Il museo inaugura le nuove sale dedicate a Objects d’art du XVIII siècle.

Eni sostiene il restauro delle nuove sale del Louvre dedicate agli oggetti d’arte del XVIII secolo, con un’attenzione particolare al Cabinet Scientifique, una stanza dedicata alla presentazione di strumenti scientifici utilizzati durante il periodo di Luigi XVI, una collezione di 120 oggetti che ripercorrono un secolo.

Questo progetto si inquadra nell’ambito del secondo partenariato siglato nel 2012 tra Eni e il Louvre, che vede l’azienda impegnata in qualità di Mécène Exceptionnel del Museo in rilevanti iniziative di promozione artistica sia in Italia sia in Francia, paese di grande importanza strategica per la società. Continua l’ impegno di Eni come Mécène Principal delle grandi mostre del Louvre, che nel 2008 ha promosso la mostra intitolata a Mantegna (1431-1506), prima retrospettiva dedicata in Francia all’opera del celebre artista italiano, nel 2009 di Tiziano, Tintoretto, Veronese...rivalità a Venezia, nel 2010 di L’Antichità sognata. Innovazioni e resistenze nel Settecento e, infine, nel 2012 di Raphaël, les dernières années.

Grazie a questo accordo pluriennale, Eni nel corso degli anni ha esposto a Milano dei capolavori provenienti dal Louvre. 

Back to top