Overview

Syndial
Syndial è una società di Eni che fornisce un servizio integrato nel campo del risanamento ambientale attraverso le attività di approvvigionamento, ingegneria e realizzazione dei progetti e di logistica dei rifiuti. Realizziamo interventi di bonifica e di ripristino ambientale attraverso l’applicazione di tecnologie avanzate e sostenibili, rivolgendo una forte attenzione alle specificità dei territori in cui operiamo. Svolgiamo le nostra attività in circa 50 aree dismesse di proprietà, di cui alcune di interesse nazionale, e in altri siti industriali di Eni al fine di consentire nuove iniziative di reindustrializzazione. I nostri driver sono la realizzazione di progetti complessi, l’ottimizzazione delle risorse economiche, la capacità di sperimentare e adottare le migliori tecniche nel rispetto della sicurezza e dell’ambiente.

Governance

Organizzazione societaria


organigramma syndial


Organigramma
Massimo Mantovani Presidente
Giovanni Milani Amministratore Delegato
Massimo Laurenti HR Business Partner
Enrica Barbaresi Collegamento Relazioni Istituzionali
Roberto Castriota Pianificazione Amministrazione e Controllo
Gian Antonio Saggese Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità
Simone De Stefanis Approvvigionamenti ambientali
Guido Montanari Progetto "Modello per la tracciabilità dei documenti afferenti alla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro"
Paola Volpe Business Services ambientali
Francesco Misuraca Interventi e Impianti di risanamento ambientale


Il Consiglio di Amministrazione attualmente in carica è stato nominato dall’Assemblea il 14 aprile 2016 per tre esercizi, con scadenza all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2018, ed è così composto:
  • Massimo Mantovani, Presidente
  • Giovanni Milani, Amministratore Delegato 
  • Lorella Di Cosmo, Amministratore 
  • Luigino Lusuriello, Amministratore 
  • Rita Marino, Amministratore

Il Collegio Sindacale attualmente in carica è stato nominato dall’Assemblea del 15 aprile 2014 con scadenza all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2016, ed è così composto:
  • Francesco Schiavone Panni, Presidente
  • Alessandro Ridolfi, Sindaco effettivo
  • Paola Camagni, Sindaco effettivo
  • Alberto Luigi Gusmeroli, Sindaco supplente
  • Anna Maria Faienza, Sindaco supplente

La società di revisione Reconta Ernst & Young SpA è incaricata della revisione contabile per gli esercizi 2010-2018. L’Organismo di Vigilanza Syndial, nominato dal Consiglio di Amministrazione del 15 aprile 2014 (durata 3 anni), è così composto:
  • Presidente Fabrizio Pezzani, membro esterno
  • Antonio Mazzatura, membro interno
  • Stefania Tonnarelli, membro interno.

Attività

Program Management

Assicuriamo il processo di risanamento ambientale nelle sue diverse fasi, dalla caratterizzazione di un sito alla certificazione finale di ripristino delle aree bonificate, con l’obiettivo di:
  • massimizzare l’efficacia e l’efficienza nella gestione degli interventi di risanamento ambientale raggiungendo in tale ambito un ruolo di eccellenza 
  • ottimizzare la gestione degli asset di competenza (impianti di bonifica, fabbricati, terreni...) 
  • garantire la supervisione e il controllo dei singoli step di progetto con la costituzione di team multispecialistici dedicati.

Ingegneria e tecnologie ambientali

Sviluppiamo progetti di bonifica di suoli e falde basati sull’analisi di rischio sanitario, ambientale ed ecologico, che utilizzano i criteri di sostenibilità e valorizzano le tecnologie di bonifica a basso impatto ambientale. Gestiamo l’esecuzione dei test pilota in campo e lo sviluppo della modellistica idrogeologica e gli studi di impatto ambientale. Sviluppiamo inoltre progetti di decommissioning di impianti industriali e strutture dismesse, attraverso un processo integrato di bonifica e demolizione.

