Eni a fianco della Protezione Civile

Dossier

Io non rischio 2017

Eni a fianco della Protezione Civile

Rinnoviamo il nostro sostegno alla Protezione Civile anche in occasione dell’iniziativa “Io non rischio – buone pratiche di protezione civile”, il 14 e il 15 ottobre. La campagna del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale ci informa sui rischi naturali, quali terremoto, maremoto e alluvione. Nel nostro settore, siamo all’avanguardia della pianificazione d’emergenza, pronti a rispondere alle emergenze nazionali che interessano il nostro paese e che di conseguenza ci coinvolgono. Il coordinamento tra l’expertise messa a disposizione dalla nostra azienda e quella del Dipartimento della Protezione Civile ha potuto contribuire alla mitigazione dei potenziali effetti sugli asset aziendali e sulle nostre persone.

Io non rischio è un proposito, un’esortazione che va presa alla lettera. L’Italia è un paese esposto a molti rischi naturali, e questo è un fatto. Ma è altrettanto vero che l’esposizione individuale a questi rischi può essere sensibilmente ridotta attraverso la conoscenza del problema, la consapevolezza delle possibili conseguenze e l’adozione di alcuni semplici accorgimenti. La campagna ha lo scopo, quindi, di sensibilizzare la popolazione sui rischi connessi al proprio territorio, illustrando cosa è opportuno sapere e fare al verificarsi degli eventi.

La campagna

I nostri piani di risposta alle emergenze sono fondamentali per rispondere in maniera tempestiva. Flussi informativi, coordinamento, ruoli e responsabilità, logistica, sono solo alcuni degli argomenti che alimentano queste procedure. I piani d’emergenza sono il nostro direttore d’orchestra, spina dorsale di qualsiasi team che si trovi a dover trattare la gestione di uno scenario incidentale in corso.

La gestione delle emergenze parte da lontano, ed è soprattutto preparedness. Preparazione che si alimenta a sua volta di prevenzione, aspetti che al pari della gestione devono trovare ampio risalto all’interno dei piani d’emergenza.