Chimica | Finanza, Risultati e Piano Strategico

Versalis rafforza la sua presenza nei mercati asiatici

12 settembre 2012 - 10:35 AM CEST
 

Shanghai, 12 settembre 2012 – Versalis, l’azienda chimica di Eni, entra nei mercati asiatici con l’apertura di una sede nella città di Shanghai, inaugurata oggi dall’Amministratore Delegato Daniele Ferrari. In Asia Versalis opererà attraverso Eni Chemicals Trading e Versalis Pacific Trading. Si tratta di due società di nuova costituzione, 100% Versalis, che opereranno direttamente in Cina, Taiwan, Corea del Sud, Giappone, Australia, India, Singapore, Malesia, Thailandia, Indonesia, Sri Lanka, Filippine, Vietnam, Pakistan e Bangladesh.

Versalis, nell’ambito della nuova strategia di internazionalizzazione, punta a conquistare un ruolo da protagonista in Paesi in forte sviluppo facendo leva sulle proprie competenze tecnologiche ed industriali. La presenza nella regione Asia – Pacific consentirà a Versalis di ottimizzare il presidio delle attività commerciali e industriali  nei settori di interesse strategico.
Eni Chemicals Trading e Versalis Pacific Trading svolgeranno le attività di importazione e vendita di prodotti chimici, di licenze tecnologiche e di sviluppo di partnership nel mercato asiatico.

Recentemente Versalis ha costituito una joint venture con Petronas, market leader del settore chimico nell’area asiatica che contribuirà allo sviluppo del business degli elastomeri, la principale attività di vendita di Versalis in Asia. L’accordo prevede lo sviluppo e la gestione congiunta di un sito produttivo per gli elastomeri a Pengerang, Johor, presso la raffineria e il centro integrato di sviluppo di Petronas e la produzione e la commercializzazione di gomme sintetiche con tecnologia e know-how Versalis.

Sono in corso di finalizzazione altre importanti trattative con player internazionali.

NOTE INFORMATIVE

La strategia di Versalis in Asia punterà sul potenziamento del business degli elastomeri di cui Versalis è il secondo produttore in Europa e uno dei principali a livello mondiale, attraverso accordi di cooperazione con operatori internazionali facendo leva sulle tecnologie proprietarie (Licensing e Brevetti).
Questa strategia consentirà a Versalis di trarre vantaggio dal forte sviluppo che il mercato degli elastomeri sta attraversando in Asia con un tasso di crescita annuale pari al 5-8%.
Versalis ha individuato la Cina come il mercato con maggiore potenzialità in Asia.
La Cina, infatti, è il secondo più grande mercato automobilistico del mondo con il numero di autovetture previsto in crescita da 75 a 215 milioni di veicoli nel 2020 (fonte: LMC 2012) che implica una crescita correlata della domanda di pneumatici. Il mercato richiede inoltre il passaggio a pneumatici ad alte prestazioni e a pneumatici radiali, in grado di rispondere alle crescenti esigenze di efficienza energetica, comfort e sicurezza.

Anche il recente accordo siglato da Versalis con Genomatica e Novamont per la produzione di butadiene da fonti rinnovabili rientra in questa visione di mercato. Il butadiene, infatti, è la materia prima utilizzata per produrre gomma (pneumatici per auto, settore elettrodomestici, settore calzaturiero, modificanti per materie plastiche e bitumi, additivi per oli lubrificanti, tubi, componenti per l’edilizia, lattice). La joint venture si inquadra nel nuovo piano industriale di Versalis, che prevede ingenti investimenti nel nascente settore della Chimica Verde e consente all’azienda di avviare un innovativo percorso di integrazione tra il tradizionale processo di produzione del Butadiene, in cui rimane seconda in Europa, e le nuove opportunità offerte dall’applicazione delle biotecnologie nell’industria chimica. La partnership ha una forte valenza strategica in quanto consente a Versalis di differenziare l’accesso alla disponibilità di butadiene, sperimentando un approvvigionamento da biomasse vegetali, svincolato dai processi di cracking a nafta, che può costituire nel medio periodo un significativo vantaggio competitivo.

Versalis rafforza la sua presenza nei mercati asiatici

PDF 40.38 KB 12 settembre 2012 CEST 10:35
PDF 40.38 KB