Trattamento acque di falda

L’impianto di trattamento delle acque di falda (TAF) garantisce il risanamento ambientale delle acque sotterranee. L’impianto si inserisce in un sistema integrato di intercettazione dell’acquifero, costituito da una serie di pozzi “barriera”, e di convogliamento delle acque intercettate all’impianto di trattamento per la loro depurazione prima del rilascio nell’ambiente. Gestiamo 18 impianti TAF, trattando complessivamente circa 20 milioni di metri cubi di acqua all’anno con l’obiettivo di crescita nel medio periodo a circa 30 milioni. Gli impianti utilizzano tecnologie specifiche in funzione dei contaminanti presenti e dell’eventuale salinità, con sezioni chimico-fisiche (metalli), di strippaggio (clorurati organici), di filtrazione con carboni attivi (organici), di trattamento biologico (composti ammoniacali), di osmosi (salinità) e di potabilizzazione per reimmissione delle acque in falda ai fini di un loro recupero o di un riutilizzo come acque industriali.

Attività produttive

Nel sito di Assemini, utilizzando la tecnologia delle celle a membrana e personale altamente specializzato, produciamo soda caustica, acido cloridrico e ipoclorito. Oltre agli impianti di produzione, disponiamo di un pontile attrezzato per la spedizione di prodotti via nave, di un deposito costiero con ampie capacità disponibili per nuove attività, di un sistema di servizi industriali importante oltre che di ampie aree attrezzate disponibili per nuove iniziative. La materia prima principale dello stabilimento è prodotta dalla vicina salina “Ing. Luigi Conti Vecchi”, da noi interamente posseduta, in cui estraiamo il cloruro di sodio, che viene anche venduto nel settore alimentare e per il disgelo autostradale nelle regioni del Centro-Nord Italia. La salina lavora al progetto di bonifica di un’ampia zona paludosa nei pressi di Cagliari e consiste nella realizzazione di bacini di acqua in lento ma continuo movimento che consentono, oltre alla produzione, di costituire un habitat eccezionale per l’avifauna e in particolare per il fenicottero rosa.

Logistica ambientale

Garantiamo il processo di gestione rifiuti industriali, dalla produzione allo smaltimento finale, a supporto dei progetti di risanamento ambientale in conformità alla normativa vigente in materia e alle best practice disponibili, con l’obiettivo di ridurre i rischi attraverso il monitoraggio e controllo diretto delle attività e la tracciabilità dei processi. Le fasi del processo di gestione dei rifiuti sono:
  • la classificazione e la caratterizzazione
  • la gestione documentale e operativa in campo 
  • la logistica trasporti e smaltimenti 
  • la tracciabilità completa della filiera di gestione, dalla produzione sino al recupero e smaltimento finali.

Salute, sicurezza, ambiente e qualità

Operiamo nel settore del risanamento delle aree con un’attenzione importante alla prevenzione e al controllo dei rischi in materia ambientale e dell’incolumità pubblica, salute e sicurezza, migliorando continuamente i processi guidati da un sistema di gestione certificato secondo i migliori standard internazionali (ISO14001, OHSAS18001 e ISO 9001). Consapevoli che la sostenibilità per le generazioni future parte dall’impegno presente e dalla valorizzazione dell’esperienza acquisita, adottiamo in ogni fase del nostro lavoro un presidio puntuale di tutti i processi e le best practice più innovative per la risoluzione delle principali problematiche ambientali, quali gestione rifiuti, emissioni, scarichi idrici, biodiversità. Investiamo in specifici e articolati programmi dedicati all’informazione, formazione e sensibilizzazione sui temi di salute, sicurezza e ambiente rivolti sia al nostro personale che ai contrattisti.

