Anche i robot
devono dormire!

N°66
27 Luglio 2020

Dormire, per gli uomini, è una necessità fisiologica indispensabile: permette di recuperare energia, di eliminare le tossine derivanti dal metabolismo e di riordinare i conflitti emozionali

Le macchine in grado di apprendere in maniera automatica si fondano sulle cosiddette reti neurali artificiali, modelli computazionali ispirati ai meccanismi che regolano l’acquisizione delle competenze umane

Le reti neurali artificiali

I ricercatori del laboratorio statunitense di Los Alamos, in Nuovo Messico, hanno scoperto che alcuni robot dotati di reti neurali artificiali recuperano una buona efficacia se vengono “messi a riposo”

Uno studio americano

Per riprodurre il meccanismo del riposo umano, i robot sono stati esposti a rumori cosiddetti “gaussiani”, che danno input simili a quelli ricevuti dai neuroni umani durante il sonno a onde lente

Il sonno dei robot

I ricercatori hanno osservato che le reti neurali tendono a diventare instabili dopo periodi di apprendimento incontrollato. Ed è proprio in questi momenti che questo “riposo” diventa efficace, per non dire necessario

Per recuperare
stabilità