orange-the-world-palazzo-1.jpg

Una giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne

Anche quest’anno Eni ha sostenuto la campagna #OrangetheWorld promossa da UN Women con il lancio dell’iniziativa di comunicazione interna #IoConLei. Per questa giornata, la nostra sede di Roma, altri siti aziendali e alcune stazioni di servizio, si sono illuminati di arancione.

di Eni Staff
25 novembre 2021
4 min di lettura
di Eni Staff
25 novembre 2021
4 min di lettura

Orange Day: il mondo si tinge di arancione

Ogni 25 novembre si celebra la Giornata Internazionale per lottare contro ogni forma di discriminazione e violenza contro le donne, istituita nel 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

La giornata è conosciuta anche come Orange Day perché in tutto il mondo viene identificata con il colore arancione, scelto da UN Women, come simbolo di un futuro senza violenza sulle donne.

Questa data è stata scelta per ricordare la brutale uccisione delle sorelle Mirabal, attiviste politiche della Repubblica Dominicana. Il 25 novembre del 1960, durante una visita ai loro mariti in carcere le tre donne furono bloccate sulla strada da agenti del Servizio di informazione militare. Furono torturate, massacrate e poi gettate in un precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente. All’opinione pubblica fu subito chiaro che le sorelle Mirabal erano state assassinate. La ribellione che ne conseguì condusse presto alla morte del dittatore del Paese.

orange-the-world-un-women-desktop.jpg
orange-the-world-un-women-mobile.jpg

Un tulipano contro la violenza e sedi e siti aziendali colorati d’arancione

Insieme a Plenitude, le nostre Eni Station e la flotta Enjoy hanno aderito a #OrangetheWorld con iniziative dal forte valore simbolico, come per esempio la campagna di comunicazione interna #IoConLei, che ha previsto la donazione a tutte le persone Eni di origami di tulipani da costruire e condividere con i propri colleghi: un modo per sensibilizzare il personale alla cultura della diversità e dell’inclusione. Agli uomini è stato chiesto di distribuire a famiglie e amici gli origami e di testimoniare con una foto il loro STOP alla violenza sulle donne per sottolineare la loro partecipazione attiva su questo tema.

Infine, dalle ore 21:00 in poi la sede di Eni a Roma, insieme ad alcuni siti aziendali e stazioni di servizio, si sono illuminati di arancione. Tra questi: il Gazometro nel quartiere Ostiense, la bioraffineria di Porto Marghera a Venezia, le raffinerie di Taranto e Livorno e 8 flagship store di Plenitude.

orange-the-world-download-2.jpg

Partecipa a #IoConLei

Crea il tulipano origami insieme a famigliari e amici per dire basta alla violenza contro le donne.

Scarica il file

Un impegno che dura nel tempo

I diritti umani sull’uguaglianza di genere e sulla riduzione delle disuguaglianze sono anche due dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite, il n.5 e il n.10, che ispirano le nostre azioni e il nostro impegno per una transizione energetica socialmente equa. In particolare, sosteniamo progetti in favore delle pari opportunità come fattore di crescita delle comunità locali.

Tra questi HALO Trust - Angola “100 Women in Demining", un progetto che ha formato e dato lavoro alla popolazione locale femminile angolana. Inoltre, è stata costruita una piccola scuola che, consentendo un migliore accesso all’educazione per i bambini, contribuirà a raggiungere l’obiettivo n.5 degli SDGs per la parità di genere. Infine, in perfetta sintonia con i principi e i valori alla base del Codice etico che regola il nostro operato, siamo da sempre impegnati nel rispetto verso i diritti umani, in Italia e nei Paesi in cui operiamo in tutto il mondo, approccio che ci ha portati nel 2019 a pubblicare il primo Eni for Human Rights.

OrangetheWord

Donne e ragazze continuano a subire discriminazioni e violenze in ogni parte del mondo. La parità di genere non è solo un diritto umano fondamentale, ma la condizione necessaria per un mondo prospero, sostenibile e in pace.

“16 giorni di attivismo contro la violenza di genere”: a difesa dei diritti umani

La violenza contro le donne costituisce una violazione dei diritti umani a livello globale. Per questo motivo un filo rosso unisce due ricorrenze altrettanto significative: da una parte il 25 novembre che celebra la lotta contro “ogni atto di violenza fondata sul genere che abbia come risultato, o che possa probabilmente avere come risultato, un danno o una sofferenza fisica, sessuale o psicologica per le donne, incluse le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, che avvenga nella vita pubblica o privata”; dall’altra il 10 dicembre commemora l’Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. 

Tra le due date si estende la campagna ONU per l’eliminazione della violenza contro le donne entro il 2030 lanciata nel 2008 e denominata UNiTE: “16 giorni di attivismo contro la violenza di genere”, un’azione globale che dà forma a diverse manifestazioni di solidarietà e invita a riflettere su quello che l’ONU ha definito “non solamente un diritto umano fondamentale, ma una condizione necessaria per un mondo prospero, sostenibile e in pace”, ovvero l'uguaglianza di genere

sdg-n-10.svg

Le pari opportunità dovranno essere garantite eliminando leggi, politiche e pratiche discriminatorie. Dovranno essere agevolate una migrazione e una mobilità ordinate e sicure, tra l’altro mediante una politica responsabile in materia di migrazione.

PDF 7.30 MB
PDF 166.28 KB
PDF 11.10 MB
PDF 24.92 MB