Eni, accordo con Città Metropolitana di Milano, Comune di San Donato Milanese e Città di Paullo per sviluppare l’economia circolare

03 agosto 2021
2 min di lettura
03 agosto 2021
2 min di lettura

San Donato Milanese (MI), 03 agosto 2021 – Eni ha sottoscritto un accordo con la Città Metropolitana di Milano, il Comune di San Donato Milanese e la Città di Paullo affinché il territorio che ospita il quartiere generale dell’azienda diventi un laboratorio di sperimentazione di iniziative di decarbonizzazione e di economia circolare. Tutte le aree business di Eni impegnate nella transizione energetica collaboreranno allo sviluppo dei progetti.

In particolare, l’intesa abbraccia vari ambiti di economia circolare: dai progetti per la valorizzazione dei rifiuti alla mobilità elettrica, dalla digitalizzazione in ottica "smart" del tessuto urbano all’impiego di asfalti a basso impatto ambientale. Per la valorizzazione di scarti e di rifiuti il primo obiettivo dell’accordo è ottimizzarne la gestione, anche attraverso sistemi di mappatura e tracciabilità per mezzo di strumenti digitali: per gli oli vegetali usati, al fine di identificare nuovi sistemi per la loro raccolta e recupero affinché possano diventare materia prima per la produzione di biocarburanti sostenibili e per il recupero delle plastiche, che con le tecnologie Eni possono essere valorizzate come risorsa energetica.

L’intesa prevede anche nuove installazioni di colonnine elettriche ad accesso pubblico, che verranno alimentate con energia verde certificata al 100% da fonti rinnovabili; la realizzazione della stazione di servizio a idrogeno verde, che verrà prodotto in loco da elettrolisi dell’acqua; nuovi modelli di mobilità per smart city, integrati alle esigenze territoriali e in armonia con l’ambiente, che puntino a un approccio low carbon; iniziative di sharing mobility, sviluppo della mobilità ciclabile e l’impiego di asfalti innovativi con materie prime riciclate a minor impatto ambientale.

Infine, un capitolo è dedicato alla formazione e sensibilizzazione nelle scuole per diffondere una cultura della mobilità, dell’uso corretto dell’energia e dei prodotti lungo l’intero ciclo di vita, valorizzando gli scarti e la consapevolezza sul ruolo del cittadino in questo percorso di cambiamento.

«La presenza di Eni a San Donato Milanese è dalle origini basata su principi sociali e culturali – dichiara Giuseppe Ricci, Direttore Generale Energy Evolution di Eni – oggi Eni si mette a disposizione per avviare un laboratorio di innovazione in un territorio strategico. Il traguardo di Eni di raggiungere la neutralità carbonica di tutti i prodotti e processi al 2050 si costruisce anche con le collaborazioni istituzionali, in particolare quando implicano numerosi e importanti campi di sperimentazione».