768052735

Caring for Country: in Australia per tutelare il territorio dei nativi

L’iniziativa, avviata con le attività del giacimento Blacktip, mira alla valorizzazione della cultura locale e al rispetto dell'ambiente.

Un patrimonio da salvaguardare grazie ai Thamarrurr Rangers

Il giacimento a gas Blacktip si trova nel bacino offshore australiano Bonaparte, dove possediamo il 100% della licenza di produzione WA-33-L. Dal 2006 fa parte del progetto Caring for Country e prenderci cura del territorio è esattamente quello che intendiamo fare con questo progetto diversificato. L’iniziativa comprende una piattaforma di testa pozzo senza equipaggio (WHP), due pozzi di produzione, condotte e un gasdotto di esportazione sottomarino che porta il fluido del flusso del pozzo alla centrale a gas Yelcherr (YGP) onshore, nel territorio aborigeno governato dal Northern Land Council (NLC). YGP si trova vicino alla città di Wadeye. Durante lo sviluppo del progetto sono state condotte ampie indagini e consultazioni con i proprietari tradizionali per determinare i valori del patrimonio culturale che devono essere protetti e le condizioni per l’utilizzo a lungo termine della terra per il progetto Blacktip.

Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (SDGs)

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile è un programma d’azione sottoscritto nel settembre 2015 da 193 Paesi membri dell’ONU che ingloba 17 obiettivi tesi allo sviluppo socio-economico delle comunità e dei territori.In linea con gli obiettivi 3, 14, 15 e 17 sosteniamo l’accesso all’assistenza sanitaria per la comunità indigena nel Territorio del Nord (Obiettivo 3), forniamo formazione e sviluppo delle capacità per la protezione della biodiversità subacquea locale  (Obiettivo 14), della diversità terrestre (Obiettivo 15) e anche lo sviluppo socio-economico della comunità locale (Obiettivo 17).

Turtle Management Plan per la protezione delle tartarughe

Le tartarughe marine sono rettili marini che respirano aria e vivono negli oceani da oltre 200 milioni di anni. Le tartarughe a dorso piatto (localmente chiamate Greenback) e, in misura minore, le tartarughe bastarde olivacee, sono note per nidificare su Yelcherr Beach. Durante la realizzazione del progetto, su Yelcherr Beach è stata costruita una struttura temporanea di scarico dei moduli (MOF) per facilitare la consegna di moduli prefabbricati e altri materiali per la costruzione di YGP. Per gestire la costruzione e lo smantellamento del MOF è stato messo in atto un piano di gestione delle tartarughe, e il profilo naturale della spiaggia è stato ripristinato.

Gli aborigeni per l’ambiente: la photogallery

È una guardia forestale costituita da rappresentanti di vari clan locali a prendersi cura quotidianamente del territorio, compreso il monitoraggio degli animali e la tutela dei beni culturali.

La sicurezza prima di tutto

Consideriamo la sicurezza sul lavoro un valore imprescindibile che condividiamo con i dipendenti, i contrattisti e le comunità locali. Per questa ragione mettiamo in atto tutte le azioni necessarie per evitare gli incidenti, tra cui modelli organizzativi per la valutazione e gestione dei rischi, piani di formazione, sviluppo di competenze e promozione della cultura della sicurezza.

 

Le tecnologie utilizzate

Nel 2020 è stato realizzato un progetto congiunto con l’Australian Institute of Marine Science e Parks Australia per addestrare i Thamarrurr Rangers nell’uso di baited remote underwater video (BRUV) e drop camera per raccogliere dati nel vicino Emu Reef. Il progetto è stato ben accolto e fornisce una base per i Rangers per partecipare a ulteriori attività di monitoraggio degli habitat subacquei locali. 

Come affrontiamo le sfide

Lo smantellamento del MOF ha richiesto metodi innovativi che hanno ridotto i rischi e assicurato la totale assenza di danno per le persone e l’ambiente. Sono stati diversi i vincoli da gestire correttamente: confini di locazione, sicurezza e limitazioni stagionali. Il permesso di locazione limita l’area in cui possiamo operare e quindi abbiamo adottato una speciale strategia di smantellamento che ha ridotto al minimo l’impronta sulla spiaggia circostante. Le limitazioni stagionali includono sia una stagione umida che causa condizioni estreme e forti piogge, sia una stagione secca durante la quale le tartarughe raggiungono la riva per nidificare. Così l’attività di smantellamento è stata programmata nel periodo a cavallo tra la stagione della nidificazione delle tartarughe e l’inizio della stagione umida. Per evitare problemi di sicurezza e non interferire con la nidificazione notturna delle tartarughe, le attività di smantellamento sono avvenute solo durante il giorno, poiché le tartarughe preferiscono nidificare su spiagge scure e tranquille e le covate emergono tipicamente di notte, per poi sfruttare la luce della luna per trovare il mare. Una volta rimosso il MOF abbiamo ricreato le dune di sabbia, installato dei pozzetti di drenaggio e ripristinato la vegetazione lungo le dune. Con l’aiuto dei Thamarrurr Rangers abbiamo continuato a monitorare la nidificazione delle tartarughe a Yelcherr Beach per accertarci che le attività non avessero ripercussioni negative.

