Incontri e accordi

Eni cede a Qatar Petroleum una quota del 30% nel permesso Tarfaya Offshore Shallow nell’offshore del Marocco

13 marzo 2019 - 12:50 PM CET
 
Eni ha ceduto a Qatar Petroleum una quota del 30% nel permesso Tarfaya, composto da 12 blocchi esplorativi nell’offshore del Marocco. Eni e Qatar Petroleum sono anche partner in Mozambico, Oman e Messico.

San Donato Milanese (Mi), 13 marzo 2019 – Eni e Qatar Petroleum hanno firmato oggi un accordo per consentire a Qatar Petroleum di acquisire una quota del 30% nel Permesso Tarfaya Offshore Shallow, composto da 12 blocchi esplorativi nell’offshore del Marocco. L’accordo è soggetto all'autorizzazione delle autorità marocchine.

L’area di Tarfaya si trova nella parte meridionale dell’offshore del Marocco in acque con profondità fino a 1.000 metri e copre un'area totale di circa 23.900 km2. Eni, attraverso la sua controllata Eni Maroc, e Office National des Hydrocarbures et des Mines (ONHYM) attualmente detengono rispettivamente una partecipazione del 75% e del 25% con Eni Operatore. Le parti stanno attualmente effettuando studi geologici e geofisici come parte del programma relativo alla prima fase esplorativa come stabilito dall’accordo dal “Tarfaya Petroleum Agreement”.

A seguito dell’accordo il consorzio sarà composto da Eni al 45%, QP al 30% e ONHYM al 25%.

Eni è presente in Marocco dal 2016 attraverso la sua controllata Eni Maroc.

All'inizio di questa settimana, Eni e Qatar Petroleum hanno firmato un accordo che ha consentito a Qatar Petroleum di acquisire una partecipazione del 25,5% nel Blocco A5-A, al largo del Mozambico. Eni e Qatar Petroleum sono anche partner in Oman e in Messico.