Per noi scuola e impresa sono integrate

Dossier

Integrazione scuola-impresa

Eni sta andando oltre le previsioni e stima di coinvolgere oltre 5.200 studenti nei percorsi di alternanza scuola-lavoro nel triennio 2016-2018. In questo periodo sarà completata anche l’attivazione di 180 contratti di apprendistato di primo livello.

Siamo una delle tre aziende vincitrici della XII edizione del concorso nazionale Orientagiovani 2016. Un riconoscimento importante per il progetto alternanza scuola-lavoro e il progetto di apprendistato di primo livello. Per la prima volta dall’introduzione del Jobs Act e della Legge sulla Buona Scuola, un’azienda, Eni, e le Istituzioni stringono un accordo per lanciare un programma di formazione e lavoro. Due i percorsi intrapresi, apprendistato di primo livello e alternanza scuola-lavoro, unico l’obiettivo che vogliamo raggiungere: accrescere la possibilità per i giovani di entrare nel mondo del lavoro rafforzando le loro competenze tecnico-professionali.

Il Protocollo d’Intesa firmato con il Ministero dell’Istruzione (MIUR) e quello del Lavoro (MLPS) conferma la nostra strategia di integrazione con le istituzioni formative che già si avvaleva di percorsi di alta formazione sul settore Oil & Gas realizzati in partnership con Politecnici e Università.

Condividere con le altre aziende la nostra esperienza per promuovere la diffusione del contratto di apprendistato di primo livello e costituire uno strumento operativo utile per scuole e aziende. Con questi obiettivi Eni ha pubblicato la guida “Contratto di apprendistato di primo livello: strumenti normativi e gestionali”, elaborata valorizzando l’esperienza maturata nell’attivazione e gestione dei contratti attivati a partire dal 2016 in seguito alla firma del Protocollo d’Intesa tra Eni, MIUR e MLPS.

Gli studenti stanno iniziando un’esperienza che li introduce nel mondo lavorativo e in quello dell’energia. Prevalentemente vengono da Istituti tecnici e professionali e nel prossimo biennio frequenteranno alcuni dei siti industriali Eni - dalle raffinerie di Gela, Venezia o Sannazzaro, al Centro Oli in Val d’Agri.

TESTIMONIANZE

Ho visto l’Eni da una prospettiva migliore. La raffineria spesso è considerata come qualcosa che inquina e basta. Da oggi so che non è così: la sicurezza e l’ambiente sono aspetti prioritari per Eni.

Martina Lo Chiano, IISS E. Majorana - Gela

TESTIMONIANZE

In passato il lavoro e la scuola erano visti come mondi separati. Un progetto di questo tipo, messo a punto da un gigante come l’Eni, ci ha aiutato ad ampliare i nostri orizzonti in tutti i sensi.

Andrea Catalano, ITIS E. Morselli - Gela

Contro l’abbandono scolastico a Gela

LINGUAGGI INNOVATIVI

Al via il progetto pilota contro l’abbandono scolastico a Gela

L’Istituto Majorana di Gela ha visto i primi 80 studenti protagonisti del progetto contro l’abbandono scolastico: iPad, lavagne multimediali e computer introducono una nuova didattica.

Leggi la news

IL VALORE DELLE PERSONE

Da subito abbiamo colto l’opportunità di investire sul valore delle persone e dei territori presso cui operiamo attraverso i progetti di alternanza scuola-lavoro, nella consapevolezza che non solo la scuola, ma anche il lavoro educa.

Grazia Fimiani, Direttore HR e organizzazione

Video

A Gela il progetto ha coinvolto 200 studenti in un percorso di e-learning e otto giornate in sede. Un’occasione per rinforzare lo spirito di squadra, indispensabile a scuola e in azienda. Nel 2018 800 studenti avranno partecipato al programma.

Alternanza scuola-lavoro

I progetti di alternanza scuola-lavoro consistono in una serie di attività diverse: stage su tematiche organizzative, tecniche e gestionali specifiche di Eni, visite di studio nei siti Eni e altri siti di interesse per il settore energetico, workshop vòlti a individuare le competenze personali necessarie per l’inserimento nei contesti lavorativi, corsi in modalità e-learning per approfondire la conoscenza di Eni e del mondo dell’energia.