Cover-Casf.jpg

CASF

Centro Agricolo di Sperimentazione e Formazione

Il progetto agricolo al servizio della comunità lucana

Il progetto CASF, nell’ambito dell’Energy Valley, è un’iniziativa che prevede la realizzazione di un “Centro Agricolo di Sperimentazione e Formazione” al servizio della comunità lucana per la promozione di un’agricoltura sostenibile e redditizia e per la valorizzazione delle aree marginali. Attraverso lo sviluppo di iniziative di sperimentazione agricola affiancate ad attività di formazione professionale e divulgazione, il Centro si propone quale leva di sviluppo della regione ponendosi come crocevia tra sistema produttivo, della formazione e della ricerca, favorendo il trasferimento tecnologico e di buone pratiche e innovazioni nel comparto agricolo.

Un centro agricolo con la funzione di polo dimostrativo

Ad oggi sono stati riqualificati 140.000 m2 attraverso lavori di pulitura, sfalcio, spietramento e ripuntatura dei terreni e sono in corso le operazioni di realizzazione di impianti arborei su 70.000 m2 con diverse varietà colturali di nocciolo, vite, ulivo, melograno, ciliegio, fico, susino, mandorlo e piccoli frutti per un totale di 11.850 piante e di oltre 90 varietà colturali; inoltre verranno realizzati i primi impianti di colture energetiche inclusa una collezione varietale e prove di rotazione su una superficie complessiva di circa 30.000 m2.

In un’ottica di smart farming, sono state avviate le prime applicazioni tecnologiche per un’agricoltura innovativa e di precisione, tra cui l’installazione e la messa in funzione di una centralina agro-meteorologica digitale, e la progettazione di una serra per colture orticole dotata di 30 moduli OPV (fotovoltaico organico).

La centralina meteorologica e il progetto di serra con OPV rappresentano i primi tentativi di portare l'esperienza di Eni nella gestione della transizione energetica e nell'evoluzione digitale dei processi a beneficio degli agricoltori della Val d'Agri.