Alcune attività di produzione temporaneamente sospese in via precauzionale.

San Donato Milanese, 22 febbraio 2011 – In relazione all'attuale situazione in Libia alcune attività di produzione petrolifera e di gas naturale sono state temporaneamente sospese in via precauzionale e i relativi impianti sono stati messi in sicurezza.

Le installazioni di produzione e trattamento di idrocarburi nel Paese non hanno subito alcun danneggiamento.

E' inoltre in corso il completamento del rimpatrio dei propri dipendenti e dei familiari, avviato nella giornata di ieri.
In Libia rimangono ancora 34 dipendenti, presso i siti operativi e il presidio di Tripoli.

Eni ha provveduto a rafforzare ulteriormente le misure di sicurezza a tutela di persone e impianti e sta operando un costante monitoraggio della situazione in corso.

Back to top