L’11 maggio 2017, nei laboratori di ricerca Eni di Bolgiano, il Presidente del Consiglio italiano, Paolo Gentiloni, e l’AD, Claudio Descalzi, hanno incontrato gli studenti coinvolti in tutte le iniziative Eni per la formazione, i docenti ed esponenti del mondo industriale, media ed istituzioni. L’evento ha rappresentato un’occasione per discutere con gli studenti delle prospettive dello scenario energetico nazionale e internazionale e le strategie di Eni per creare valore nel lungo termine.

Claudio Descalzi ha illustrato le strategie di Eni in Italia, dove l’azienda concentra non solo le sue eccellenze tecniche nell’upstream, ma anche il cuore delle attività midstream e downstream, contando su circa 70 mila persone tra personale diretto e indotto.  Tema chiave è stato il ruolo della trasformazione, della capacità di vedere e cogliere opportunità nel futuro, che per Eni significa far leva sulle proprie competenze, tecnologie e persone.

Nel mix energetico l'Italia è più avanti di Francia e Germania, così come nel tasso di riduzione delle emissioni di Co2 siamo migliori rispetto alla media europea. C'è ancora molto da fare nel campo delle rinnovabili, ma dobbiamo puntare all'orizzonte di zero carbone e zero povertà. È un'utopia forse, ma dobbiamo lavorarci.

Paolo Gentiloni

Per scrivere il futuro dell’energia abbiamo scelto con cura le nostre parole. Per questo abbiamo scelto di dedicare un sito al progetto Eni con l’Italia, creando un percorso fatto di parole chiave e immagini che accompagnano l’utente alla scoperta di tutte le attività in cui Eni è impegnata nel nostro Paese.

Con le Nazionali

  • Con le Nazionali

    Eni con l’Italia, sponsor fino al 2018 delle 17 nazionali italiane

    Siamo Top Sponsor delle 17 squadre nazionali della FIGC fino al 2018. Nel corso dei tre anni due eventi di massima rilevanza: i Campionati Europei 2016 in Francia e i Mondiali 2018 in Russia. Lo sport è per Eni lingua universale e luogo di incontro tra diverse culture, con valori condivisibili legati allo di spirito di squadra, alla salute della persona, all’integrazione e al rispetto reciproco. 

    vai al dossier

I numeri

IL COMMENTO

foto di Mattei.

Veniamo da tre anni di grandissima anomalia per il sistema energetico, anni in cui abbiamo dovuto fare grandissimi cambiamenti. Abbiamo dovuto cambiare pelle. Eni è abituata a passare attraverso le grandi trasformazioni. Eravamo gli ultimi, siamo diventati sesti al mondo, in alcune aree addirittura primi. Siamo riusciti ad emergere anche se siamo piccoli e non abbiamo risorse in casa.

Claudio Descalzi, AD Eni

Look for more