i
I volti di Eni

dossier

Carlo, veloce per passione

Guarda il video

Cinque storie tra vita privata e sfide professionali.

I volti di Eni è il nuovo format video che racconta le nostre persone: ingegneri, ricercatori, tecnici, ma anche madri e padri, famiglie e figli, valori e sogni. A loro, alla professionalità e passione che, ogni giorno, mettono sul lavoro e nella quotidianità abbiamo dedicato cinque video ritratti. Puntata dopo puntata, scopriremo come si lavora in Eni: tecnologie, attività, investimenti, ricerca. Con la consapevolezza che dietro ogni successo professionale c’è un progetto di vita.

È difficile riuscire a dormire quando sai che c’è il pozzo che sta facendo qualcosa

Giuseppe Valenti, geologo

Ha esperienza nello studio del sottosuolo, dall’Angola alla Russia. Affascinato dalle rocce fin da bambino, nei nostri laboratori analizza campioni di olio, dati e radiografie dai pozzi di tutto il mondo. Appena può, torna in montagna con bussola e martello.

All’inizio mi chiamavano Franceschina e a quel punto è subentrata la voglia di dimostrare che io sono anche l’ingegner Zarri

Francesca Zarri, ingegnere minerario

È abituata a gestire grandi impianti dal Congo alla Basilicata. Suo è il compito di controllare che tutto funzioni al meglio: il lavoro di ognuno, l’efficienza delle macchine, la sicurezza delle persone. Moglie e madre, trasmette la passione per l’energia alle sue due figlie.

Dietro ogni litro di gasolio, ogni litro di benzina o una tonnellata di jet per aerei c’è veramente tanto lavoro

Claudia Prati, ingegnere chimico

Coordina un’intera sezione della raffineria di Taranto, dove si lavorano gli idrocarburi prodotti in Basilicata. Un ruolo di grande responsabilità che la impegna a lungo fuori casa: per sostenerla e permetterle di svolgerlo al meglio, la sua famiglia si è riorganizzata raggiungendo un proprio personale equilibrio.

Ogni giorno c’è un aspetto che vogliamo capire e vogliamo migliorare

Alessandra Cominetti, tecnico della ricerca

Fa parte del nostro centro di ricerca sulle rinnovabili di Novara. Impegnata in un progetto sul fotovoltaico di ultima generazione, ha avuto l’intuito di tentare nuove soluzioni ottenendo risultati sorprendenti, tanto da essere premiata dal MIT di Boston con un importante riconoscimento internazionale.

Mi piace molto quello che faccio e riesco a farlo con passione: è quello che fa la differenza

CARLO FORTINI, INGEGNERE DELLE TELECOMUNICAZIONI

Lavora con HPC4: il supercomputer di Eni che studia il sottosuolo in cerca di nuove riserve di idrocarburi. La velocità è per lui sfida e passione: l’entusiasmo per la potenza di calcolo dei processori su cui lavora lo ritrova in pista, dove spinge al massimo la sua moto.

eni