L’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha visitato la sede operativa di Ravenna, dove la Società è presente con tutte le aree di attività (Upstream, G&P, Versalis e Syndial) e ha illustrato i risultati positivi in termini di sicurezza raggiunti da Eni e dal sito nel 2014.

Ravenna, 8 Settembre 2015 – L’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha visitato, nell’ambito del "Programma Sicurezza Italia", la sede operativa di Ravenna dove la Società è presente con tutte le aree di attività (Upstream, G&P, Versalis e Syndial). Nel corso della visita, l’Amministratore Delegato di Eni ha incontrato il management e i dipendenti, a testimonianza dell’impegno concreto dell’azienda per la sensibilizzazione e la formazione in tema HSE, illustrando risultati in termini di sicurezza raggiunti da Eni e dalla sede di Ravenna nel 2014.

La sicurezza delle persone e delle attività operative rappresenta un obiettivo strategico per Eni, che nel 2014 si è attestata su una frequenza di 0,31 infortuni per milione di ore lavorate, riducendo il numero degli infortuni per il decimo anno consecutivo. Complessivamente nel 2014 il miglioramento degli indici ha registrato una diminuzione del 13% rispetto al 2013 e nel primo semestre 2015 il miglioramento è continuato per un ulteriore 25%. Il trend di riduzione degli infortuni è ancora più marcato per i contrattisti dove il numero è sceso da 120 del 2013 a 26 del primo semestre 2015. Questi risultati collocano Eni al primo posto sotto il profilo della sicurezza rispetto ai principali competitor internazionali.

L’impegno di Eni sulla sicurezza a livello globale trova riscontro nell’andamento positivo degli indicatori infortunistici presso il sito di Ravenna. Nello specifico, lo stabilimento petrolchimico è al top delle performance del settore downstream con più di 1000 giorni senza infortuni per i contrattisti e circa 860 giorni per i dipendenti; nell’upstream il Distretto Settentrionale (DICS) raggiunge il risultato record di 4 milioni di ore lavorate senza infortuni, mentre Syndial quello di cinque anni senza infortuni. La centrale Enipower registra più di tre anni senza infortuni per i dipendenti e un anno senza infortuni di terzi.

Il "Programma Sicurezza Italia" nasce proprio dall’esigenza di migliorare ulteriormente performance già al top del settore attraverso il consolidamento della cultura della sicurezza, grazie a programmi continui di formazione, e la previsione di serie di azioni volte a un controllo capillare in tutte le operazioni ordinarie e straordinarie che coinvolgono dipendenti e contrattisti.
Al termine della visita l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha commentato: "La sicurezza è un valore imprescindibile per Eni e puntiamo a zero infortuni in tutta l'azienda. Per questo abbiamo lanciato il "Programma Sicurezza Italia" che vede il coinvolgimento del management, dei dipendenti e soprattutto dei contrattisti. Eni si posiziona tra i top performer del settore e pretende anche da chi lavora per Eni lo stesso approccio, perché solo con l'impegno di ognuno di noi potremo raggiungere gli obiettivi ambiziosi ma al tempo stesso imprescindibili che ci siamo posti".

Back to top