Overview

Egitto
In questo approfondimento:

  • le principali attività legate al settore E&P che Eni svolge in Egitto dal 1954
  • un focus sulle attività produttive relative ai progetti Nooros e zohr
  • le sedi e i contatti societari di Eni in Egitto

Exploration & Production

Nel 2016  la produzione di idrocarburi è stata di 185 mila boe/giorno in quota Eni, rappresentando il 10,50 % della produzione annuale di idrocarburi. Eni opera su una superficie complessiva sviluppata e non sviluppata di 28.031 chilometri quadrati (10.665 chilometri quadrati in quota Eni). Le principali attività produttive Eni in Egitto riguardano:

Nooros: La produzione del progetto Nooros in Egitto ha raggiunto 85,5 mila boe/giorno in quota Eni, risultato record conseguito a soli 13 mesi dalla scoperta avvenuta a luglio 2015 e in anticipo rispetto alle previsioni. Con la perforazione di ulteriori pozzi di sviluppo, si prevede che il campo possa raggiungere la capacita produttiva massima di circa 160 mila boe/giorno nel corso del 2017. Nooros è un importante successo della strategia esplorativa near-field di Eni, finalizzata all’incremento della base riserve in prossimità di infrastrutture esistenti.

 

Zohr: Sanzionato dalle Autorità egiziane lo sviluppo di Zohr con avvio atteso entro la fine del 2017. Eseguite con successo prove di produzione e pozzi di delineazione che confermano il potenziale dell’area.

 

 

 

Nel dicembre 2016 sono stati firmati due nuovi accordi di concessione per i blocchi di North El Hammad (Eni 37,5%, operatore) e North Ras El Esh (Eni 50%), situati nelle acque convenzionali dell’offshore egiziano del Mediterraneo.

Nel febbraio 2016 il Ministero del Petrolio e delle Risorse Minerarie egiziano ha approvato l’assegnazione a Eni del Zohr Development Lease che sancisce l’avvio dello sviluppo della scoperta giant a gas di Zohr nella licenza operata di Shorouk (Eni 100%) sulla cui base e stata presa la FID e sono state iscritte le riserve certe. Il first gas è previsto a fine 2017.

Le prime prove di produzione effettuate su due pozzi e le attività di drilling di delineazione e di sviluppo eseguite hanno confermato il potenziale della scoperta di 850 miliardi di metri cubi di gas in posto.

Le attività di perforazione proseguiranno nel 2017 mentre sono in corso le attività di costruzione dell’impianto onshore di trattamento del gas e di installazione delle facility offshore.

Nell’ambito della strategia Eni di “dual exploration” che consente di perseguire contemporaneamente al rapido sviluppo delle riserve scoperte, la loro parziale diluizione al fine di anticiparne la monetizzazione del valore, sono stati firmati due accordi per la cessione di una quota complessiva del 40% della scoperta di Zohr.

Gli accordi sono relativi alla cessione di:

  • una quota del 10% a BP, per un ammontare pari a $375 milioni e il rimborso pro quota degli investimenti sostenuti per $150 milioni;
  • una quota del 30% a Rosneft, per un ammontare pari a $1.125 milioni e il rimborso proquota degli investimenti sostenuti pari a circa $450 milioni.

 

L’accordo riconosce ai nuovi partner l’opzione per l’acquisto di un’ulteriore quota del 5% alle medesime condizioni. Nel febbraio 2017, con l’approvazione del governo egiziano, è stata perfezionata la cessione a BP; l’accordo con Rosneft è previsto perfezionarsi entro la prima metà del 2017 e soggetto all’approvazione del governo del Paese.

Nel corso dell’anno è stato raggiunto il picco produttivo di 85,5 mila boe/giorno in quota Eni del progetto Nidoco NW e satelliti nell’ambito del Great Nooros area nella concessione Abu Madi West (Eni 75%). Si tratta di un risultato record, conseguito a soli 13 mesi dalla scoperta avvenuta nel Luglio 2015 e in anticipo rispetto alle previsioni, grazie al successo degli ultimi pozzi esplorativi perforati nell’area di Nooros e dalla perforazione di nuovi pozzi di sviluppo.

Con il completamento del programma di sviluppo, si prevede il raggiungimento

della capacita produttiva di 160 mila boe/giorno nel corso del 2017.

E’ stato rivisto al rialzo il potenziale della scoperta esplorativa Baltim South West (Eni 50%, operatore) nell’offshore convenzionale, che è ora stimato contenere oltre 28 miliardi di metri cubi di gas in posto. La revisione avviene a seguito dei risultati della perforazione di un pozzo di delineazione. Il giacimento è situato in prossimità della Great Nooros Area.

Le altre attività di sviluppo hanno riguardato:

  • la prosecuzione delle attività del progetto di sviluppo sub-sea END Phase 3 nella concessione di Ras el Barr (Eni 50%) con la perforazione e il completamento di due pozzi;
  • attivita di infilling e ottimizzazione della produzione nelle concessioni Sinai 12 (Eni 100%), Ashrafi (Eni 25%) e Meleiha (Eni 76%) per sostenere la capacita produttiva;
  • l’avvio di un impianto di trattamento gas nella concessione Meleiha.

 

Sedi e contatti

Exploration & Production
Ieoc Production B.V.
P.O. box, 52
1, Road 204
Degla Square
11742 Maadi
Il Cairo
Tel. (0020) 2 7057171

Tecnomare Egypt Ltd.
4A St. 200, Degla, Maadi - Cairo, Egypt
Tel. +20 2 7028432
+20 2 7028349
Fax. +20 2 7028461


Gas & Power
Egyptian International Gas Technology Co.
Gastec Building
El Teseen -5th Street Settlement Area
Cairo
Egypt



Back to top