Overview

Framework internazionale
Per affermare la tutela e la promozione dei diritti umani, il riconoscimento e la salvaguardia della dignità, della libertà e dell'uguaglianza degli esseri umani, nello svolgimento delle proprie attività aziendali e in quelle in partecipazione con i Business Partner, Eni ha come quadro di riferimento quello definito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, dalle Convenzioni fondamentali dell’International Labour Organization (ILO) e dalle Linee Guida dell’OCSE per le Imprese Multinazionali.

Le persone al centro, sempre

Parte della cultura di Eni e base per il successo dell'azienda è la centralità riconosciuta alle persone: dalla tutela del lavoro, allo sviluppo delle capacità e delle competenze, alla creazione di un ambiente di lavoro che offra a tutti le medesime opportunità sulla base di criteri di merito condivisi e senza discriminazioni. Per tutto questo, Eni si rifà a:
  • Convenzioni Fondamentali ILO (n.29 Lavoro forzato; n.87 Libertà di associazione e protezione del diritto sindacale; n.98 Diritto di organizzazione e di contrattazione collettiva; n.100 Uguaglianza di retribuzione; n.105 Abolizione del lavoro forzato; n.111 Non - discriminazione; n.138 Età minima; n.182 Forme peggiori di lavoro minorile)
  • alle Linee Guida OCSE per le Imprese Multinazionali.
In tema di responsabilità ambientale, pilastro fondamentale dell'agire sostenibile, Eni attua iniziative e attività che si conformano:
  • alla Dichiarazione delle Nazioni Unite su Ambiente e Sviluppo
  • alla Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico
  • alla Convenzione ONU sulla Biodiversità
  • alle Linee Guida OCSE per le Imprese Multinazionali.
La Corporate Governance di Eni si fonda su un sistema articolato e omogeneo di regole basate su principi di integrità e trasparenza. Tali regole sono in linea con i più elevati standard internazionali quali la Convenzione delle Nazioni Unite Contro la Corruzione, la Convenzione OCSE sulla lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nelle operazioni economiche internazionali e i Business Principles for Countering Bribery di Transparency International.

Su tutti i temi citati, inoltre, l'azienda dialoga attivamente con diverse associazioni partecipando, al contempo, alle iniziative promosse dalla Commissione Europea, l'OCSE, la Banca Mondiale, le Nazioni Unite e da associazioni di categoria (quali WBCSD, IPIECA, Oil and Gas Producers, CSR Europe), per promuovere buone pratiche aziendali, favorire politiche e contribuire a definire un quadro di regole e di linee guida in grado di consentire lo sviluppo del business e processi di crescita equi e duraturi.
Back to top