Laboratori ambientali

Attraverso i nostri laboratori ambientali operiamo a livello nazionale nel campo della tutela e del controllo dell’ambiente con servizi di campionamento e analisi delle acque, suoli, rifiuti, emissioni in atmosfera e ambienti di lavoro. Disponiamo di apparecchiature analitiche tra le più avanzate e pluriennale esperienza e know-how nell’analisi di microinquinanti organici e inorganici su matrici ambientali. I laboratori di Ferrara e di Priolo sono accreditati Accredia, l’Ente unico italiano di accreditamento, secondo i requisiti della Norma UNI EN ISO 17025, rispettivamente con numero 0119 e numero 0791, per le prove di cui all’elenco disponibile su www.accredia.it. L’accreditamento consiste nell’attestazione da parte di Accredia che il laboratorio soddisfi i criteri stabiliti dalla norma di riferimento UNI/CEI EN ISO/IEC 17025 e dalle prescrizioni specifiche dell’Ente stesso, ma non costituisce una garanzia rilasciata da Accredia sulle singole prestazioni eseguite dai laboratori. I laboratori Syndial assicurano l’impiego di personale qualificato, l’utilizzo di strumentazione adeguata, reagenti e materiali idonei e un’accurata validazione del dato analitico. Il marchio Accredia viene riportato sui Rapporti di Prova solo nel caso che questi contengano almeno una prova accreditata.
I nostri laboratori sono strutturati per fornire anche i seguenti servizi:
  • supporto tecnico e specialistico alle unità di business Syndial per le tematiche di natura analitica
  • definizione di piani di campionamento e analisi, piani di assicurazione e controllo qualità del dato e supervisione attività di campionamento svolta da laboratori terzi 
  • validazione dei risultati analitici, anche forniti dai laboratori terzi, mediante processi di Data Verification e Data Validation di file EDD e audit specialistici on site.
I laboratori ambientali di Syndial sono frutto dell’esperienza maturata da Eni in campo scientifico, nazionale e internazionale, con l’obiettivo di fornire servizi analitici di elevata qualità nei settori ambiente e igiene industriale. I Laboratori di Ferrara e Priolo Gargallo (SR) operano a livello nazionale nel campo della tutela e del controllo dell’ambiente mediante l’analisi di acque, suoli, rifiuti, emissioni in atmosfera e ambienti di lavoro applicando metodiche analitiche ufficialmente riconosciute. Costituiscono poli specialistici di riferimento sul territorio nazionale, non solo per Syndial, ma anche per le altre società di Eni, e sono frutto di lunga esperienza professionale e know how nel settore ambientale, nel campionamento e analisi dei microinquinanti organici persistenti (in particolare PCDD/PCDF e PCB), maturati nel corso di decenni in ambito scientifico nazionale e internazionale, vantando numerose esperienze di collaborazione con Università e Istituti di ricerca e di normazione. I laboratori si avvalgono di strumentazione scientifica tra le più avanzate, soprattutto nel settore della spettrometria di massa, mediante la quale è possibile il riconoscimento strutturale di microinquinanti a livelli di ppt (parti per trilione) in matrici ambientali e biologiche. I centri sono risorsa di notevole valore strategico e operativo, in grado di assistere e supportare le attività di progettazione ed esecuzione degli interventi di bonifica e riqualificazione ambientale proposti da Syndial e dalle società di Eni. Soddisfare criteri rigorosi di identificazione, sensibilità e riproducibilità analitica è una sfida che per essere vincente necessita di costante impegno in investimenti e professionalità delle proprie risorse, in questo senso le strutture puntano al continuo miglioramento dei protocolli analitici con l’obiettivo di assicurarsi il ruolo di eccellenza e di interfaccia scientificamente credibile tra le realtà del Gruppo e il contesto sociale e istituzionale in cui si sviluppa.

