coinvolte siano proattivamente informate e coinvolte durante la fase di esecuzione. Il piano stabilisce modalità regolari di divulgazione delle informazioni sulle attività del progetto e sui loro impatti.  I reclami possono essere presentati attraverso il numero verde del progetto 800840840 (fruibile solo all’interno del Mozambico) o l’indirizzo e-mail dedicato, che può anche essere utilizzato per richiedere ulteriori informazioni su GM e SEP.

Coral South: una nuova risorsa per il Mozambico

GUARDA