Eni è main partner della quarta edizione di Biennale Democrazia, a Torino, dal 25 al 29 marzo 2015. La manifestazione nasce dall’esigenza di contribuire alla qualità del discorso pubblico, fornendo ai cittadini, in particolare alle giovani generazioni, l’opportunità di esercitare la capacità di interpretare e di giudicare autonomamente le trasformazioni della società.

L’edizione 2015 dal titolo "Passaggi", propone una riflessione sulle grandi trasformazioni che segnano il nostro presente, nella società, nella politica, nell’economia, nella scienza e nella tecnologia.

Il progetto, strutturato in una serie di percorsi tematici, tutti a ingresso gratuito, si articola in cinque giorni di appuntamenti pubblici: lezioni, dibattiti, letture, forum internazionali, seminari di approfondimento e momenti di coinvolgimento della cittadinanza.

Eni partecipa alla manifestazione anche attraverso l’intervento di Giuseppe Ricci, Executive Vice President - Direttore Health, Safety, Environment & Quality, all’incontro "Cambiamenti climatici, la lentezza della risposta politica" in programma il 27 marzo coordinato da Arianna Montorsi. Il riscaldamento globale dell’ultimo secolo ha avuto effetti importanti sul sistema climatico del Pianeta, provocando per esempio in molte aree l’aumento di eventi estremi, quali ondate di calore e improvvise precipitazioni intense, lo scioglimento dei ghiacciai e l’elevazione del livello del mare. Ai rapidi cambiamenti climatici non corrisponde però una risposta altrettanto veloce da parte delle istituzioni.
Quali politiche adottare per stabilizzare la concentrazione di gas serra sotto i livelli che potrebbero innescare fenomeni climatici tali da rappresentare un rischio per lo sviluppo sostenibile della società e il funzionamento degli ecosistemi naturali?

Back to top