Il 16 aprile 2012, si è tenuto a Bruxelles il summit Sustainable Energy for All.

Alla conferenza hanno partecipato il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon, il Presidente della Commissione Europea nonché rappresentanti di paesi in via di sviluppo, il settore privato e la società civile hanno discusso il modo in cui la Commissione possa contribuire allo sviluppo dell’iniziativa Sustainable Energy for All (SE4ALL), lanciata dal Segretario Generale dell’ONU. Una parte separata della conferenza si è concentrata sulle sfide specifiche legate all'accesso delle donne ai servizi energetici moderni nei paesi in via di sviluppo.

L’Unione Europea (EU) ha annunciato un’iniziativa del valore di 50 milioni di euro per progetti di energia nei paesi in via di sviluppo come parte del piano UN per la fornitura di energia sostenibile entro il 2030.

Jose Manuel Barroso, ha dichiarato che la UE cercherà di fornire un supporto addizionale di diverse centinaia di milioni di euro per nuovi investimenti nei paesi in via di sviluppo in vista della conferenza Rio+20 di giugno.

L’iniziativa SE4ALL, che nel 2011 è stata lanciata dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, prevede tre obiettivi principali  da raggiungere entro il 2030 e che associano sviluppo e lotta contro il cambiamento climatico:

  • Garantire l'accesso universale a servizi energetici moderni
  • Raddoppiare il tasso di miglioramento dell'efficienza energetica a livello globale
  • Raddoppiare la quota di energia rinnovabile nel mix energetico globale.
  • Eni è membro di SE4ALL sin dalla sua nascita, e ne ha contribuito allo sviluppo con la creazione della Task Force on Business Action.
  • Stabilita sulla base dell’impegno assunto dall’Amministratore Delegato Paolo Scaroni al LEAD Luncheon del Gennaio 2011, la Task Force contribuisce al coinvolgimento del settore privato e all”adozione di impegni concreti.  È attraverso SE4LL che Eni pianifica il proprio contributo a Rio+20  in materia di accesso all’energia e riduzione del gas flaring.
Back to top