Eni e Legambiente si incontrano ancora una volta, quest’anno  a Venezia, per discutere i grandi temi legati all’ambiente  e allo sviluppo sostenibile, con il progetto “Energythink, il futuro del Pianeta, gli scenari dell’energia‘.
La tavola rotonda di Venezia, organizzata in collaborazione con l’Università Ca’Foscari, è la quarta tappa di un percorso condiviso da Eni e Legambiente, che intendono promuovere il confronto sul tema della sostenibilità energetica.

La Conferenza

Fornire l’accesso ai servizi energetici moderni è cruciale per assicurare degni standard di vita, in particolare per migliorare le condizioni di donne e bambini dei paesi in via di sviluppo, e permettere un reale sviluppo economico e sociale.
Le sfide energetiche di oggi e ancor più di domani sono formidabili e abbracciano un’ampia gamma di temi anche molto distanti fra loro che vanno dalla riduzione degli impatti sul clima all’inquinamento atmosferico, dalla sicurezza degli approvvigionamenti fino alla necessità di stabilire nuove relazioni a livello mondiale.
Il tema dell’accesso all’energia è al centro del dibattito internazionale e le  principali iniziative organizzate dalla Comunità Internazionale sono: la definizione del 2012 Year of Sustainable Energy for All, comunicata al World Future Energy Summit del gennaio 2012 dal Segretario generale Ban Ki-moon, e la UN Conference on Sustainable Development (Rio+20) che si svolgerà nel mese di Giugno a Rio de Janeiro, dove i Capi di Stato, decideranno i futuri abiettivi per lo sviluppo sostenibile.
Durante la conferenza al saluto di benvenuto del rettore dell’Università Ca’Foscari, Prof. Carlo Carraro, seguirà una lectio magistralis di Fatih Birol, capo economista dell'Agenzia Internazionale dell' Energia (IEA) e una tavola rotonda moderata dal giornalista Gianni Riotta a cui prenderà parte il Presidente di Eni Giuseppe Recchi.

La prima tappa del progetto EnergyThink ha visto l’Aula Magna del Politecnico di Torino nel 2009 ospitare la Conferenza Internazionale “Anche il Sole fa la sua Rivoluzione‘ con gli interventi dei maggiori ricercatori ed esperti internazionali dell’energia solare, una fonte pulita, gratuita e inesauribile, il cui sfruttamento futuro su grande scala dipenderà dalla quantità e dalla qualità delle ricerca e dello sforzo tecnologico. La seconda tappa è stata dedicata a “Le Bioenergie. Una carica di risorse rinnovabili‘ si è svolta nel 2010 all’Università del Salento, nella sede di Lecce, mentre la terza, dal tema “Via libera alla mobilità sostenibile‘, si è tenuta presso l’Università degli Studi di Firenze (Novoli) nel 2011.

Rio +20

Energythink IV si inserisce tra gli eventi ufficiali dell'Anno Internazionale dell'energia sostenibile per tutti ed intende rappresentare una tappa di avvicinamento del percorso di Rio+20. Obiettivi della Conferenza sono: costruire una piattaforma di confronto del Sistema Italia sul tema dell'accesso all'energia, fare il punto sul contributo degli attori chiave, esplorare possibili spazi di interazione e individuare nuove prospettive d'azione in vista di Rio+20.

La conferenza di Venezia ed il workshop che lo precede ospitato dalla Fondazione Eni Enrico Mattei, costituiscono un momento fondamentale della strategia di eni per partecipare e  contribuire a Rio+20. Attraverso l'Iniziativa Sustainable Energy for All eni intende valorizzare la propria esperienza e capacità di promuovere lo sviluppo sostenibile nei paesi in via di industrializzazione e di innovare i modelli di produzione e consumo in quelli industrializzati. A questo scopo concentra la propria attenzione sui progetti di riduzione del gas flaring e accesso all'energia sostenibile nei paesi in via di sviluppo e sui progetti di riconversione verde degli impianti e delle attività nei paesi industrializzati, che sono già parte integrante della strategia di sostenibilità di eni. Un esempio concreto di questo impegno è illustrato nella pubblicazione Business solutions to enable energy access for all, che sarà presentata dal World Business Council for Sustainable Development all'interno del Workshop FEEM.

Nell'ambito dell'UN Global Compact LEAD Eni ha promosso la Task Force on Business Action. Entro il 2030 l'Iniziativa intende: assicurare l'accesso universale ai servizi energetici moderni, raddoppiare il tasso di crescita dell'efficienza energetica e raddoppiare la percentuale di energia rinnovabile nel mix energetico globale. La Task Force è parte integrante dell'Iniziativa e ha il compito di assicurare il contributo e l'impegno del settore privato.

Nell'ambito del progetto Energythink, eni e Legambiente  organizzeranno un secondo appuntamento ad Ottobre presso l'Università Bocconi di Milano: in questa occasione gli studenti e i ricercatori universitari potranno confrontarsi con i massimi esperti di energia sostenibile sugli esiti di Rio+20 in materia di accesso all'energia.

Workshop FEEM

La conferenza EnergyThink è preceduta dal workshop organizzato dalla Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) ‘International Workshop on Energy Poverty and Access to Energy in Developing Countries'.

Il workshop si occuperà della relazione bidirezionale fra l'accesso all'energia e la riduzione della povertà, a partire dalle possibili definizioni di povertà energetica, rivisitando i comuni approcci di misurazione ed evidenziando le cause della situazione attuale.

Il tema della diffusione delle moderne fonti energetiche sarà esplorato, ponendo particolare attenzione al ruolo che avranno le fonti fossili e le tecnologia alternative nell'accesso all'energia. Oltre al contributo che l'accesso all'energia può garantire in termini di contrasto alla povertà, verrà discusso come l'adozione di differenti mix energetici può incidere sullo sviluppo sostenibile.

Inoltre durante il workshop verranno analizzate le future prospettive politiche e  il contributo dei finanziamenti per il clima per migliorare l'accesso all'energia.

Back to top