Settori di attività

I settori di attività dei laboratori sono i seguenti:
  • campionamento e analisi di acque superficiali, marine, potabili, reflue e sotterranee
  • campionamento e analisi di terreni, sedimenti marini e fanghi, ai fini di caratterizzazioni e bonifiche ambientali
  • analisi e classificazione di rifiuti
  • campionamento e analisi di emissioni in atmosfera da flussi convogliati
  • campionamento e analisi di inquinanti chimici in ambienti di lavoro
  • misurazioni di rumore, vibrazioni e microclima in ambienti interni ed esterni
  • supporto attivo alle funzioni tecnologia, ingegneria, project management, logistica e HSEQ di Syndial per la definizione e verifica delle specifiche tecniche relative alle fasi di progettazione degli interventi connessi al campionamento ed analisi di matrici ambientali.
Personale tecnico qualificato conduce visite ispettive di parte seconda sui laboratori convenzionati con Syndial, verificando la conformità di esecuzione delle prove alle condizioni indicate nelle specifiche tecniche contrattuali in materia di Quality Assurance & Quality Control dei dati.

Accreditamenti e certificazioni

I laboratori sviluppano la propria attività nell’ambito di un Sistema di Gestione della Qualità conforme ai requisiti previsti dalla Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025, quelli di Ferrara e di Priolo Gargallo sono accreditati Accredia rispettivamente con numero 0119 e numero 0791 (per l’elenco prove si rimanda al sito www.accredia.it ). I criteri di controllo e assicurazione della qualità dei dati applicati dai laboratori garantiscono il monitoraggio continuo di tutte le operazioni analitiche a sostegno e a difesa dei risultati ottenuti e un lavoro analitico documentato e tracciabile in ogni fase del processo.

Politica della Qualità

La Politica della Qualità impartita dalla Direzione è atta a perseguire, raggiungere e migliorare nel tempo i seguenti obiettivi:
  • l’efficienza e l’efficacia della propria organizzazione, fornendo sempre un adeguato numero di risorse professionali e di apparecchiature idonee all’attività analitica
  • la qualità del servizio offerto ai propri Clienti, nel rispetto dei requisiti previsti dalla Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 e di Accredia, nonché dei metodi analitici applicati e dichiarati 
  • la politica della formazione continua del personale per mantenere costantemente adeguato il livello tecnico e professionale delle risorse alla qualità dei servizi offerti
  • la definizione di obiettivi annuali di miglioramento continuo della struttura organizzativa, del Personale e delle apparecchiature 
  • la familiarizzazione da parte di tutto il Personale dei laboratori al Sistema di Gestione della Qualità mediante continui programmi di formazione ed efficienti processi di comunicazione interna.

Partecipazione a progetti europei

Syndial promuove iniziative di Ricerca e Sviluppo per realizzare, nell’ambito delle attività di bonifica, nuove tecnologie a minor impatto sull’ambiente che assicurino, comunque, il raggiungimento degli obiettivi di bonifica. A tale scopo la società è in partnership tecnologica con enti terzi nel progetto MAGICPAH, Molecular approaches and metagenomic investigations for optimizing clean-up of PAH contaminated sites. Finanziato nel Settimo Programma Quadro della Comunità Europea, nasce dalla collaborazione tra 13 istituti di ricerca internazionali Paesi e Syndial, che vi partecipa attraverso il laboratorio ambientale di Priolo, e costituirà il Centro di riferimento per i partner scientifici per le analisi degli idrocarburi nelle attività di caratterizzazione sia in mare che a terra. Al termine del progetto, Syndial potrà beneficiare dei risultati ottenuti al fine di perseguire uno degli obiettivi che la società si è data, e cioè la sostenibilità degli interventi di bonifica. In fondo alla pagina è possibile scaricare l’elenco dei principali progetti di bonifica in corso nelle seguenti località: Assemini, Brindisi, Cengio, Crotone, Ferrara, Ferrandina, Gela, Manfredonia, Mantova, Pieve Vergonte, Porto Marghera, Porto Torres, Priolo, Ravenna, Toscana, San Donato Milanese.

