Eni presenta "Eni in Basilicata, Local Report 2012", rapporto rivolto alle comunità lucane interessate dalle attività petrolifere.

Si tratta di un documento che ha l’ambizione di fornire informazioni documentate e puntuali su temi cruciali (il lavoro, lo sviluppo locale, l’ambiente, la salute e la sicurezza delle persone), indirizzato a chi vuole approfondire la conoscenza del settore degli idrocarburi, ma soprattutto a chi crede che in questa regione sia possibile realizzare un modello innovativo di sviluppo sostenibile, nel pieno rispetto dell’ambiente, delle identità e delle specificità locali.

Il rapporto descrive nel dettaglio le attività del Distretto Meridionale di Viggiano, la sede direzionale di eni per le attività di ricerca e produzione di idrocarburi di tutto il Meridione, e ricostruisce la cronistoria della presenza e delle attività di eni in Basilicata, facendo il punto sul ciclo produttivo in Val D’Agri, con i 26 pozzi attualmente in produzione, il COVA, l’oleodotto, il Centro Olio di Pisticci e le Centrali a Gas di Pisticci e Ferrandina.
Sono illustrate le modalità con cui eni stringe e coltiva relazioni con gli stakeholder, e raccontato il percorso degli accordi per lo sviluppo locale - tra cui il recente protocollo sul “local content‘ siglato con le parti sociali il 5 ottobre 2012 - con le significative ricadute in progetti di spesa per il territorio (5,1 milioni di euro erogati nel solo 2011). 

Un’intera sezione del Local Report è dedicata all’occupazione - comprensibilmente uno degli aspetti di maggiore interesse per le comunità locali - e ai risultati ad oggi raggiunti. Sono 291 i lavoratori direttamente impiegati nel Distretto Meridionale: di questi, più della metà è residente in Basilicata. L’impatto occupazionale totale però è molto più ampio: i dipendenti che lavorano presso le imprese fornitrici eni sono, infatti, 2.146, di cui il 47% proviene dalla Basilicata e il 31% dalla Val d’Agri.
Infine, un’ampia sezione del documento approfondisce le ricadute ambientali delle attività petrolifere e affronta il tema dei monitoraggi, che tanto rilievo hanno al fine di salvaguardare la salute e della sicurezza delle persone. In ciascuna sezione sono state inoltre selezionate le "domande frequenti" che mirano a chiarire alcuni aspetti fondamentali legati alla produzione degli idrocarburi in Basilicata.

Il Local Report è stato certificato da Ernst & Young, che ne ha verificato la conformità e l’attendibilità.

Back to top