San Donato Milanese (Milano), 20 febbraio 2012 – Eni per il secondo anno consecutivo si classifica al primo posto come azienda preferita dai laureati italiani. E’ quanto emerge dall’Employer of Choice Survey 2011, la classifica dei datori di lavoro più desiderati da chi, subito dopo la laurea, cerca una porta d’accesso al mondo del lavoro.

L’indagine promossa da Emblema – società di consulenza attiva nel campo del placement universitario e del corporate recruiting - si è svolta su un campione di 22.827 laureati e laureandi di 71 atenei italiani (età media 24,2 anni, media esami 27,4/30 e media voto di laurea 102,7/110) che hanno espresso la propria preferenza durante la terza edizione della Virtual Fair, che si è svolto online nel dicembre scorso.

Le parole chiave che hanno caratterizzato l’impresa ideale in cui andare a lavorare sono state: sviluppo professionale, formazione e opportunità internazionali dimostrando, ancora una volta, che i neo laureati sono alla ricerca di concrete possibilità che rendano il primo impiego un trampolino di lancio verso una carriera professionale stimolante.

Dalla classifica è emersa anche particolare attenzione verso la worklife balance, i valori aziendali e l’ambiente lavorativo che, per i più, deve essere informale e giovane, a dimostrazione che anche la vita personale e relazioni umane sono elementi importanti per effettuare una scelta.

A essere premiata è la capacità di Eni di offrire ai giovani stimolanti opportunità professionali, solidità economica, formazione internazionale, sensibilità ai temi di sviluppo sostenibile, valorizzazione delle persone, crescita e benessere delle comunità ospitanti, rispetto dell'ambiente e costante investimento nell'innovazione tecnologica. Cooperazione e interculturalità diventano in Eni lavoro di gruppo caratterizzato da scambi e mobilità a livello internazionale.

I giovani laureati hanno dimostrato di apprezzare la possibilità di lavorare in un’azienda italiana considerata un’eccellenza nel mondo, che premia il merito e dà l’opportunità di cogliere le sfide del mercato energetico globale.

Back to top