Overview

Riunioni e funzionamento del Collegio Sindacale
In questo approfondimento:
  • le informazioni sul funzionamento del Collegio Sindacale;
  • le riunioni svolte nel 2018 e le indicazioni sulla partecipazione. 

In conformità alle disposizioni di legge, il Collegio Sindacale si riunisce almeno ogni novanta giorni-e con la frequenza necessaria per lo svolgimento delle proprie funzioni. Il Collegio Sindacale è regolarmente costituito con la presenza della maggioranza dei sindaci e delibera a maggioranza assoluta dei presenti.

Lo statuto di Eni prevede che il Collegio può riunirsi in video o teleconferenza, a condizione che tutti i partecipanti possano essere identificati e sia loro consentito di seguire la discussione e di intervenire in tempo reale alla trattazione degli argomenti affrontati.

Ai fini dell’adempimento dei doveri di vigilanza, i sindaci devono assistere alle Assemblee e alle riunioni del Consiglio di Amministrazione. Inoltre, il Codice di Autodisciplina raccomanda che ai lavori del Comitato Controllo e Rischi e degli altri comitati endoconsiliari partecipi il Presidente del Collegio Sindacale o altro Sindaco da lui designato; possono comunque partecipare anche gli altri Sindaci.

Ai sindaci:

  • contemporaneamente agli amministratori, è fornita la documentazione sugli argomenti all’ordine del giorno del Consiglio stesso;
  • ai sensi dello statuto, è resa informativa dal Consiglio di Amministrazione e dall’Amministratore Delegato, con periodicità almeno trimestrale e comunque in occasione delle riunioni del Consiglio stesso, informativa sull’attività svolta e sulle operazioni di maggior rilievo economico, finanziario e patrimoniale effettuate dalla Società e dalle società controllate;
  • è fornita una completa informativa bimestrale e semestrale aggregata sull’esecuzione delle operazioni con parti correlate di Eni e di quelle con interessi degli Amministratori e Sindaci in base a quanto previsto dalla procedura aziendale in materia di parti correlate. 

Ai sensi della succitata procedura in materia di operazioni con interessi di amministratori e sindaci e operazioni con parti correlate, inoltre, i Sindaci danno notizia agli altri Sindaci e al Presidente del Consiglio di Amministrazione di ogni interesse che per conto proprio o di terzi abbiano in una determinata operazione della Società.

Inoltre, il Collegio Sindacale è stato individuato dal Consiglio di Amministrazione quale organo che svolge, nei limiti consentiti dalla normativa italiana, le funzioni attribuite dal Sarbanes-Oxley Act e dalla normativa SEC all’Audit Committee degli emittenti USA; le funzioni del Collegio in qualità di Audit Committee, che integrano quelle stabilite dalla normativa nazionale per il Collegio Sindacale, sono disciplinate da uno specifico Regolamento, qui disponibile in formato pdf.

Le riunioni del 2018

Il Collegio Sindacale nominato il 13 aprile 2017 nel corso del 2018 si è riunito 25 volte. La durata media delle riunioni è stata di 3 ore e 34 minuti e vi ha partecipato in media il 99% dei Sindaci. Nel corso del 2018 il Presidente del Collegio Sindacale o un Sindaco da lui delegato, o - relativamente a taluni argomenti – l’intero Collegio Sindacale, hanno partecipato a tutte le 16 riunioni del Comitato Controllo e Rischi e alle riunioni degli altri Comitati del Consiglio di Amministrazione, ed ha altresì incontrato periodicamente l’Organismo di Vigilanza.

Attività di induction

Il Collegio ha proseguito il programma di induction avviato dopo la nomina del 13 aprile 2017. In particolare nel 2018 ha partecipato alle visite ai laboratori delle aree operative “Upstream” e “Energy Solution” e all’impianto di Zohr in Egitto.

Autovalutazione del Collegio Sindacale

Come già avvenuto nel 2017, anticipando a questo proposito quanto ora previsto dalle Norme di comportamento del Collegio Sindacale emanate dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili nell’ultima edizione dell’aprile 2018, il Collegio Sindacale ha condotto un processo di autovalutazione della propria composizione e del proprio operato. Tale processo, i cui esiti sono riportati sia nella Relazione del Collegio Sindacale all’Assemblea degli Azionisti sia nella Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari, è stato realizzato con il supporto di un consulente esterno per rafforzarne l’obiettività.

Nell’ambito del processo di autovalutazione:

  • è stata confermata l’idoneità di tutti i Sindaci sulla base dei requisiti richiesti dalla normativa italiana e statunitense applicabile ad Eni in quanto quotata al NYSE, valutando positivamente gli aspetti di diversità, anche di genere, presenti nell’attuale composizione del Collegio;
  • l’azione del Collegio è risultata efficiente per l’assidua presenza dei Sindaci alle riunioni del Collegio e del Consiglio di Amministrazione e per la partecipazione alle riunioni dei Comitati endoconsiliari, ed efficace per la fluida interazione con i soggetti rilevanti per il funzionamento del sistema di controllo interno e con i Collegi Sindacali delle principali società controllate;
  • sono state ripercorse e valutate positivamente le attività svolte dal Collegio nel ruolo di Comitato per il Controllo interno e la revisione contabile ai sensi dell’art. 19 del D.lgs. n. 39/2010.
Back to top