alt image

Dossier

La nostra strategia in Italia

Investor Day, Milano, 18 aprile 2018

L’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi ha presentato alla comunità finanziaria italiana il Piano strategico della compagnia per il quadriennio 2018-2021, fornendo, con l’occasione, aggiornamenti sui risultati raggiunti nell’ambito della sicurezza, sulle attività green in Italia e sui passi compiuti nell’ambito ricerca e sviluppo.

Lavoriamo in decine di Paesi nel mondo e in ogni Paese integriamo le nostre competenze e la nostra passione con quelle delle popolazioni che ci ospitano, con risultati straordinari. Ma le nostre radici sono in Italia ed è proprio qui che vediamo il potenziale per investire di più. L’Italia è il nostro primo Paese a livello di investimenti: 7 miliardi di euro nei prossimi 4 anni, di cui 1 miliardo di euro destinato alle attività green, incluse le spese per la ricerca e sviluppo al servizio del processo di decarbonizzazione.

Claudio Descalzi

Eni considera la sicurezza delle persone un tema prioritario e attiva tutte le azioni necessarie per azzerare gli infortuni, tra cui: formazione, sviluppo di competenze e promozione della cultura della sicurezza. Nell’ambito della sicurezza, nel 2017 abbiamo confermato il primato nel settore sulla sicurezza nel lavoro, con un numero di eventi registrati per milioni di ore lavorate (Total Recordable Injury Rate) pari a 0,33, migliorando del 7% rispetto al risultato del 2016.

alt image

Siamo costantemente impegnati nella promozione della cultura della sicurezza: non è solo una priorità, ma un valore condiviso da tutte le nostre persone.

Stiamo realizzando impianti progettati con tecnologie innovative, da fonte rinnovabile di grande scala, per rilanciare l'occupazione e dare nuova vita ai siti industriali dismessi presenti sul territorio. Nel prossimo quadriennio 2018 - 2021, il Progetto Italia prevede l'installazione di oltre circa 220 megawatt di nuova capacità, con un investimento di circa 260 milioni di euro.

La nostra esperienza e le nostre tecnologie sono al servizio del territorio: diamo valore ai luoghi del nostro Paese per una sostenibilità di lungo periodo.

alt image

Grazie alla ricerca abbiamo consolidato e arricchito il nostro know how, formando nuove e importanti competenze interne. Lavoriamo con 50 istituiti tra Università e centri di ricerca, di cui oltre la metà in Italia, promuovendo un profondo scambio di conoscenze tra Eni e il Paese. Dal 2009 al 2017, abbiamo speso in ricerca e sviluppo 1,7 miliardi di euro, costruendo un portafoglio di tecnologie nei più svariati ambiti, dall’Upstream al Downstream, dalle rinnovabili alla salvaguardia ambientale fino alla sicurezza, per un totale di oltre 6 mila brevetti. Nell’arco del nuovo Piano investiremo oltre 750 milioni di euro.

Per garantire la sostenibilità a lungo termine promuoviamo la ricerca scientifica e tecnologica. La decarbonizzazione, una delle leve del nostro piano, si basa proprio sulla ricerca.

ECONOMIA VERDE

STRATEGY 2018-2021

  • alt

    La crescita di valore

    Il nostro piano strategico dei prossimi quattro anni vuole rafforzare il portafoglio delle attività di Eni. L'integrazione dei business, accompagnata da una rigorosa disciplina finanziaria e da un forte impegno in termini di digitalizzazione e decarbonizzazione, consentirà di sfruttare le opportunità di crescita e generare maggiore valore per i nostri azionisti.

    Leggi il dossier

DECARBONIZZAZIONE

  • alt

    L’attenzione all’ambiente

    Nel nostro Piano 2018-2021 la strategia di decarbonizzazione è fondamentale e garantisce sostenibilità a lungo termine e successo delle nostre attività. Si basa su quattro leve: la riduzione delle emissioni di CO2 nell’ambito delle nostre attività operative, il portafoglio oil & gas “low carbon” caratterizzato da progetti convenzionali e a bassa intensità di CO2, lo sviluppo dei business green attraverso l’impegno crescente nelle rinnovabili, e l’impegno in attività di ricerca scientifica e tecnologica.

    Guarda l’infografica