997247012

ACCELERIAMO LA TRASFORMAZIONE

Piano Strategico 2021-2024

La nuova strategia 2021-2024 migliora e accelera la trasformazione di Eni rafforzando la roadmap verso il 2050. Ci impegniamo per diventare leader nella produzione di energia pulita e a offrire ai nostri clienti una serie completa di prodotti decarbonizzati. Puntiamo a massimizzare la creazione di valore per tutti i nostri stakeholder. 

Strategy Presentation ENI

Guarda il video della Strategy Presentation

PDF 4.05 MB
PDF 624.77 KB
PDF 565.41 KB

UN'AZIENDA ENERGETICA INTEGRATA A ZERO EMISSIONI

La nostra strategia si fonda su 3 pilastri essenziali:

  1. decarbonizzazione di operazioni e prodotti
  2. diversificazione e ampliamento delle nostre attività nel retail e nelle rinnovabili, nei prodotti bio e nell'economia circolare
  3. aumentare resilienza e flessibilità dell'azienda per assorbire la volatilità dei prezzi. Crescita selettiva e maggiore efficienza continueranno a garantire valore e rendimenti elevati in tutte le nostre attività.

Questi 3 pilastri poggiano su 2 solide basi:

  1. la riduzione al minimo dell'impatto ambientale, affrontando i problemi di disuguaglianza sociale e attuando un forte modello di governance per raggiungere gli SDGs delle Nazioni Unite e aumentare il valore per tutti i nostri stakeholder
  2. la tecnologia e la digitalizzazione per ridurre i rischi del presente e accelerare la nostra trasformazione.
Claudio Descalzi primo piano

Il Piano Strategico 2021-2024 compie un passo avanti verso la nostra trasformazione. Ci impegniamo a raggiungere la totale decarbonizzazione di tutti i prodotti e processi entro il 2050.

Claudio Descalzi, AD di Eni

Eni sarà carbon neutral entro il 2050 e questo è un target, non un’ambizione. Lo abbiamo definito considerando tutte le nostre attività e combinando la sostenibilità economica all'implementazione industriale.

The New Eni

ENERGY EVOLUTION: UNA TRASFORMAZIONE SOSTENIBILE E SELF FINANCED

Per massimizzare ulteriormente la generazione di valore lungo l'intera catena dell'energia verde e supportare i nostri obiettivi di decarbonizzazione Scope 3, abbiamo deciso di unire il business delle rinnovabili con il business retail Gas & Power. Questa business combination fa di Eni uno dei principali operatori retail green nel mercato europeo con 15 milioni di clienti e 15 GW entro il 2030. Nei 4 anni di Piano, Retail + Rinnovabili genereranno un EBITDA circa 1 miliardo di euro.

Nel Refining & Marketing, ci aspettiamo di migliorare le performance in tutte le linee di business: bio-raffinazione, marketing, e impianti tradizionali. Le bio-raffinerie continueranno a contribuire positivamente, diventando palm oil free nel 2023, con un crescente utilizzo di materie prime provenienti da rifiuti e residui.

NATURAL RESOURCES: RIDUZIONE DI BREAKEVEN E IMPRONTA CARBONICA

Negli ultimi anni abbiamo fortemente rafforzato il business upstream, riducendone il fabbisogno di liquidità e continuando a minimizzare l’impronta carbonica.

Nel piano quadriennale ridurremo ulteriormente il livello di prezzo del Brent necessario a generare un free cash flow al netto dei capex. Nel periodo del piano, questo si tradurrà in una riduzione del coverage dei capex upstream di quasi 10 dollari al barile, arrivando a 28 dollari.

Nello scenario Eni, la produzione crescerà in media di circa il 4% l'anno rispetto al 2020.

Il secondo obiettivo di Natural Resources è ridurre al minimo l'impronta carbonica e sviluppare iniziative per eliminare la CO2, come i progetti di conservazione delle foreste e di cattura e stoccaggio della CO2 (CCS).

Eni sta lavorando su iniziative REDD+ per massimizzare il valore per i nostri stakeholder, preservando le foreste primarie e secondarie e la loro biodiversità, principalmente in Africa, Asia meridionale e America Latina. Il nostro obiettivo è compensare più di 6 milioni di tonnellate/anno di CO2 entro il 2024 e oltre 20 milioni entro il 2030.

I nostri progetti CCS sono realizzati in sinergia con l’Upstream. Il nostro intento è creare hub di stoccaggio in tutto il mondo per decarbonizzare le nostre attività industriali. Entro il 2030 puntiamo a uno stoccaggio totale di circa 7 milioni di tonnellate/anno, con una capacità lorda complessiva di 15 milioni.

STRATEGIA FINANZIARIA: DISCIPLINA FINANZIARIA, BALANCE SHEET SOLIDO E POLITICA DI REMUNERAZIONE RAFFORZATA

La strategia finanziaria di Eni sarà una componente strutturale dell'esecuzione del nostro piano.

Sarà incentrata su un insieme diversificato di leve:

  • la nostra flessibilità a livello di capex: concentrandoci su iniziative a breve termine, limitando il capitale inattivo al 20% degli investimenti
  • una gestione attiva e dinamica del portafoglio, comprese le nuove business combination; più di 2 miliardi di euro di dismissioni nel piano da reinvestire in acquisizioni per una rimodulazione selettiva del portafoglio
  • una nuova serie di strumenti finanziari, legati all'esecuzione della strategia: obbligazioni legate a KPI sostenibili
  • una politica di distribuzione competitiva e progressiva.

GENERAZIONE DI CASSA RESILIENTE E FLESSIBILITÀ

Nel quadriennio continueremo a migliorare la nostra resilienza: la neutralità di cassa, ovvero il livello di prezzo del Brent necessario per coprire le nostre esigenze di capex e il floor dividend, sarà progressivamente ridotta al di sotto dei 40 dollari al barile.

Eni, il suo team e il CdA esprimono il deciso impegno a continuare a svolgere un ruolo sostenibile e innovativo nel supportare lo sviluppo sociale ed economico in tutte le loro attività. Il nostro solido modello ESG è la base per raggiungere il nostro obiettivo, che rimane quello di produrre valore per tutti i nostri stakeholder.

Claudio Descalzi, CEO di Eni