Finanza, Risultati e Piano Strategico

Eni: risultati dell’esercizio e del quarto trimestre 2017

16 febbraio 2018 - 7:45 AM CET
 

Il Consiglio di Amministrazione di Eni ha approvato ieri i risultati consolidati dell’esercizio e del quarto trimestre 2017 (non sottoposti a revisione contabile).


PRINCIPALI DATI QUANTITATIVI ED ECONOMICO-FINANZIARI

III Trim.     IV Trim. Esercizio
2017     2017 2016 var % 2017 2016 var %
52,08 Brent dated $/barile 61,39 49,46 24 54,27 43,69 24
1,175 Cambio medio EUR/USD   1,177 1,079 9 1,130 1,107 2
44,34 Prezzo in euro del Brent dated €/barile 52,14 45,84 14 48,03 39,47 22
1.803 Produzione di idrocarburi mgl di boe/g 1.892 1.856 2 1.816 1.759 3
947 Utile (perdita) operativo adjusted (a) € milioni 1.995 1.286 55 5.795 2.315 150
1.046 di cui: E&P   1.864 1.400 33 5.170 2.494 107
(193) G&P   213 (72) .. 212 (390) ..
337 R&M e Chimica   114 75 52 992 583 70
229 Utile (perdita) netto adjusted (a)    975 459 112 2.411 (340) ..
0,06 - per azione (€)    0,27 0,13   0,67 (0,09)  
344 Utile (perdita) netto (b)   2.100 340 518 3.427 (1.464) ..
0,10 - per azione (€)    0,58 0,09   0,95 (0,41)  
1.938 Flusso di cassa netto ante variazione circolante adjusted (c)   2.423 2.123 14 9.256 6.179 50
2.124 Flusso di cassa netto da attività operativa underlying (d)    3.218 3.546 (9) 9.986 7.971 25
1.463 Investimenti (tecnici e in partecipazioni) netti (d)    1.891 2.256 (16) 7.619 9.275 (18)
  Dismissioni nette (d)    3.797     3.797    
14.965 Indebitamento finanziario netto   10.916 14.776 (26) 10.916 14.776 (26)
0,32 Leverage   0,23 0,28   0,23 0,28  
(a) Per la definizione dei risultati adjusted vedi nota sulle Non-GAAP measure a pag. 18 del Comunicato Stampa sui risultati dell'esercizio e del quarto trimestre 2017.
(b) Di competenza degli azionisti Eni. Per il 2016 da continuing e discontinued operations.
(c) Misura Non-GAAP. Flusso di cassa netto da attività operativa prima della variazione del capitale di esercizio ed escludendo l'utile/perdita di magazzino e certe componenti straordinarie. Per la riconduzione vedi pag.15 del Comunicato Stampa sui risultati dell'esercizio e del quarto trimestre 2017.
(d) Per la riconduzione vedi pag. 15 del Comunicato Stampa sui risultati dell'esercizio e del quarto trimestre 2017.

Il Consiglio di Amministrazione di Eni ha approvato ieri i risultati consolidati dell’esercizio e del quarto trimestre 2017 (non sottoposti a revisione contabile). Esaminando i risultati, Claudio Descalzi, AD di Eni, ha commentato:

 

“Chiudiamo il 2017 con risultati eccellenti che dimostrano come il processo di profondo cambiamento avviato nel 2014 abbia trasformato Eni in una società capace di crescere e creare valore anche in condizioni di mercato molto difficili. Nell’Upstream abbiamo raggiunto il massimo storico della nostra produzione pur riducendo del 40% gli investimenti di sviluppo rispetto alla baseline 2014, continuato a registrare risultati esplorativi eccellenti e messo in produzione in tempi record i nostri progetti più rilevanti, con la punta di diamante di Zohr. Nel Mid-Downstream abbiamo riportato in una posizione di profitto strutturale G&P con un anno di anticipo, ottenuto nell’R&M il risultato operativo record degli ultimi 8 anni e conseguito nella Chimica la migliore performance operativa di sempre. Tutto ciò ha consentito di far crescere la generazione di cassa del 50%, a fronte di un aumento del Brent del 22%, di ridurre la nostra cash neutrality a 57 $/bl e di rinforzare ulteriormente la nostra struttura patrimoniale, anche grazie alle dismissioni realizzate nell’anno. Per il futuro le prospettive di crescita sono eccellenti in tutti i business e saranno perseguite con disciplina finanziaria e grande attenzione alla loro sostenibilità in presenza di scenari anche i più difficili. Il che vorrà dire che, se al contrario le condizioni di mercato fossero più favorevoli, saremo in condizione di generare un enorme extra-valore per i nostri azionisti. Sulla base di questi risultati proporrò al Consiglio del 15 marzo il pagamento di €0,80 per azione quale dividendo sul risultato 2017.”