Sostenibilità

La mission aziendale è perseguita adottando i principi di sostenibilità e responsabilità d’impresa del Codice Etico di Eni per:
  • favorire opportunità di sviluppo economico, restituendo le aree bonificate al territorio per successive iniziative di reindustrializzazione
  • coinvolgere la comunità dei siti in cui operiamo nei nostri progetti e attività, attraverso l’interlocuzione con le autorità competenti locali
  • creare un clima aziendale favorevole alla crescita professionale dei dipendenti
  • promuovere, nei lavoratori dipendenti e delle imprese terze, la conoscenza e consapevolezza di come operare negli ambienti di lavoro salvaguardando la propria salute e incolumità fisica
  • adottare le migliori tecnologie e best practices per minimizzare l’impatto ambientale delle attività di bonifica dei siti contaminati.

Lavorare in sicurezza

Il costante miglioramento delle performance aziendali in ambito di salute e sicurezza dei lavoratori, dipendenti e contrattisti è un nostro obiettivo prioritario, perseguito attraverso la formazione continua e l’adozione di misure di prevenzione e mitigazione dei rischi e contenimento delle esposizioni negli ambienti di lavoro. Tipicamente le attività di bonifica comportano attività di cantiere affidate a ditte terze. Nel corso degli anni si è verificato un progressivo incremento dell’impiego di contrattisti che, misurato in termini di numero di ore lavorate, è oggi pari a quello delle risorse interne. Gli indici infortunistici, sia per i dipendenti che per i lavoratori delle ditte terze, hanno fatto registrare nell’ultimo triennio un progressivo miglioramento, e oggi si collocano tra le migliori performances delle aziende del settore. Tali risultati conseguono alle azioni messe in atto, anche con incontri promossi dal Top Management di Syndial e con la partecipazione del personale delle ditte terze, per renderli partecipi del forte impegno della società sul fronte della sicurezza sul lavoro. In tutti i siti Syndial è stata avviata l’iniziativa con Eni “Comunicare la sicurezza” allo scopo di promuovere nei lavoratori, dipendenti e contrattisti, comportamenti proattivi per la prevenzione degli infortuni. Nel sito di Assemini per il terzo anno consecutivo è stato conseguito l’obiettivo “Zero Infortuni”.

Il progetto “Sostenibilità nei progetti di bonifica”

Gli interventi di bonifica costituiscono di per sé uno strumento per il miglioramento dell’ambiente, tuttavia anche per essi possono essere individuate, già in fase progettuale, soluzioni sostenibili a minore impatto complessivo per l’ambiente e le comunità. Coerentemente all’impegno di Eni per la sostenibilità, Syndial sta indirizzando i propri modelli operativi per gli interventi di risanamento ambientale verso processi maggiormente eco-compatibili, massimizzando al contempo l’efficacia ed efficienza dei processi stessi. Nasce così il progetto “Sostenibilità applicata alle tecniche di bonifica” che si prefigge di ridurre l’impatto ambientale, sociale ed economico degli interventi, di migliorare l’immagine degli interventi, stabilire una leadership Syndial in materia di bonifiche tale da rappresentare il benchmark per il mercato nazionale. Operativamente l’applicazione dei principi di sostenibilità alla bonifica si traduce in:
  • selezionare la tecnologia più sostenibile fra quelle in grado di raggiungere gli obiettivi
  • utilizzare nuovi parametri rappresentativi dell’impatto della bonifica nel processo decisionale di scelta delle soluzioni tecniche nell’intero ciclo del progetto ottimizzare le tecnologie in uso adeguandole al nuovo processo.
Il progetto, della durata di 2 anni, è in corso di realizzazione e prevede la definizione di uno strumento informatico per l’applicazione del modello di analisi per il supporto decisionale (DSS) e l’applicazione pilota del modello a una bonifica importante nel 2011 la definizione, sulla base dei risultati del progetto pilota di linee guida, best practice e applicazioni di green procurement in materia di risanamento ambientale.

Sedi e contatti

Syndial servizi ambientali S.p.A.
Sede Legale in Piazza Boldrini, 1
20097 - San Donato Milanese (MI)
Tel. Centralino 02.520.1
Back to top