Concerto diretto da Zubin Mehta: tutta la disponibilità dei biglietti donata alla città.
Per gli studenti ingressi gratuiti alla prova generale del 30 novembre e alla rappresentazione della Turandot del 5 dicembre.

San Donato Milanese (Milano), 29 novembre 2012 – Eni è partner del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con una nuova ed esclusiva formula di sostegno delle attività del teatro che prevede per cittadini, studenti e appassionati la possibilità di partecipare gratuitamente a eventi straordinari per qualità di programmi e interpreti.

Il primo appuntamento è il 30 novembre.Eni è partner unico del concerto diretto da Zubin Mehta nel Nuovo Teatro dell’Opera.Tutti i biglietti vengono messi a disposizione della città di Firenze e gli studenti delle scuole fiorentine sono ospiti della prova generale  alle 10,30. 
Il 5 dicembre altri 350 studenti dell’Università di Firenze, sempre grazie a Eni partner unico dell’evento,  partecipano  alla rappresentazione della Turandot di Giacomo Puccini.

È possibile ritirare i tagliandi d’ingresso donati da Eni presso la Biglietteria del Teatro Comunale in Corso Italia. Ciascuno potrà ricevere fino a un massimo di 2 biglietti, indicando il proprio nominativo, età e un contatto mail o telefonico.

Per informazioni relative alla partecipazione degli studenti alla prova del 30 mattina contattare l’Ufficio Scuola al numero di telefono 055.2779269 o scuola@maggiofiorentino.com.

Firenze rappresenta una città importante e di forte interesse per Eni e  questa iniziativa si inserisce al meglio nella strategia dell’azienda, che mira a valorizzare eventi che colgano le aspettative e le esigenze della comunità. L’obiettivo dell’azienda è di individuare contenuti "eccezionali" in cui lo spettatore partecipi a un evento unico proposto in forma gratuita e per ogni fascia d’età.

In un periodo in cui, al trend di disinvestimento economico risponde un aumento costante della domanda in cultura, l’impegno di Eni è quello di facilitare l’accesso e la conoscenza all’arte in tutte le sue forme.

 

Back to top