PRICE SENSITIVE
Incontri e accordi

Eni: diventa effettivo l'accordo tra il Kazakhstan e il consorzio KPO

28 giugno 2012 9:55 AM CEST

San Donato Milanese (Milano), 28 giugno 2012 – Eni informa che l’accordo firmato ad Astana lo scorso 14 dicembre tra le società del consorzio Karachaganak Petroleum Operating (KPO) e la Repubblica del Kazakhstan è divenuto oggi effettivo.

Tale accordo sancisce la chiusura di tutti i contenziosi in corso tra le parti, l’ingresso nel consorzio della compagnia di stato kazaka KazMunaiGaz (KMG) con una partecipazione del 10% rilasciata pro quota dagli attuali partner e la messa a disposizione, da parte di KMG, di una capacità di trasporto fino a 2 milioni di tonnellate all’anno  nell’oleodotto CPC. I termini economici e finanziari che regolano l’accordo sono gli stessi già precedentemente annunciati.

L’ingresso di KazMunaiGaz rappresenta un importante passo in avanti per il rafforzamento della cooperazione tra le parti che nel frattempo hanno già avviato le attività propedeutiche allo sviluppo futuro del campo da cui è atteso un sostanziale incremento della produzione di liquidi e di gas.

Karachaganak è un giacimento giant che produce petrolio, condensati e gas naturale con riserve recuperabili stimate in 5 miliardi di boe. La produzione di Karachaganak nell'anno è stata di 239 mila barili/giorno di liquidi (64 mila in quota Eni) e 24 milioni di metri cubi/giorno di gas naturale (circa 7 milioni in quota Eni).
 

PDF 48.63 KB