Overview

La normativa sulla sicurezza dei prodotti
Eni si impegna al rispetto della normativa europea ed extraeuropea (a seconda del Paese di produzione e/o commercializzazione del prodotto) applicabile al prodotto e alle relative attività di produzione e commercializzazione. La normativa di prodotto è recentemente confluita in due regolamenti: il Regolamento REACH e il Regolamento CLP.

I due regolamenti della normativa in tema di sicurezza dei prodotti

La normativa europea ed extraeuropea obbliga le imprese a valutare i rischi derivanti da produzione, importazione, immissione sul mercato e utilizzo delle sostanze e miscele lungo tutta la catena di approvvigionamento e a prendere le misure necessarie per gestire qualsiasi rischio venga individuato. La normativa attualmente riconosciuta in tema di sicurezza prodotti è confluita a livello europeo in due regolamenti: il Regolamento Reach e il regolamento CLP.

Regolamento REACH

Regolamento (CE) n. 1907/2006 del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH), si applica alla fabbricazione, all'immissione sul mercato o all'uso delle sostanze, in quanto tali o in quanto componenti di preparati o articoli e ha lo scopo di assicurare un elevato livello di protezione della salute umana e dell'ambiente, inclusa la promozione di metodi alternativi per la valutazione dei pericoli che le sostanze comportano.

Regolamento CLP


Regolamento (CE) N. 1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele, che modifica e abroga le direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e che reca modifica al regolamento (CE) n. 1907/2006 e che armonizza i criteri per la classificazione delle sostanze e delle miscele e le norme relative all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele pericolose.

Il ruolo e l’impegno di Eni in ambito sicurezza prodotti

Tutte le società Eni perseguono gli obiettivi del Regolamento REACH che mira a garantire un elevato livello di protezione della salute e dell'ambiente e ne riconoscono l’importanza. I suoi principi generali sono già parte dell’impegno che Eni ha preso sul versante della sostenibilità e rappresentano una parte integrante della nostra cultura e della nostra storia. I rappresentanti di Eni partecipano attivamente ai gruppi di lavoro delle Associazioni di Categoria europee, European Chemical Industry Council (CEFIC) e CONCAWE, per rispettare le direttive contenute nei Regolamenti, sviluppare le linee guida per l’industria e predisporre tutto il necessario per assicurare gli adempimenti normativi e la corretta gestione dei prodotti. Eni si è opportunamente strutturata ed ha predisposto piani di formazione interna in modo da poter rispondere prontamente a tutte le necessità adottando anche sistemi informatici per la archiviazione, consultazione e gestione di tutto il materiale afferente ai prodotti stessi. Ha predisposto un portale web per la consultazione delle Schede Dati di Sicurezza https://msds.eni.com accessibile a chiunque ne abbia necessità.

Voci collegate

La gestione delle segnalazioni di Eni

Il processo di ricezione, analisi e trattamento delle Segnalazioni inoltrate da chiunque terzi o dipendenti anche in forma confidenziale o anonima.

Coinvolgimento del management

Nel 2015 sono continuati due interventi destinati al management aziendale e al nuovo Consiglio di Amministrazione.

Agenda per lo sviluppo sostenibile

Le strategie di Eni per lo sviluppo sostenibile: responsabilità e impegno sono tratti distintivi del patrimonio genetico dell’azienda.
Back to top