Roma, 21 gennaio 2013 - Eni segnala l’esistenza di un’attività di phishing (frode informatica realizzata con l'invio di e-mail o sms contraffatti, finalizzata all'acquisizione, per scopi illeciti, di dati personali riservati ed inerenti le carte di pagamento) che viene realizzata attraverso la falsa vendita sul web di buoni carburante Eni a prezzi ingannevolmente irrisori e fuori mercato, a danno dei consumatori e della stessa azienda.

Eni ha immediatamente denunciato i fatti alle autorità giudiziarie competenti e queste ultime hanno già emesso i primi provvedimenti di sequestro. A tale proposito, Eni invita ad adottare tutte le cautele del caso volte alla salvaguardia dei propri dati personali, nonché a segnalare alle autorità competenti ed al proprio istituto bancario l’eventuale avvenuta cessione dei dati stessi.

Per l’acquisto di buoni carburante, Eni invita pertanto a diffidare di qualsiasi canale diverso da quelli ufficiali qui di seguito elencati:

  • le agenzie commerciali di Eni (elenco pubblicato su www.travel.eni.com, sezione carte e buoni; buoni carburanti elettronici e buoni carburanti cartacei);
  • lo sportello bancario BNL sito in Via Laurentina n. 449, Roma.

 

Inoltre, i buoni carburante elettronici (esclusi quindi i cartacei) sono anche acquistabili presso:

  • una rete selezionata di eni station (elenco pubblicato su www.travel.eni.com, sezione carte e buoni; buoni carburanti elettronici);
  • i negozi Esselunga;
  • il sito web www.esselunga.it alla sezione “spesa on line‘

 

Eventuali nuovi canali di vendita verranno comunicati esclusivamente sul sito www.travel.eni.com.

Back to top