Incontri e accordi

Eni e Pertamina firmano Memorandum of Understanding per collaborazioni nell’ambito di economia circolare, prodotti a basso contenuto carbonico ed energie rinnovabili

30 gennaio 2019 5:43 PM CET
Eni e Pertamina, in particolare, hanno concordato di individuare opportunità di collaborazione nell’ambito dei processi di trasformazione e valorizzazione dei rifiuti e delle biomasse, facendo leva anche sulle tecnologie proprietarie di Eni.

Roma, 30 gennaio 2019 – Il Presidente Direttore di Pertamina, Nicke Widyawati, e l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, alla presenza del Ministro dell’Energia e Risorse Minerarie Ignasius Jonan, hanno firmato oggi un Memorandum of Understanding per individuare le sinergie tra le rispettive tecnologie, expertise e know how, al fine di identificare nuove opportunità di collaborazione nell’ambito dell’economia circolare, driver di sviluppo strategico per Eni e le proprie società Syndial (Ambiente) e Versalis (Chimica). Le parti intendono anche discutere di collaborazioni nello sviluppo di prodotti a basso contenuto carbonico ed energie rinnovabili.

Eni e Pertamina, in particolare, hanno concordato di individuare opportunità di collaborazione nell’ambito dei processi di trasformazione e valorizzazione dei rifiuti e delle biomasse, facendo leva anche sulle tecnologie proprietarie di Eni (Waste to fuel*, Waste to hydrogen**, Sewage sludge conversion into boimethane production by anaerobic digestion, Advanced biofuels from biomass, Chemicals from biomass).

Eni e Pertamina valuteranno aree di cooperazione nell’ambito del riciclo e riutilizzo dei materiali: dal trattamento e valorizzazione delle acque, al riciclo dei polimeri, fino all’applicazione dei processi di ecodesign per massimizzare la riciclabilità dei prodotti finali.

Il Memorandum prevede anche la valutazione di collaborazioni in ricerca e sviluppo tecnologico per la valorizzazione di scarti e rifiuti, la biofissazione della CO2 e il suo riutilizzo nella mobilità sostenibile.

Infine, le parti discuteranno opportunità di business, sia in Indonesia che a livello internazionale, nell’ambito delle energie rinnovabili.

Eni e Pertamina hanno anche firmato un accordo di base per una Joint Venture dedicata alla costruzione di una bio-raffineria all’interno di un complesso già esistente, in Indonesia. Nel quadro della partnership, sono stati anche sottoscritti i termini chiave per un accordo relativo all’utilizzo degli asset di bio-raffinazione di Eni in Italia, basati sulla tecnologia Eni Ecofining Technology: questo consentirà all’olio vegetale idrotrattato (HVO) di raggiungere il mercato indonesiano.

Eni opera in Indonesia dal 2001 e attualmente ha un ampio portafoglio di asset in esplorazione, produzione e sviluppo. Le attività produttive sono localizzate nel bacino di Kutei, nell’East Kalimantan e sono associate principalmente al giacimento Jangkrik, nell’area contrattuale Muara Bakau, che fornisce una produzione di oltre 650 milioni di piedi cubi di gas, vale a dire circa 18 milioni di metri cubi di gas, al giorno.

 

 

Informazioni di background

*Waste to fuel, tecnologia proprietaria Eni che consente di produrre biocarburante da rifiuti urbani, trasformando i rifiuti in bio-olio da destinare a componente nella produzione di biocarburante per trasporti di seconda generazione, Syndial, società ambientale di Eni, ha avviato il progetto pilota a Gela lo scorso dicembre e punta a sviluppare impianti su scala industriale, disponendo di una grande quantità di rifiuti da riutilizzare e offrendo significativi vantaggi ambientali alle grandi aree urbane.

**Waste to hydrogen, processo in grado di trasformare i rifiuti plastici in idrogeno per usi industriali e mobilità sostenibile.

Scarica il pdf del comunicato

PDF 119.39 KB 30 gennaio 2019 CET 17:43
PDF 119.39 KB