Eni: Joule premia tre start-up all’interno della call Switch2Product promossa da Polihub

Eni: Joule premia tre start-up all’interno della call Switch2Product promossa da Polihub

Roplastic , Sinergy e Lift Energy sono le tre nuove startup che entreranno a far parte del programma Energizer di Joule, la Scuola di Eni per l’Impresa.

14 dicembre 2020
2 min di lettura
14 dicembre 2020
2 min di lettura

San Donato Milanese (MI),14 dicembre 2020 – Joule, la Scuola di Eni per l’impresa, ha premiato questa mattina tre startup innovative nell’ambito della call “Switch2Product” (S2P) promossa da Polihub, l’Innovation Park & Startup Accelerator  del  Politecnico di Milano, gestito dalla Fondazione Politecnico di Milano. Switch2Product(S2P) è il programma che valorizza sul mercato soluzioni deep tech, nuove tecnologie e idee di impresa – proposte da studenti, laureati, ricercatori, alunni e docenti del Politecnico di Milano – offrendo loro risorse economiche per supportare lo sviluppo tecnologico e un percorso di  accelerazione  di business dedicato.

Le tre startup selezionate da Joule sono:

  • Sinergy: progetto di sviluppo di una batteria intelligente adatta ad applicazioni di accumulo energetico su media e grande scala;
  • Roplastic: soluzione per la sintesi circolare di materiale plastico con alto valore commerciale e che utilizza scarti ad oggi irrecuperabili;
  • Lift Energy: pellicola protettiva per batterie al litio in grado di migliorare le performance di resa;

A queste si aggiungono due realtà early stage selezionate in ottobre nel corso della “StartCup Lombardia”, la Competition degli Atenei e degli Incubatori Universitari lombardi promossa da  Regione Lombardia e gestita da Polihub: Birex, trattamento innovativo e sostenibile per il recupero di prodotti ad alto valore da biomasse, derivanti dalle lavorazioni agro-industriali e Rehouseit, che lavora sull’ utilizzo di scarti agroalimentari per produrre moduli di isolamento acustico e termico.

Le 5 startup riceveranno – a partire da gennaio 2021 - un percorso di incubazione personalizzato a cura di Polihub nei nuovi spazi della Scuola Eni per l’Impresa presso il Campus Bovisa e il supporto metodologico di Energizer, il programma di Joule che permetterà di valutare, monitorare e guidare l’impatto ambientale e circolare generato dai differenti modelli di business anche grazie all’esperienza e alle competenze tecniche di Eni. Sale ad 11 complessivamente il numero di realtà imprenditoriali sostenibili nel  portafoglio Joule al 2020, a fronte di più di 100 selezionate, in un anno che  ha  visto  crescere  tutto  il comparto  startup italiano, capace di rispondere con efficacia e resilienza alla prova dell’emergenza sanitaria.