 

L’impatto sull’ambiente e sulla società

Il monitoraggio ambientale è gestito a tempo pieno da un gruppo di comunità locali, i Thamarrurr Rangers. I Rangers comprendono più di 17 indigeni locali e 4 membri non indigeni di supporto, e sono stati creati nel 2001 dai proprietari tradizionali della regione di Thamarrurr per affrontare attivamente i problemi di gestione della terra e del mare. Si occupano di pattugliare oltre 18.000 km² di territorio, circa 240 km di coste, e sono impegnati in diverse attività, tra cui la vigilanza costiera, il controllo delle infestanti, il monitoraggio degli animali selvatici, la tutela dei beni culturali, l’istruzione e la gestione della Marri-Jabin Indigenous Protected Area (IPA). Nel 2019 con lo staff dell’Australian Institute of Marine Science (AIMS) abbiamo condotto un workshop partecipativo di mappatura dell’habitat marino con il coinvolgimento dei proprietari tradizionali e dei Thamarrurr Rangers, che ha facilitato la condivisione delle conoscenze per sostenere la protezione delle specie e degli habitat locali.

Tra le nostre iniziative per aiutare la popolazione locale, abbiamo fornito attrezzature hi-tech al “North Australian Centre for Oil and Gas”, un laboratorio della Charles Darwin University che le utilizzerà per finalità di istruzione e ricerca. Abbiamo anche offerto alle donne aborigene programmi di assistenza sanitaria preventiva, in particolare per il cancro al seno.  Inoltre, abbiamo contribuito al miglioramento della salute e della coesione della comunità Wadeye attraverso un programma sostenibile di football AFL, dato il nostro sostegno al Brown’s Mart Theatre della città di Darwin attraverso l’acquisto e l’installazione del nuovo allestimento e dei nuovi impianti d’illuminazione e sostenuto l’iniziativa per le scuole Eni Schoolnet Project. Infine, nel 2006 abbiamo firmato un accordo con la Northern Territory Power and Water Corporation per la vendita di gas a uso domestico nel Territorio del Nord dell’Australia. Alla fine del 2015 la comunità di Wadeye ha visto sorgere una nuova centrale elettrica a gas al posto della centrale elettrica a diesel già esistente, fornendo così energia elettrica più pulita e meno costosa a una delle più grandi comunità del territorio. La nuova centrale alimenta i rubinetti del gasdotto del campo di gas Blacktip e consente l’accesso all’energia alla popolazione della città abitata da oltre 3.000 persone, con la capacità di fornire energia a 1.600 case e imprese. 

Il valore dell’esperienza

Abbiamo costruito solide relazioni all’interno della comunità indigena e in tutta la regione di Thamarrurr, dove si trova YGP. Abbiamo parlato con la comunità indigena locale fin dalle fasi di pianificazione e costruzione del progetto, e portiamo avanti un dialogo volto a tutelare i valori del patrimonio ambientale e culturale locale e comprendere il suo profondo senso di appartenenza alla sua terra. Le popolazioni indigene, infatti, hanno una relazione speciale con il loro territorio, non è un bene da comprare e vendere. Ci impegniamo a mantenere un rapporto di fiducia, dimostrando il massimo rispetto per la loro cultura.

Partnership

Continuiamo a sostenere il progetto Caring for Country, lavorando in partnership e in collaborazione con numerose organizzazioni governative e non governative, compresi il Governo australiano e quello del Northern Land Council e la Thamarrurr Development Corporation (TDC).  Per mettere a punto il Turtle Management Plan abbiamo collaborato con il Dipartimento australiano per l’ambiente e l’energia e con il Monitoring and Assurance della Environmental Standards Division. Le tecniche di protezione dell’area sono state sostenute e sviluppate dal governo australiano. Per fornire uno sviluppo delle capacità nella gestione e nel monitoraggio dell’habitat marino, abbiamo collaborato con l’Australian Institute of Marine Science per intraprendere la mappatura dell’habitat marino con i Rangers e anche erogare formazione sull’uso di BRUV e drop camera.