Highlights

Exploration & Production

  • Produzione di idrocarburi, record storico:
    • nel dicembre 2017 raggiunto il record assoluto di Eni a 1,92 milioni di boe/giorno;
    • nel quarto trimestre conseguiti 1,89 milioni di boe/giorno, livello trimestrale più elevato degli ultimi sette anni (+1,9%); media annua a 1,82 milioni di boe/giorno (+3,2%) la più elevata di sempre. Al netto dell’effetto prezzo nei PSA e dei tagli OPEC, crescita del +3,7% nel trimestre e del +5,3% nell’anno;
    • contributo da avvii e ramp-up di 243 mila boe/giorno in media annua grazie all’implementazione del modello integrato Eni di esplorazione e sviluppo con riduzione del time-to-market dei nuovi progetti (nel 2017 Zohr in Egitto, East-Hub in Angola, OCTP in Ghana, Jangkrik in Indonesia) e all’accelerazione dei ramp-up (Nooros).
  • Avviata la produzione del giacimento super-giant a gas di Zohr con un time-to-market record: meno di due anni dalla FID e meno di due anni e mezzo dalla scoperta.
  • Risorse esplorative: nel 2017 aggiunto 1 miliardo di boe equity di cui 800 milioni da esplorazione in house al costo unitario di circa 1 $/barile.
  • Completata con successo la campagna esplorativa nell’Area 1 nell’offshore del Messico: con l’appraisal della scoperta Tecoalli che fa seguito a quelle di Amoca e Miztòn, incrementate le risorse complessive dell’Area fino a 2 miliardi di boe in posto (circa 90% olio).
  • Rinnovato il portafoglio esplorativo con circa 97.000 Km2 di nuovo acreage:
    • assegnato il 50% dei diritti di sfruttamento minerari del Blocco Isatay nel Mar Caspio Kazakho;
    • firmato un exploration and production sharing agreement relativo al Blocco 52 offshore in Oman (Eni 85%);
    • acquisite nuove licenze esplorative in Marocco, Messico, Cipro, Costa d’Avorio e Norvegia.
  • Riserve certe di idrocarburi a 7 miliardi di boe; tasso di rimpiazzo organico al 103% che si ridetermina in 151% escludendo la riclassifica delle riserve non sviluppate in Venezuela ad “unproved” a causa delle attuali condizioni del Paese.
  • Dual Exploration Model: nel quarto trimestre 2017 perfezionata la cessione del 25% dell’Area 4 in Mozambico a Exxon Mobil.
  • Utile operativo adjusted E&P: €1,86 miliardi nel quarto trimestre (+33%); nell’anno più che raddoppiato a €5,17 miliardi.

Gas & Power

  • Utile operativo G&P strutturalmente positivo con un anno di anticipo rispetto ai piani, grazie alla ristrutturazione del business.
  • Business retail: migliore performance nell’incasso dei ricavi; in crescita la base clienti al netto delle cessioni.
  • Razionalizzazione portafoglio: disinvestita l’attività retail in Belgio; definita la cessione delle attività distribuzione gas in Ungheria.
  • Utile operativo adjusted G&P: €0,21 miliardi nel trimestre e nell’anno, in netto miglioramento sia vs. quarto trimestre 2016 (+€0,29 miliardi), sia su base annua (+€0,6 miliardi).

 

Refining & Marketing e Chimica

  • Nel 2017 margine di raffinazione di breakeven al di sotto dei 4 $/barile.
  • Valorizzato il know-how della raffinazione: accordo di licensing con Sinopec, prima società di raffinazione al mondo, per l’utilizzo della tecnologia di conversione EST.
  • Sviluppo internazionale di Versalis: avviata la joint venture Lotte Versalis Elastomers per la produzione di elastomeri in Corea del Sud.
  • Utile operativo adjusted R&M: €77 milioni nel quarto trimestre, +13% rispetto al trimestre 2016 nonostante la ridotta disponibilità della raffineria di Sannazzaro e lo scenario. Su base annua, risultato migliore degli ultimi 8 anni con €532 milioni, +91% rispetto all’esercizio precedente.
  • Utile operativo adjusted record della Chimica: €37 milioni nel quarto trimestre (+400%); €460 milioni nell’anno (+51%).

Risultati Consolidati

  • Utile operativo adjusted in forte crescita: €1,99 miliardi nel quarto trimestre (+55% vs. quarto trimestre 2016); più che raddoppiato su base annua a €5,79 miliardi (+€3,48 miliardi).
  • Utile netto adjusted: più che raddoppiato nel quarto trimestre a €0,98 miliardi; €2,41 miliardi nell’anno rispetto alla perdita netta registrata nel periodo di confronto.
  • Utile netto: €2,10 miliardi nel quarto trimestre; €3,43 miliardi nell’esercizio.
  • Forte generazione di cassa operativa underlying1: €3,22 miliardi nel quarto trimestre; €9,99 miliardi nell’esercizio.
  • Generazione di cassa su base adjusted prima della variazione del circolante2: €2,42 miliardi nel trimestre e €9,26 miliardi nell’esercizio.
  • Investimenti netti: €7,6 miliardi1, in riduzione del 18% vs 2016. Copertura organica investimenti netti a circa il 130%.
  • Cash neutrality organica per la copertura degli investimenti e del dividendo a 57 $/barile, 39 $/barile considerando gli incassi da cessioni.
  • Dismissioni nette3: incassi di €3,8 miliardi, riferiti principalmente al Dual Exploration Model.
  • Indebitamento finanziario netto: €10,92 miliardi.
  • Proposta dividendo 20174: €0,80 di cui €0,40 già pagati come acconto.

 

1Vedi nota (d) tabella pag. 1. del pdf allegato
2Vedi nota (c) tabella pag. 1. del pdf allegato
3Vedi nota (d) tabella pag. 1. del pdf allegato
4Il Consiglio di Amministrazione intende proporre all’Assemblea degli azionisti, che si terrà in un’unica convocazione il 10 maggio 2018, la distribuzione di un dividendo di €0,80 per azione (€0,80 nel 2016) di cui €0,40 distribuiti nel settembre 2017 a titolo di acconto. Il dividendo a saldo di €0,40 per azione sarà messo in pagamento a partire dal 23 maggio 2018 con stacco cedola il 21 maggio 2018.

Il testo completo del Comunicato Stampa è disponibile nella versione pdf.

Eni: risultati dell’esercizio e del quarto trimestre 2017

PDF 405.27 KB 16 febbraio 2018 CET 07:45
PDF 405.27 KB