325

La materialità

Gli aspetti materiali ricomprendono le tematiche prioritarie per gli stakeholder rilevanti di Eni e identificano le sfide e le opportunità chiave dell’intera catena delle attività per la creazione di valore nel lungo periodo.

Rigorosi negli obiettivi, flessibili nel determinare le priorità

La materialità è il principio per il quale le imprese devono redigere i loro report inserendo informazioni sugli aspetti che incidono concretamente sulla loro capacità di creare valore nel tempo. Ogni anno, al fine di identificare le tematiche rilevanti per il Piano Strategico e per la rendicontazione di sostenibilità, viene aggiornata l’analisi di materialità. La definizione dei temi materiali di sostenibilità per Eni si basa su un processo di identificazione di tutti i temi rilevanti per gli stakeholder rilevanti di Eni esterni e interni, attraverso il cosiddetto “multi-stakeholder approach” e di un successivo processo di prioritizzazione.

La materialità dei temi identificati è definita sulla base delle analisi di priorità:

  • della rilevanza degli stakeholder e delle relative istanze;
  • dei rischi ESG risultanti dal processo di Risk Management Integrato (RMI), tali rischi sono valutati considerando anche potenziali impatti ambientali, sociali, su salute e sicurezza e reputazionali;
  • degli elementi di scenario – definiti anche  sulla base degli argomenti che sono stati affrontati durante le riunioni del Comitato Sostenibilità e Scenari (CSS) nel corso del 2020.

La combinazione di queste analisi permette di includere le tematiche prioritarie sia per gli stakeholder rilevanti sia per l’azienda stessa.

Il management coinvolto nel processo di reporting di sostenibilità valida gli aspetti materiali, che a loro volta, sono presentati al Comitato Sostenibilità e Scenari e al Consiglio di Amministrazione.

I temi identificati sono alla base dei contenuti presenti nella reportistica di sostenibilità.

Eni for 2020 – Report completo

ZIP 22.79 MB
ZIP 22.79 MB