Un supercalcolatore per la lotta al Covid-19

N°28
20 Aprile 2020

#togetherwerise

Si chiama HPC5 ed è il sistema di supercalcolo che Eni ha messo a disposizione di Cineca, consorzio di ricerca no profit, per far fronte all’emergenza globale di coronavirus

Una macchina all’avanguardia, in grado di sviluppare una potenza di elaborazione pari a quasi

Lo strumento

52 milioni
di miliardi

di operazioni matematiche
al secondo

Questa tecnologia sosterrà gli obiettivi del progetto europeo Exscalate4CoV guidato dall’azienda biofarmaceutica Dompé con lo scopo di trovare i farmaci più promettenti contro il Covid-19

In tal senso, la potenza di calcolo di HPC5 tornerà utile per effettuare la simulazione dinamica delle molecole di proteine virali, considerate rilevanti nel meccanismo di infezione da coronavirus

La modellazione molecolare

Non solo. Attraverso le banche dati contenenti più di 10 mila composti farmaceutici, infatti, HPC5 permetterà di identificare quelli più efficaci

Trovare il farmaco